IT/Prabhupada 0830 - La Filosofia Vaisnava è Questa: Stiamo Tentado di Essere Servitori

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

La Filosofia Vaisnava è Questa: Stiamo Tentado di Essere Servitori
- Prabhupāda 0830


Lecture on SB 1.2.30 -- Vrndavana, November 9, 1972

Krishna è vibhu, noi siamo aṇu. Non consideriamo mai che siamo uguali a Krishna. Questa è una grande offesa. Ciò si chiama māyā. Questa è l'ultima trappola di māyā. A dire il vero, siamo giunti in questo mondo materiale per diventare uno con Krishna; abbiamo pensato che saremmo diventati come Krishna.

kṛṣṇa-bahirmukha hañā bhoga vāñchā kare
nikaṭa-stha māyā tāre jāpaṭiyā dhare
(Prema-vivarta)

Poiché abbiamo voluto diventare uno con Krishna, competere con Krishna, allora siamo stati messi in questo mondo materiale, māyā tāre jāpaṭiyā dhare. E qui, in questo mondo materiale, si sta continuando; ognuno sta cercando di diventare Krishna. Ciò è māyā. Tutti. —"Prima di tutto, permettetemi di diventare una persona importante, poi lasciatemi diventare ministro, lasciatemi diventare presidente". In questo modo, quando tutto fallsce, allora: "Lasciate che mi fonda nell'esistenza di Dio." Ciò significa "Fammi diventare Dio". Questo sta succedendo. Questa è la lotta per l'esistenza materiale. Ognuno sta cercando di diventare Krishna. Ma la nostra filosofia è diversa. Noi non vogliamo diventare Krishna, noi stiamo cercando di diventare servitori di Krishna. Questa è la differenza tra la filosofia māyāvāda e la filosofia vaiṣṇava. Caitanya Mahāprabhu ci insegna come diventare il servitore del servitore del servitore del servitore di Krishna, gopī-bhartuḥ pada-kamalayor dāsa-dāsa-dāsānudāsaḥ (CC Madhya 13.80). Quella persona che è il più inferiore dei servitori di Krishna è il Vaiṣṇava di prima classe. Lui è il Vaiṣṇava di prima classe. Perciò Śrī Caitanya Mahāprabhu ci insegna:

tṛṇād api sunīcena
taror api sahiṣṇunā
amāninā mānadena
kīrtanīyaḥ sadā hariḥ
(CC Adi 17.31)

Questa è la filosofia Vaiṣṇava. Noi stiamo cercando di essere servitori. Non ci identifichiamo con qualcosa di materiale. Non appena ci identifichiamo con qualcosa di materiale ci poniamo sotto le grinfie di māyā. Kṛṣṇa-bhuliyā. Perché, non appena dimentico il mio rapporto con Krishna... Io sono eterno servitore di Krishna; Caitanya Mahāprabhu dice: jīvera svarūpa haya nitya-kṛṣṇa-dāsa (CC Madhya 20.108-109). Questa è l'identificazione eterna dell'essere vivente: rimanere servitore di Krishna. Non appena ci si dimentica di ciò, quella è māyā. Non appena penso: "Io sono Krishna", quella è māyā. Tale māyā significa l'illusione, e può essere respinta progredendo nella conoscenza. Questo è jñānī; jñānī significa che questa la è vera conoscenza: comprendere la propria reale posizione. Conoscenza non è "io sono uguale a Dio. Io sono Dio"; questa non è conoscenza. Io sono Dio, ma sono un esempio di Dio. Il Dio Supremo è Krishna. Īśvaraḥ paramaḥ kṛṣṇaḥ (Bs. 5.1).