IT/Prabhupada 0783 - Siamo Giunti in Questo Mondo Materiale Con Gran Spirito di Godimento. Perciò Siamo Caduti

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Siamo Giunti in Questo Mondo Materiale Con Gran Spirito di Godimento. Perciò Siamo Caduti
- Prabhupāda 0783


Lecture on BG 1.21-22 -- London, July 18, 1973

Krishna è indicato qui come Acyuta. Cyuta significa caduto, e acyuta significa non caduto. Proprio come noi siamo caduti, siamo anime condizionate cadute. Siamo venuti in questo mondo materiale con uno spirito di godimento. Siamo caduti per questo. Se si mantiene la propria posizione rettamente, non si cade. In caso contrario, si è degradati. Quella è la condizione caduta. Tutti gli esseri viventi all'interno di questo mondo materiale, a partire da Brahmā fino alla piccola formica insignificante, sono tutti caduti, anime condizionate cadute. Perché sono cadute?

kṛṣṇa bhuliya jīva bhoga vañcha kare
pāśate māyā tāre jāpaṭiyā dhare
(Prema-vivarta)

Per caduti s'intendono gli esseri quando sono sotto le grinfie di questa energia materiale. Quelli sono chiamati caduti. Proprio come un uomo quando è sotto la custodia della polizia, è inteso che è un criminale, è caduto. Egli è caduto dalla virtuosa cittadinanza. Allo stesso modo, siamo tutti parti integranti di Krishna, mamaivāṁśo jīva-bhuta (BG 15.7). Quindi, come parte integrante, la nostra posizione è di vivere con Krishna. Proprio come questo mio dito è parte integrante del mio corpo. Il dito deve rimanere attaccato a questo corpo. Quando questo dito viene tagliato e cade, sebbene rimanga un dito, non è più importante come in precedenza quando era fissato a questo corpo. Quindi, chiunque non sia attaccato al servizio reso al Signore Supremo, è caduto; questa è la conclusione.

Ma Krishna non è caduto. Perciò Egli viene a chiamarci.

yadā yadā hi dharmasya
glānir bhavati bhārata
abhyutthānam adharmasya
tadātmānaṁ sṛjāmy aham
(BG 4.7)

Krishna dice: "Io appaio quando ci sono disaccordi riguardo ai doveri occupazionali degli esseri viventi", dharmasya glānir bhavati. Noi non traduciamo dharma con "religione". Religione, nel dizionario inglese, è "una sorta di fede". La fede può essere cambiata, ma la parola dharma indica una cosa che non può essere modificata. Se viene cambiata, si deve intendere artificiosa. Proprio come l'acqua. L'acqua è liquida, lo sanno tutti. Ma a volte l'acqua diventa dura, molto dura, il ghiaccio. Quella non è la condizione naturale dell'acqua. Artificialmente, a causa di un eccessivo freddo o con mezzi artificiali l'acqua diventa solida, ma la condizione reale dell'acqua è la liquidità.

Così, anche quando siamo staccati dal servizio al Signore questo è innaturale. Innaturale. La condizione naturale è che dobbiamo essere impegnati nel servizio al Signore; questa è la nostra posizione naturale. Pertanto, il vaisnava Kavi dice: kṛṣṇa bhuliya jīva bhoga vañcha kare (Prema-vivarta). Quando un essere vivente dimentica Krishna, dimentica la posizione di Krishna... La posizione di Krishna... Krishna dice: bhoktāraṁ yajña-tapasāṁ sarva-loka-maheśvaram: (BG 5.29), "Io sono il proprietario, io sono il beneficiario." Questa è la posizione di Krishna, e Lui non cade mai da quella posizione. Krishna è il beneficiario, mantiene sempre quella posizione. Non cade mai. Non arriva mai alla posizione di essere goduto, questo non è possibile. Se si desidera portare Krishna nella posizione di essere goduto, allora si viene sconfitti. Essere goduto significa tenere Krishna davanti e volere qualche vantaggio nella gratificazione dei sensi. Questa è la nostra posizione innaturale. Krishna non sarà mai d'accordo. Krishna non sarà mai d'accordo. Krishna non può essere goduto. Lui è sempre il beneficiario. Lui è sempre il proprietario. Per cui kṛṣṇa bhuliya jīva indica quando ci dimentichiamo di questa posizione di Krishna, che Egli è il Supremo beneficiario, Egli è il proprietario supremo. Questa si chiama dimenticanza. Non appena penso: "Io sono il fruitore, io sono proprietario", quello è il mio stato caduto. Kṛṣṇa bhuliya jīva bhoga vañcha kare (Prema-vivarta). Jāpaṭiyā dhare, māyā immediatamente ci cattura.