IT/Prabhupada 0307 - Non Solo Pensare a Krishna Ma Anche Lavorare Per Krishna

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Non Solo Pensare a Krishna Ma Anche Lavorare Per Krishna
- Prabhupada 0307


Lecture -- Seattle, October 2, 1968

Prabhupāda: La tua mente ha detto: "Andiamo a questa nuova associazione ISKCON". E così le tue gambe ti hanno portato qui. Quindi, per la mente pensare, sentire, volere, queste sono le funzioni della mente. Così la mente pensa, sente, e loro lavorano. Quindi bisogna fissare la vostra mente non solo pensando a Krishna, ma anche lavorando per Krishna, sentendo Krishna. Questa è meditazione completa. Ciò si chiama samādhi. La vostra mente non può andare via. Bisogna impegnare la propria mente in modo tale che la mente penserà a Krishna, sentire per Krishna, lavorare per Krishna. Questa è completa meditazione.

Ragazzo: Che cosa fate con i vostri occhi? Chiudete gli occhi?

Prabhupāda: Sì, gli occhi sono uno dei sensi. La mente è il senso generale, e sotto il governatore generale, ci sono particolari commissari o funzionari subordinati. Così gli occhi, la mano, la gamba, la lingua...dieci sensi stanno lavorando sotto la direzione della mente. Così la mente si esprime, si manifesta attraverso i sensi. Quindi a meno che non si impegnino i sensi nello stesso modo in cui la mente sta pensando, sentendo, non c'è la perfezione. Ci saranno di disturbo. Se la vostra mente sta pensando a Krishna e gli occhi stanno vedendo un'altra cosa, ci saranno interruzioni o contraddizioni. Quindi sotto... dovete prima di tutto fissare la vostra mente in Krsna, e poi tutti gli altri sensi saranno impegnati nel servizio a Krishna. Questa è bhakti.

sarvopādhi-vinirmuktaṁ
tat-paratvena nirmalam
hṛṣīkeṇa hṛṣīkeśa-
sevanaṁ bhaktir ucyate
(CC Madhya 19.170)

Hṛṣīka, hṛṣīka significa sensi. Quando impegnate i vostri sensi al servizio del maestro dei sensi. Krishna è chiamato Hṛṣīkeśa, o il Maestro dei sensi. Cercate di capire cosa significa Maestro dei sensi. Proprio come questa mano. La mano sta lavorando molto bene, ma se la mano è paralizzata o Krsna ritira il potere, allora la tua mano è inutile. Non è possibile ripristinarlo. Quindi non sei padrone della tua mano. Stai pensando erroneamente: "Io sono padrone della mia mano". Ma in realtà, non sei il padrone. Il padrona è Krishna. Pertanto, quando i vostri sensi saranno impegnati al servizio del padrone dei sensi, ciò si chiama bhakti, servizio devozionale. Ora i sensi sono impegnati secondo la mia designazione. Io penso: "Questo corpo è inteso per la soddisfazione di mia moglie o mio questo o quello, tante cose, il mio paese, la mia società". Questa è la destinazione. Ma quando si arriva alla piattaforma spirituale, capisci: "Io sono parte integrante del Supremo, quindi le mie attività dovrebbero soddisfare il Supremo". Questa è bhakti. sarvopādhi-vinirmuktam (CC Madhya 19.170), essere liberato da ogni designazione. Quando i tuoi sensi sono purificati, e quando quei sensi sono impegnati al servizio del Maestro dei sensi, ciò si chiama agire in coscienza di Krishna. Qual è la tua domanda? Quindi la meditazione, l'impegno della mente, dovrebbe essere in questo modo. Allora sarà perfetto. In caso contrario, la mente è così vacillante e mutevole che, se non la fissate, a un certo punto... Fissare vuol dire...la mente vuole fare qualcosa perché il sintomo della mente è pensare, sentire e volere, quindi devi allenare la mente in modo tale che penserai a Krsna, sentirai per Krishna, lavorerai per Krishna. Questo è samādhi. Questa è perfetta meditazione.