IT/Prabhupada 0397 - Spiegazione di "Radha-Krishna Bol"

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Spiegazione di "Radha-Krishna Bol"
- Prabhupāda 0397


Purport to Radha-Krsna Bol

'Rādhā-Kṛṣṇa' bolo bolo bolo re sobāi. Questa è una canzone cantata da Ṭhākura Bhaktivinode. Si dice che il Signore Caitanya e Nityānanda camminano per le strade della città di Nadīyā cantando questa istruzione, rivolgendosi a tutti. Essi dicono: "Voi tutti! Vi preghiamo, cantate Rādhā-Krishna, o Hare Krishna!". 'Rādhā-Kṛṣṇa' bolo bolo bolo re sobāi. "Ognuno di voi canti semplicemente Rādhā-Krishna o Hare Krishna". "Questa è l'istruzione", ei śikhā diyā. Sri Caitanya e Nityānanda, entrambi insieme, camminando e ballando per la strada, istruivano: "Tutti voi, dite semplicemente 'Rādhā-Krishna!'". ei śikhā diyā, sab nadīyā, phirche nece' gaura-nitāi. phirche. phirche significa camminare. In tutto il villaggio di Nadīyā insegnavano così. ei śikhā diyā, sab nadīyā, phirche nece' gaura-nitāi. Poi dice: keno māyār bośe, jāccho bhese’, "Perché siete stati trascinati via dalle onde di questa māyā, l'ignoranza materiale?", khāccho hābuḍubu, bhāi, "E tutto il giorno e la notte siete solamente immersi nell'ansia?". Proprio come un uomo nell'acqua, che a volte è in procinto di annegare e a volte riemerge, lottando faticosamente. Allo stesso modo, perché si sta lottando così tanto nell'oceano di māyā? A volte sommerso, a volte riemergendo, a volte provando felicità, a volte nessuna felicità. In realtà, non c'è felicità. In acqua, se vienite immersi, andando a volte sotto e talvolta riemergendo, ciò non vuol dire felicità. Riemergere per un momento limitato, e poi di nuovo annegare, non è felicità". Così Caitanya Mahāprabhu sta istruendo: "Perché stai tribolando così tanto", māyār bośe, "sotto l'incantesimo di māyā?". Quindi cosa si deve fare? Egli dice: jīv kṛṣṇa-dās e viśvās, "Basta solo credere che sei il servitore di Dio; tu sei il servitore di Krisna". jīv kṛṣṇa-dās, e viśvās, korle to' ār duḥkha nāi: "Non appena si arriva a questo punto di essere servitore di Dio o servitore di Krishna, immediatamente tutti i tuoi problemi cessano. Non c'è più nessun problema". Questo insegnava il Signore Caitanya camminando per le strade. jīv kṛṣṇa-dās e viśvās korle to' ār duḥkha nāi. Poi Bhaktivinoda Ṭhākura dà la propria esperienza personale. Dice: jay sakal vipod, "Mi libero da ogni tipo di pericolo". gāi bhaktivinod. Bhaktivinoda Ṭhākura, che è un ācārya di esperienza, dice: "Ogni volta che io canto Rādhā-Krishna o Hare Krishna, mi libero da ogni tipo di pericolo". jay sakal vipod. jakhon ami o-nām gāi: "Ogni volta che io canto questo Santo Nome, Hare Krishna o Rādhā-Krishna, immediatamente tutti i miei pericoli finiscono". 'rādhā-kṛṣṇa' bolo, saṅge calo. Così Sri Caitanya afferma quindi: "Cammino per la strada e vi chiedo la carità. Qual è questa carità? Che semplicemente cantiate. Questa è la mia richiesta di carità". 'rādhā-kṛṣṇa' bolo, saṅge calo. "Basta seguirMi". 'rādhā-kṛṣṇa' bolo, saṅge calo, ei-mātra bhikṣā cāi: "Vi chiedo semplicemente questo contributo, che cantiate Hare Krishna; e di seguirMi, così questa vostra lotta per l'esistenza in questo oceano materiale cesserà".