IT/Prabhupada 0256 - In Questo Kali-yuga Krishna è VenutoNella Forma del Suo Nome, Hare Krishna

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

In Questo Kali-yuga Krishna è Venuto Nella Forma del Suo Nome, Hare Krishna - Prabhupāda 0256


Lecture on BG 2.8 -- London, August 8, 1973

kṛṣṇa-varṇaṁ tviṣākṛṣṇaṁ
saṅgopaṅgāstra-pārṣadam
yajñaiḥ saṅkīrtanaiḥ prāyair
yajanti hi sumedhasaḥ
(SB 11.5.32)

Qui, in questa sala in particolare, kṛṣṇa-varṇaṁ tviṣākṛṣṇam, qui c'è Caitanya Mahāprabhu. Egli è Krishna stesso, ma la sua carnagione è akṛṣṇa, non è nera. kṛṣṇa-varṇaṁ tviṣākṛṣṇam. tviṣa, significa con carnagione. akṛṣṇa. Di colore giallastro. saṅgopaṅgāstra-pārṣadam è accompagnato dai Suoi collaboratori, Nityananda Prabhu, Advaita Prabhu, śrīvāsādi gaura-bhakta-vṛnda. Questo è la Divinità adorabile in questa Era. ṣṇa-varṇaṁ tviṣākṛṣṇa. E qual è il processo di adorazione? yajñaiḥ saṅkīrtanair prāyair yajanti hi sumedhasaḥ Questo saṅkīrtana-yajña come lo stiamo eseguendo davanti a Sri Caitanya, Nityānanda e gli altri, questa è la perfetta esecuzione del yajña in questa Era. Altrimenti nient'altro; per questo sta avendo successo. Questo è l'unico yajña prescritto. Altri yajña, Rājasūya yajña, quel yajña, quell'altro... Ci sono così tanti yajña; a volte in India svolgono dei cosiddetti yajña raccolgono del denaro, e questo è tutto non può esserci successo perché non c'è alcun yajnic brāhmaṇa. Il yajnic brāhmaṇa non esiste al giorno d'oggi. Il yajnic brāhmaṇa utilizza un test per controllare se sono pronunciati correttamente i mantra vedici. Il test era che un animale doveva essere messo nel fuoco e avrebbe ottenuto un nuovo corpo, fresco, giovane. Questa era la prova che il yajña era stato eseguito bene. I brāhmaṇa, i yajnic brāhmaṇa, sanno pronunciare i mantra dei Veda correttamente. Questo è il test. Ma dove è tale brāhmaṇa in in questa Era? Pertanto i yajña non sono raccomandati. Kalau pañca vivarjayet aśvamedham avalambhaṁ sannyāsaṁ bāla-paitṛkam devareṇa suta-pitṛ kalau pañca vivarjayet (CC Adi 17.164) Quindi non vi è alcun yajña in questa Era, non ci sono yajnic brāhmaṇa. Questo è l'unico yajña: cantare il mantra Hare Krishna e danzare in estasi. Questo è l'unico yajña.

Rājyaṁ surāṇām api cādhipatyam (BG 2.8) Anticamente ci sono stati molti demoni che avevano conquistato il regno degli esseri celesti. rājyaṁ surāṇām api cādhipatyam. Proprio come Hiraṇyakaśipu. Diffuse la sua autorità anche sul regno di Indra. indrāri-vyākulaṁ lokaṁ mṛdayanti yuge yuge (SB 1.3.28). indrāri. indrāri significa il nemico di Indra. Indra è il re dei pianeti celesti, e nemico significa demone. Gli esseri celesti e il loro nemici demoni. Proprio come noi abbiamo avuto molti nemici. Poiché stiamo cantando il mantra Hare Krishna , ci sono così tante critiche e anche tanti nemici. A loro non piace. Quindi è così da sempre. Ora il numero è aumentato. In precedenza ce ne sono stati alcuni, ora ce ne sono molti. Così dunque indrāri-vyākulaṁ lokam: quando questi demoni, la popolazione, la popolazione demoniaca aumenta, questo è vyākulaṁ lokam. Le persone diventano perplesse. indrāri vyākulaṁ lokaṁ mṛdayanti yuge yuge In quel momento Krishna arriva. ete cāṁśa-kalāḥ puṁsaḥ kṛṣṇas tu bhagavān svayam (SB 1.3.28). C'è un elenco di nomi delle incarnazioni di Krishna e di Dio. Ma dopo aver ricordato tutti i nomi, il Bhāgavata indica che tutti i nomi elencati sono rappresentazioni parziali di Krishna. Ma il nome, Krishna è lì, è vero, originale, personale. kṛṣṇas tu bhagavān svayam. Ed Egli viene. indrāri-vyākulaṁ loke. Quando le persone sono troppo confuse dagli attacchi dei demoni, Egli viene. Ed Egli lo conferma inoltre. Questo è śāstra. Uno śāstra dice che Egli viene con questa condizione e Krishna dice: "Sì, yadā yadā hi dharmasya glānir bhavati bhārata...tadātmānaṁ sṛjāmy aham (BG 4.7) in quel momento Io vengo".

In questo Kali-yuga, le persone sono molto disturbate. Pertanto, Krishna è venuto nella forma del Suo nome, Hare Krishna. Krishna non è venuto personalmente, ma col Suo nome. Ma poiché Krishna è assoluto, non c'è differenza tra il Suo nome e Se stesso. abhinnatvān nāma-nāminoḥ (CC Madhya 17.133) nāma-cintāmaṇi kṛṣṇa-caitanya-rasa-vigrahaḥ pūrṇaḥ śuddho nitya-muktaḥ. Il nome è completo. Siccome Krishna è completo, allo stesso modo il nome di Krishna è completo. śuddha. Non è una cosa materiale. pūrṇaḥ śuddhaḥ nityaḥ. Eterno. Poiché Krishna è eterno, anche il Suo nome è eterno. pūrṇaḥ śuddhaḥ nitya-muktaḥ. Non vi è alcuna concezione materiale nel canto del mantra Hare Krishna. abhinnatvān nāma-nāminoḥ. nāma, il santo Nome e il Signore, sono abhinna, identici. Quindi non si può essere felici, rājyaṁ surāṇām api cādhipatyam (BG 2.8) anche se otteniamo il regno dei deva, asapatya, senza alcun rivale, non possiamo essere felici fin tanto che abbiamo una concezione materiale della vita. Non è possibile. Ciò si spiega in questo verso. Grazie mille. Questo è tutto.