IT/Prabhupada 0580 - Non Possiamo Soddisfare i Nostri Desideri Senza Che Dio Sancisca

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Non Possiamo Soddisfare i Nostri Desideri Senza Che Dio Sancisca - Prabhupāda 0580


Lecture on BG 2.21-22 -- London, August 26, 1973

sarvasya cāhaṁ hṛdi sanniviṣṭaḥ: "Sono situato nel cuore di ognuno." Trovare Dio, trovare Krishna. In diversi luoghi. In tutta la letteratura Vedica. guhāyām. guhāyām significa nel cuore. sarvasya cāhaṁ hṛdi sanniviṣṭo mattaḥ smṛtir jñānam apohanaṁ ca (BG 15.15). Il direttore supremo, Krishna, è situato lì ed è Lui che dirige: "Questo essere vivente vuole realizzare il suo desiderio in questo modo". E così Lui dà indicazioni alla natura materiale: "Prepara un veicolo, un corpo, per questo mascalzone in questo modo. Vuole godere. Va bene, che goda". Succede così. Siamo tutti farabutti, stiamo fabbricando nostri diversi stili di vita. "Io penso". Voi pensate, e non appena state pensando... Ma non possiamo realizzare i nostri desideri senza la sanzione di Dio. Questo non è possibile. Ma poiché persistiamo, "Io voglio realizzare il mio desiderio in questo modo!", Krishna autorizza: "Va bene." Proprio come quando un bambino insiste per volere qualcosa e il padre la concede: "Va bene, prendila." Così otteniamo tutti questi corpi, sebbene la sanzione del Signore Supremo venga fatta a malincuore: "Perchè questo mascalzone vulole ciò?" Questa è la nostra condiizione. Pertanto, alla fine Krishna dice: sarva-dharmān parityajya, (BG 18.66), "Rinuncia a queste mascalzonate, tipo: 'Voglio questo corpo', 'Voglio quel corpo', 'Voglio godermi la vita in questo modo'... Rinuncia a tutte queste insensatezze."

Qui, nella letteratura Vedica troviamo che sia il Signore che l'essere individuale sono situati nel cuore. L'entità vivente, jīva, desidera e il padrone dispone. E la prakṛti, la natura materiale, fornisce il corpo: —"Ecco pronto il corpo, signore! Venga." Pertanto, la causa originaria del nostro legame, o della liberazione, è il nostro desiderio, ciò che stiamo desiderando. Se vuoi, se desideri liberarti da queste implicazioni di nascita, morte, vecchiaia e malattia, è già pronto; e se desideri continuare con queste implicazioni c'è un cambiamento di corpo, vāsāṁsi jīrṇāni (BG 2.22); perché non si può godere la vita spirituale in questo corpo materiale. Si può godere di questo mondo materiale con questo corpo materiale, e se si vuole godere della vita spirituale, allora si deve godere col corpo spirituale. Ma non avendo notizie sulla vita spirituale, del piacere spirituale, desideriamo semplicemente godere di questo mondo. punaḥ punaś carvita-carvaṇānām (SB 7.5.30), masticare il masticato. Lo stesso sesso, lo stesso di uomo e donna che ne stanno godendo a casa, di nuovo lo stesso di andare in locali di nudo. L'oggetto è lo stesso: il sesso; o qui o là. Ma loro pensano: "Se vado a teatro o a uno spogliarello sarà molto piacevole." Questo si chiama punaḥ punaś carvita-carvaṇānām (SB 7.5.30), masticare il masticato. Masticare la stessa vita sessuale a casa, masticare andando nei club: masticare il masticato. Non vi è alcun rasa, non c'è gusto, sentimento; per questo rimangono delusi, perché le cose sono le stesse. Proprio come aver masticato una canna da zucchero per estrarne il succo e poi masticarla di nuovo; che cosa otterrete? Ma hanno la testa ottusa quei mascalzoni, loro non lo sanno. Stanno cercando di ottenere il piacere di cui hano già goduto, che hanno già assaggiato. punaḥ punaś carvita-carvaṇānām (SB 7.5.30). adānta-gobhir viśatāṁ tamisraṁ punah Punas carvita-carvaṇānām. Un essere umano può accorgersi che quando i cani fanno sesso non provano vergogna. Molte persone lussuriose stanno lì e guardano. Guardare significa che sono disposti, "Se potessi godere in strada in questo modo". E a volte lo fanno. Questo sta succedendo. Punaḥ punaś carvita-carvaṇānām.