IT/Prabhupada 0035 - In Questo Corpo Ci Sono Due Entità Viventi

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

In Questo Corpo Ci Sono Due Entità Viventi
- Prabhupāda 0035


Lecture on BG 2.1-11 -- Johannesburg, October 17, 1975

Ora, Kṛṣṇa ha preso la posizione di guru e comincia a istruire. tam uvāca hṛṣīkeśaḥ. Hṛṣīkeśa. Un altro nome di Kṛṣṇa è Hṛṣīkeśa. Hṛṣīkeśa significa: hṛṣīka īśa. Hṛṣīka significa "sensi" e īśa significa "maestro." Perciò Kṛṣṇa è il maestro dei nostri sensi, dei sensi di tutti. Questo sarà spiegato nel tredicesimo capitolo: kṣetra-jñaṁ cāpi māṁ viddhi sarva-kṣetreṣu bhārata (BG 13.3). In questo corpo ci sono due entità viventi. Uno è se stessi, l'anima individuale, ātmā, e l'altro è Kṛṣṇa, Paramātmā. Īśvaraḥ sarva-bhūtānāṁ hṛd-deśe arjuna tiṣṭhati (BG 18.61) In realtà il propretario è il Paramātmā. Mi viene data la possibilità di usarli; quindi i miei sensi, i cosiddetti sensi, non sono i miei sensi. Non ho creato la mia mano. La mano è creata da Dio, o da Kṛṣṇa, attraverso l'intervento di questa natura materiale, e mi viene data la mano per usarla per il mio scopo, per mangiare, o raccogliere, ma in realtà non è la mia mano. Diversamente, quando questa mano si paralizza, posso reclamarla come "la mia mano", ma io non posso usarla perché il potere della mano viene ritirato dal proprietario. Proprio come in una casa, una casa in affitto in cui vivete. Se il proprietario della casa, il padrone di casa, vi da lo sfratto, non potete più vivere lì. Non è possibile utilizzarla. Allo stesso modo, possiamo usare questo corpo fino a quando il vero proprietario del corpo, Hṛṣīkeśa, ci permette di viverci. Perciò il nome di Kṛṣṇa è Hṛṣīkeśa. E questo Movimento per la Coscienza di Kṛṣṇa intende che abbiamo accettato i sensi da Kṛṣṇa. Dovrebbero essere usati per Kṛṣṇa. Invece di usarli per Kṛṣṇa, li stiamo usando per la nostra gratificazione dei sensi. Questa è la nostra miserevole condizione di vita. Proprio come se vivete in un luogo per il quale si deve pagare l'affitto, ma se non pagate l'affitto pensando che si tratti della vostra proprietà, allora avrete problemi. Allo stesso modo, Hṛṣīkeśa significa che il vero proprietario è Kṛṣṇa. Mi è stata data questa proprietà. Ciò è affermato nella Bhagavad-gītā.

īśvaraḥ sarva-bhūtānāṁ
hṛd-deśe 'rjuna tiṣṭhati
bhrāmayan sarva-bhūtāni
yantrārūḍhāni māyayā
(BG 18.61)

yantra: è una macchina. Questa macchina mi è stata data da Kṛṣṇa perché l'ho desiderato:"Se ottengo una macchina, come un corpo umano, allora posso godere in questo modo." Così Kṛṣṇa soddisfa il vostro desiderio: "Va bene." E se penso di ottenere una macchina con la quale posso succhiare direttamente il sangue di altri animali "Va bene" dice Kṛṣṇa, "Prendi la macchina di un corpo di tigre e usalo." Quindi questo sta accadendo. Perciò Il suo nome è Hṛṣīkeśa. E quando capiamo correttamente di non essere il proprietario di questo corpo, che Kṛṣṇa è il proprietario del corpo, che volevo un certo tipo di corpo per usarlo per la mia gratificazione dei sensi, me l'ha dato, ma non sono felice; perciò devo imparare ad utilizzare questa macchina per il proprietario, questa si chiama bhakti. hṛṣīkeṇa hṛṣīkeśa-sevanaṁ bhaktir ucyate (CC Madhya 19.170) Quando questi sensi -siccome Kṛṣṇa ne è il proprietario, è Lui il proprietario di questo corpo-, e quando questo corpo sarà utilizzato per il servizio a Kṛṣṇa, otterremo la perfezione della vita.