IT/Prabhupada 0260 - Sotto la Dittatura dei Sensi Stiamo Commettendo Peccati Vita Dopo Vita

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Sotto la Dittatura dei Sensi Stiamo Commettendo Peccati Vita Dopo Vita
- Prabhupada 0260


Lecture -- Seattle, September 27, 1968

Cercate di capire praticamente come i sensi siano forti. Non è che semplicemente i giovani sono servi dei sensi. Anche a 75 anni di età, 80 anni, o sul punto di morte, tutti sono servi dei sensi. I sensi non sono mai soddisfatti. Questo è dettato dalla materia. Quindi sono servo. Io sono servo dei miei sensi, e servendo i miei sensi non sono soddisfatto, né i miei sensi sono soddisfatti, e non sono contenti di me. C'è il caos. Quindi questo è il problema. Quindi la cosa migliore... perciò Krishna dice

sarva-dharmān parityajya
mām ekaṁ śaraṇaṁ vraja
ahaṁ tvāṁ sarva-pāpebhyo
mokṣayiṣyāmi mā śucaḥ
(BG 18.66)

Hai servito i sensi per così tante vite, vita dopo vita 8.400.000 specie di vita. Gli uccelli, anche loro devono sottostare ai sensi. Le bestie, anche loro devono sottostare ai sensi. Gli uomini, l'essere umano, e tutti, gli esseri celesti, tutti in questo mondo materiale, anche loro devono sottostare ai sensi., servendo i sensi. Ma Krishna dice: "Devi arrendi a Me. Basta accettare di servire Me. Allora Mi prenderò cura di te". Tutto qui. ahaṁ tvāṁ sarva-pāpebhyo mokṣayiṣyāmi mā śucaḥ. Perché sotto le indicazioni dei sensi stiamo commettendo attività peccaminose vita dopo la vita perciò siamo presenti in diverse categorie di corpi. Non pensiate che tutti siano allo stesso livello. No. Secondo il proprio lavoro si ottiene un tipo di corpo. Così questi diversi tipi di corpi sono dovuti a diversi gradi di gratificazione dei sensi. La gratificazione dei sensi c'è anche nella vita del porco. Perché gli è stato offerto un corpo da maiale? Tanto sensoriale che non fa alcuna discriminazione, chi è la madre, chi è la sorella, o chi è questo, o chi è quello. In pratica è così, lo si vede. I cani e i maiali sono così. Nella società umana ci sono anche molti a cui non importa chi è la madre, chi è la sorella, o chi è questo. I sensi sono così forti. E questa è la causa di tutte le nostre sofferenze, cercate di capire. Le tre forme di miserie che ci fanno soffrire, che stiamo cercando di risolvere sono dovute a questi comandi dei sensi. Perciò Krishna è lì. Krishna è lì. Il suo nome è Madana-mohana. Se si tenta di trasferire il proprio amore dai sensi a Krishna, allora si vedrà il risultato. Lo troverete immediatamente. sevonmukhe hi jihvādau (BRS. 1.2.234) Quindi questo falso sforzo di voler essere padrone di tutto ciò che si esamina essere il monarca di tutto ciò che rileviamo, questo atteggiamento dovrebbe essere abbandonato. Ognuno di noi è costituzionalmente servitore. Ora, in questo momento, siamo servi dei sensi ora, questa servitù dovrebbe essere modificata e diretta solo a Krishna sevonmukhe hi jihvādau svayam eva sphuraty adaḥ e non appena si trasferisce questa servitù verso Krishna e gradualmente, non appena si diventa sinceri, Krishna Si rivela a voi, e la reciprocità di servizio tra Krishna e te sarà così bella. Che si ami Lui come amico, o padrone, o amante, o... ci sono così tanti modi in qualsiasi modo si può provare ad amarLo e vedere quanto si è soddisfatti Questo è il Movimento per la Coscienza di Krishna. Vi prego di cercare di capire.