IT/Prabhupada 0209 - Come Tornare a Casa, Tornare a Dio

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Come Tornare a Casa, Tornare a Dio -
Prabhupāda 0209


Lecture on SB 6.1.16 -- Denver, June 29, 1975

Quindi la vita umana è fatta per questa purificazione. Stiamo lavorando molto duro per ottenere il nostro pane quotidiano. Le persone non stanno ottenendo il loro pane stando seduti pigramente. Questo non è possibile. Stanno lavorando molto duramente. Questa bella città di Denver, non è germogliata dalla giungla o dal deserto. Bisogna lavorare molto duramente per rendere questa città così bella, perfettamente stabile. Quindi dobbiamo lavorare. Se vogliamo la felicità, allora dobbiamo lavorare. Non vi è alcun dubbio. Ma Krishna dice yānti deva-vratā devān (BG 9.25) Qualcuno sta lavorando per diventare felice all'interno di questa atmosfera materiale, diventando un uomo molto grande in questo mondo, o un po' più intelligente; non sono felici in questa vita, ma vogliono diventare felici nella prossima vita. A volte raggiungono il sistema planetario più elevato. yānti deva-vratā devān pitṛn yānti pitṛ-vratāḥ (BG 9.25) Così come lavori, ottieni il risultato desiderato. Ma alla fine Krishna dice: mad-yājino'pi yānti mām 'Se lavorate per Me o se adorate Me, poi si arriva a Me". Allora dov'è la differenza tra andare a Krishna e rimanere in questo mondo? La differenza è ābrahma-bhuvanāl lokāḥ punar āvartino 'rjuna (BG 8.16) In questo mondo materiale, anche se si va sul pianeta più in alto, Brahmaloka, ancora c'è la nascita, la morte, la vecchiaia e la malattia. Oppure si deve tornare indietro di nuovo. Come questa gente che va sulla Luna e poi torna indietro nuovamente. Questo modo di andare e tornare non è un bene. yad gatvā na nivartante (BG 15.6). Se si raggiunge tale pianeta da cui non si deve tornare in questo mondo materiale allora è la più alta perfezione. Questo è Krsnaloka.

Così Krishna dice che "Se si sta lavorando duramente per diventare felice in questo mondo materiale, con lo stesso lavoro, se adori Me, Krishna, allora tu vieni da Me". mad-yājino 'pi yānti mām. Qual è il vantaggio particolare? mām upetya kaunteya duḥkhālayam aśāśvatam nāpnuvanti (BG 8.15) "Chiunque viene a Me, non dovrà tornare in questo mondo materiale" Così il nostro Movimento per la Coscienza di Krishna sta insegnando alla gente come tornare a casa, da Dio, Krishna. Ciò renderà le persone felici per l'eternità. Quindi, anche in questa vita, le persone coscienti di Krishna, non sono infelici. Si può vedere praticamente. Siamo seduti in una camera molto bella e cantiamo Hare Krishna e prendiamo prasadam -cibo consacrato-. Dove è l'infelicità? Non c'è infelicità. E gli altri procedimenti, devono sottostare a così tante procedure infelici. Qui, nella coscienza di Krishna, non c'è nulla di infelice. Si cita nella Bhagavad-gītā: susukham kartum avyayam (BG 9.2) susukham. Quando si esegue il servizio devozionale, non è solo sukham - sukham significa felicità - ma si aggiunge un'altra parola, susukham, "molto confortevole, molto felice". kartum, eseguire il servizio devozionale, è un grande piacere, grande felicità. E avyayam. avyayam significa qualunque cosa tu faccia, sarà una risorsa permanente. Le altre cose, sono periture. Supponete di essere una persona progredita, molto istruita avete superato esami M.A., Ph.D., diplomi, dottorati e quant'altro ma ciò non è avyayam; è vyayam. Vyayam significa che è perituro. Non appena il tuo corpo è finito, i vostri cosiddetti titoli sono tutti finiti. Poi anche nella prossima vita, se si diventa un essere umano ... Naturalmente ancora vi è possibilità di diventare MA, Ph.D., ma i titoli precedenti MA, Ph.D. in questa vita non contano.

Quindi, qualsiasi cosa stiamo acquisendo qui, non è avyayam. Vyayam significa spendibile, e 'a' significa "non", non spendibile. Se avete un po' di denaro, e lo si spende, allora è vyayam, finisce dopo qualche tempo. Avyayam significa che si spende tanto, ma ancora non finisce. Questo è avyayam. Così servizio devozionale a Krsna è spiegato come susukhaṁ kartum avyayam. Qualunque cosa si faccia, se avete raggiunto il successo al dieci per cento, il dieci per cento è vostro permanentemente. Pertanto è detto nella Bhagavad-gītā, śucīnāṁ śrīmatāṁ gehe yoga-bhraṣṭo sanjāyate (BG 6.41) 'Coloro che non hanno terminato col bhakti-yoga in questa vita, avranno un'altra opportunità di vita umana'. Non solo vita umana, si afferma che vanno sui pianeti celesti, godranno lì, e poi di nuovo tornaranno su questo pianeta. E inoltre non come uomini ordinari. śucīnāṁ śrīmatāṁ gehe: egli prende nascita in una famiglia molto santificata, come brāhmaṇa-vaiṣṇava, śucīnām, e śrīmatām, di famiglia molto ricca ..quindi sarà suo dovere...Quindi, coloro che sono nati ricchi.. voi americani, si suppone siate nati ricchi. In realtà è così. Così si dovrebbe pensare in questi termini, che "Grazie al nostro precedente servizio di devozione, per grazia di Krishna abbiamo avuto la nostra nascita in questo paese. Non c'è la povertà, śrīmatām. Quindi si dovrebbe prendere la coscienza di Krsna molto seriamente. Avete avuto l'occasione. Non siete estremamente poveri. Non dovete sprecare il vostro tempo, "Dov'è il cibo? Dov'è il cibo? Dove si trova il cibo?" Proprio come in altre nazioni estremamente povere, si vergognano per trovare il cibo. Ma voi siete molto fortunati, quindi non sprecate questa opportunità diventando hippies. Non sprecate. Diventate devoti, devoti di Krishna. Il Movimento per la Coscienza di Krishna c'è, e abbiamo così tanti centri. Basta solo provare a imparare questa scienza della coscienza di Krishna e rendere la vita perfetta. Questa è la nostra richiesta.

Grazie mille.