IT/Prabhupada 0624 - Anche Dio è Eterno e Anche Noi Siamo Eterni

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Anche Dio è Eterno e Anche Noi Siamo Eterni
- Prabhupāda 0624


Lecture on BG 2.13 -- Pittsburgh, September 8, 1972

Dobbiamo ricevere questa conoscenza dalla autorità. Qui c'è Krishna che parla. Lui è l'autorità. Noi accettiamo Krishna, la Persona Suprema. La Sua conoscenza è perfetta. Egli conosce passato, presente e futuro. Perciò Egli sta insegnando ad Arjuna: "Mio caro Arjuna, l'anima spirituale all'interno di questo corpo è eterna." Questo è un dato di fatto. Proprio come posso capire che io c'ero in passato, ci sono nel presente, quindi devo esserci in futuro. Queste sono le tre fasi del tempo: passato, presente e futuro. In un altro punto dela Bhagavad-gītā si legge: na jāyate na mriyate vā kadācit (BG 2.20). L'essere vivente non è mai nato e nemmeno muore. Na jāyate significa che non nasce; na jāyate na mriyate, e non muore mai. Nityaṁ śāśvato 'yam, na hanyate hanyamāne śarīre (BG 2.20). E' eterno, śāśvata, esiste da sempre.; na hanyate hanyamāne śarīre (BG 2.20), con l'annientamento di questo corpo, l'anima non muore. Ciò è confermato anche nelle Upaniṣads, i Veda: nityo nityānāṁ cetanaś cetanānām eko bahūnāṁ vidadhāti kāmān (Kaṭha Upaniṣad 2.2.13). Dio è eterno, e anche noi siamo eterni. Noi siamo parti integranti di Dio. Proprio come l'oro e il frammento di oro; entrambi sono oro. Sebbene io sia un frammento, una particella di oro o di spirito, tuttavia io sono spirito. Abbiamo questa informazione che sia Dio che noi esseri viventi siamo eterni. Nityo nityānām; nitya significa eterno.

Qui ci sono due parole. Uno è singolare, nitya, eterno, e l'altro è plurale, nityānām. Noi siamo il plurale. Eterni plurali. Non sappiamo quale sia la composizione numerica delle entità viventi. Sono descritti come asaṅkhya. Asaṅkhya significa incalcolabii. Milioni e miliardi. Allora qual è la differenza tra questo singolare e il plurale? Il plurale dipende dal singolare: eko bahūnāṁ vidadhāti kāmān. Il singolare eterno sta provvedendo a tutte le necessità vitali del plurale, noi esseri viventi. Questa è una realtà che possiamo esaminare con la nostra intelligenza. Tra le 8.400.000 diverse forme di vita, noi esseri umani civilizzati siamo molto pochi. Ma il loro numero degli altri è molto grande. Proprio come nell'acqua. Jalajā nava-lakṣāṇi: ci sono 900.000 specie di vita acquatiche. Sthāvarā lakṣa-viṁśati: e 2.000.000 diverse forme di vita nel regno vegetale, alberi e piante jala-jā nava-lakṣāṇi sthāvarā lakṣa-viṁśati kṛmayo rudra-saṅkhyayaḥ (Viṣṇu Purāṇa). E gli insetti sono in 1.100.000 diverse specie di forme. Kṛmayo rudra-saṅkhyayaḥ pakṣīṇāṁ daśa-lakṣaṇam. E gli uccelli sono in 1.000.000 di specie. Poi le bestie, paśavas triṁśa-lakṣāṇi: 3.000.000 tipi di animali a quattro zampe. E catur-lakṣāṇi mānuṣaḥ, le forme umane sono 400.000 di cui la maggior parte non civilizzate.