IT/Prabhupada 0946 - Trasmigriamo per questa cosiddetta felicità illusoria da un corpo a un altro

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Trasmigriamo per questa cosiddetta felicità illusoria da un corpo a un altro
- Prabhupāda 0946


720831 - Lecture - New Vrindaban, USA

Fase condizionale significa che accettiamo un corpo, un corpo materiale, che è condizionato in tanti modi. Proprio come il corpo subisce sei tipi di cambiamenti. Esso è nato. Il corpo nasce, non l'essere vivente. Nasce ad una certa data, rimane per un certo tempo, cresce, dà alcuni sottoprodotti, poi il corpo diminuisce e alla fine svanisce. I sei tipi di cambiamenti. Non solo questi sei tipi di cambiamenti, ma ci sono anche molte tribolazioni. Essi sono chiamati triplice miserie: appartenenti al corpo, appartenente alla mente, miserie offerte da altri esseri viventi, miserie che accadono da disturbi naturali. E dopo tutto, il tutto si riassume in quattro princìpi, vale a dire la nascita, la morte, la vecchiaia e la malattia. Queste sono le nostre vite condizionate.

Così, al fine di uscire da queste condizioni di vita, se vogliamo ravvivare la nostra coscienza bhāgavata, o coscienza di Kṛṣṇa o coscienza di Dio, quello che vuoi ... Quando parliamo di "Kṛṣṇa, significa il Signore Supremo. Coscienza di Dio, coscienza di Kṛṣṇa o la nostra coscienza originale. Proprio come, ognuno di noi, ricordiamo sempre che "Io sono il figlio di tale e tali gentiluomo. Questo signore è mio padre." È naturale ricordare il padre e il suo rapporto con il padre. E, anche nell'ordinario business, l'etichetta è se uno presenta la sua identificazione, deve dare il nome di suo padre. In India è molto essenziale, e il nome del padre o il titolo è il cognome di tutti. Così, quando ci dimentichiamo il padre supremo, Kṛṣṇa, e vogliamo vivere indipendentemente ... Indipendentemente significa se vogliamo godere la vita secondo i nostri capricci. Questa si chiama cosiddetta indipendenza. Ma ... Ma con tale indipendenza, non siamo mai contenti, così trasmigriamo per questa cosiddetta felicità illusoria da un corpo all'altro. Perché un particolare corpo ha una particolare facilità di felicità. Proprio come ognuno di noi, vogliamo volare nel cielo. Ma perché siamo esseri umani, non abbiamo le ali, non possiamo volare. Ma gli uccelli, anche se sono animali, animali inferiori, possono facilmente volare. In questo modo, se fai uno studio analitico, ogni particolare corpo ha preso un particolare tipo di facilità, mentre altri non hanno. Ma noi vogliamo tutte le facilità della vita. Questa è la nostra inclinazione.