IT/Prabhupada 0910 - Dovremmo sempre cercare di diventare predominati da Krishna. Questo è il successo della vita

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Dovremmo sempre cercare di diventare predominati da Krishna. Questo è il successo della vita
- Prabhupāda 0910


730419 - Lecture SB 01.08.27 - Los Angeles

Prabhupāda: Perché Kṛṣṇa non ha alcuna differenza tra il suo corpo e la sua persona. Lui è semplicemente se stesso, anima spirituale. Così abbiamo ottenuto ora questo corpo e l'anima. Sono l'anima, ma possiedo questo corpo. Poi, quando in realtà si diventa dipendenti da Kṛṣṇa, come Kṛṣṇa è soddisfatto di sé stesso, similmente anche noi possiamo essere soddisfatti con Kṛṣṇa. Kaivalya, Kaivalya-pataye namaḥ (SB 1.8.27). I filosofi Māyāvādī, loro, monisti, vogliono diventare uno con il Supremo. Come il Supremo è soddisfatto in sé stesso, anche loro vogliono essere soddisfatti in sé stessi, diventando uno con il Supremo. La nostra filosofia è anche la stessa, kaivalya. Ma noi dipendiamo da Kṛṣṇa. Noi non diventiamo uno con, uno con Kṛṣṇa. Questo è uno. Se semplicemente accettiamo di rispettare l'ordine di Kṛṣṇa, non vi è disaccordo, questa è unità.

Questi filosofi Māyāvādī pensano che: «Perché devo mantenere la mia individuale, esistenza separata? Dovrei diventare, fondermi in... "Questo non è possibile. Perché siamo stati creati ... Non creati, sin dall'inizio noi siamo parti e particelle separate. Siamo parti e particelle separate. Perciò Kṛṣṇa dice nella Bhagavad-gītā: "Mio caro Arjuna, tu, io, e tutte queste persone che si sono riuniti in questo campo di battaglia, siamo stati degli individui nel passato. Siamo, al momento, individui, e in futuro, continueremo a rimanere come individui. Siamo tutti individui." Nityo nityānāṁ cetanaś cetanānām (Kaṭha Upaniṣad 2.2.13). Lui è il nitya Supremo, Suprema Forza Vivente tra molti, innumerevoli forze viventi. Noi siamo jīva, innumerevoli, ananta. Non c'è nessun conteggio di quanti siamo. Sa anantyāya kalpate. Quindi questo ananta, innumerevoli esseri viventi, e Kṛṣṇa è anche un essere vivente, ma Egli è il capo. Questa è la differenza. Nityo nityānā ...

Proprio come c'è un leader. Leader è uno, e i seguaci, sono molti. Similmente Kṛṣṇa è il supremo essere vivente, e noi siamo subordinati entità viventi, dipendenti. Questa è la differenza. Dipendente, siamo in grado di capire, se Kṛṣṇa non ci fornisce cibo, abbiamo fame. Questo è un dato di fatto. Non possiamo produrre nulla. Eko yo bahūnāṁ vidadhāti kāmān. Così Kṛṣṇa è il mantenimento, e noi siamo i mantenuti. Perciò Kṛṣṇa è il predominante, e noi saremo predominati. Questa è la nostra naturale posizione costituzionale. Quindi se vogliamo diventare falsamente predominanti in questo mondo materiale, questa è illusione, Dobbiamo rinunciare a questo. Dobbiamo rinunciare. Dobbiamo sempre cercare di diventare predominati da Kṛṣṇa. Questo è il successo della vita.

Grazie mille.

I devoti: Haribol, Tutte le glorie a Prabhupāda!