IT/Prabhupada 0073 - Vaikuntha Significa Senza Ansietà

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Vaikuntha Significa Senza Ansietà
- Prabhupāda 0073


Lecture on BG 10.2-3 -- New York, January 1, 1967

Non c'è bisogno di essere nella nostra Associazione per fare determinate cose, potete imparare quest'arte, e rimanere a casa vostra, potete anche prepare delle vivande, delle buone preparazioni, a casa vostra, e offrirle a Kṛṣṇa, non è molto difficile. Noi ogni giorno prepariamo del cibo e lo offriamo a Kṛṣṇa e cantiamo il mantra,

namo brahmaṇya-devāya
go-brāhmaṇa-hitāya ca
jagad-dhitāya kṛṣṇāya
govindāya namo namaḥ

Questo è tutto, non è molto complicato. Tutti possono preparare delle vivande e offrirle a Kṛṣṇa, e poi mangiarle, e dopo sedersi coi membri della famiglia o con amici e cantare davanti all'immagine di Kṛṣṇa,

Hare Kṛṣṇa Hare Kṛṣṇa Kṛṣṇa Kṛṣṇa Hare Hare
Hare Rāma Hare Rāma Rāma Rāma Hare Hare

e vivere una vita pura. Vedrete il risultato. Se in ogni casa, ogni persona, adotta questo principio di comprendere Kṛṣṇa, il mondo intero diventerà Vaikuṇṭha. Vaikuṇṭha significa "dove non c'è ansietà." Vaikuṇṭha. vai significa "senza," e kuṇṭha significa "ansietà." Questo mondo è pieno di ansia. sadā samudvigna-dhiyām asad-grahāt (SB 7.5.5) Siccome abbiamo accettato questa esistenza temporanea, la vita materiale, allora siamo sempre soffocati dall'ansietà. Proprio la cosa opposta è nel mondo spirituale, dove i pianeti sono chiamati Vaikuṇṭha, Vaikuṇṭha significa senza ansietà. Noi vogliamo essere liberi dalle ansie, tutti stanno cercando di liberarsi dalle ansietà, ma non si sa come liberarsi da queste ansietà. Questo prendere rifugio nell'intossicazione non è di alcuna utilità per liberare se stessi dalle ansie. È droga, è oblio. Alcune volte, per un pò, si dimentica tutto, ma poi, quando si ritorna coscienti, le stesse ansie e le stesse cose si ripresentano, quindi questo non vi aiuterà. Se si vuole essere liberi da ansie, e se si vuole effettivamente una vita eterna di beatitudine e di conoscenza, allora è questo il metodo. Questo è il metodo. Si deve capire Kṛṣṇa. Qui è affermato chiaramente: na me viduḥ sura-gaṇāḥ (BG 10.2). Nessuno può capire. Ma c'è un modo. sevonmukhe hi jihvādau svayam eva sphuraty adaḥ (Brs. 1.2.234) Questo è un metodo. Ci sono molti passi nello Śrīmad-Bhāgavatam dove questo metodo è descritto in differenti modi. Proprio come in un passo si afferma:

jñāne prayāsam udapāsya namanta eva
jīvanti san-mukharitāṁ bhavadīya-vārtām
sthāne sthitāḥ śruti-gatāṁ tanu-vāṅ-manobhir
ye prāyaśo 'jita jito 'py asi tais tri-lokyām
(SB 10.14.3)

È un verso molto bello, dice "Ajita:" nessuno può conoscerLo, Un altro nome di Dio è Ajita. Ajita significa che nessuno Lo può vincere, nessuno può avvicinarLo, per cui il Suo nome è Ajita. Ma Ajita si conquista: ajita jito 'py asi, benché il Signore sia inriconoscibile, il Signore sia invincibile, tuttavia Egli può essere conquistato. Come? sthāne sthitāḥ.