IT/Prabhupada 0385 - Spiegazione di "Gauranga Bolite Habe"

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Spiegazione di "Gauranga Bolite Habe"
- Prabhupāda 0385


Purport to Gauranga Bolite Habe -- Los Angeles, December 29, 1968

Questa canzone è stata cantata da Narottama dāsa Ṭhākura, un grande devoto ācārya nella successione di maestri della Gauḍīya Vaiṣṇava Sampradāya. Gauḍīya Vaiṣṇava Sampradāya indica la successione di maestri che discendono dal Signore Caitanya. Questo Narottama dāsa Ṭhākura ha scritto molte canzoni ed è riconosciuto come un'autorità da parte di tutti i Vaiṣṇava. Cantava le canzoni in semplice linguaggio Bengali, ma il significato e il senso profondo della canzone è molto significativo. Egli dice: gaurāṅga bolite habe pulaka-śarīra. Questa è la perfezione del canto: che non appena cantiamo o accettiamo il nome del Signore Gaurāṅga, Colui che ha avviato il movimento del Saṅkīrtana, contemporaneamente ci sarà un brivido nel corpo. Questo non è da imitare. Ma Narottama dāsa Ṭhākura assicura che quando quel momento opportuno verrà a noi, non appena canteremo il nome del Signore Gaurāṅga ci saranno brividi del corpo. E dopo questi brividi, hari hari bolite nayane ba'be nīr, cantando Hare Krsna ci saranno lacrime agli occhi. Poi dice ancora: āra kabe nitāicand koruṇā karibe, tutti chiediamo la misericordia del Signore Nityānanda. Nityānanda è ritenuto essere il maestro spirituale originale. Quindi dobbiamo raggiungere Gaurāṅga, il Signore Caitanya, attraverso la misericordia di Sri Nityānanda. Qual è il sintomo di una persona che ha ottento la misericordia senza causa del Signore Nityānanda? Narottama dāsa Ṭhākura dice che chi ha effettivamente ricevuto la misericordia senza causa di Nityānanda non ha più alcun desiderio materiale. Questo è il sintomo. āra kabe nitāicand koruṇā karibe saṁsāra-vāsanā mora kabe tuccha. saṁsāra-vāsanā si riferisce al desiderio di godimento materiale, quando ciò diventerà molto insignificante. Naturalmente, finché abbiamo questo corpo dobbiamo accettare tante cose materiali; ma non con spirito di godimento, bensì per mantenere insieme il corpo e l'anima. E dice ancora: rūpa-raghuṇatha-pade haibe ākuti. Quando sarò molto desideroso di studiare i libri lasciati dai sei Gosvāmī? ākuti indica il fervore. Perché Rūpa Gosvāmī è il padre di questo servizio devozionale. Ha scritto quel libro, il Bhakti-rasāmṛta-sindhu. In quel libro ci sono buone indicazioni. Naturalmente anche nella Caitanya-caritāmṛta, e altri libri... Abbiamo dato la sintesi di quelle indicazioni nel nostro libro 'Gli Insegnamenti di Sri Caitanya'. Quindi uno deve apprendere l'amore coniugale di Rādhā-Kṛṣṇa attraverso gli insegnamenti di questi sei Gosvāmī. Narottama dāsa Ṭhākura ci dà l'indicazione di non tentare di capire l'amore coniugale di Rādhā-Kṛṣṇa col nostro proprio sforzo. Si dovrebbero cercare di capire dalle indicazioni dei Gosvāmī. Quindi Narottama dāsa Ṭhākura canta...(interrotto) ... Narottama.

rūpa-raghunātha-pade haibe ākuti
kabe hāma bujhaba śrī yugala-pīriti

yugala-pīriti significa amore coniugale. E in un altra strofa canta: viṣaya chāḍiyā kabe śuddha ha'be mana. Questa mente è da così tanto, tanto tempo, troppo assorta nel pensiero materialista, che non può entrare nel regno di Vṛndāvana. Narottama dāsa Ṭhākura dice: viṣaya chāḍiyā kabe śuddha ha'be mana, "Quando la mia mente sarà completamente purificata, libera da ansie e desideri materiali, allora sarò in grado di capire ciò che è Vṛndāvana, cos'è l'amore coniugale di Rādhā e Kṛishna, e allora la mia vita spirituale avrà successo.