IT/Prabhupada 0951 - Sulla cima dell'albero del mango c'è un frutto molto maturo

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Sulla cima dell'albero del mango c'è un frutto molto maturo
- Prabhupāda 0951


720902 - Lecture Festival Sri Vyasa-puja - New Vrindaban, USA

Prabhupāda: Il movimento per la coscienza di Kṛṣṇa è così bello, che rende una persona perfetta in tutto. Perfetto nella conoscenza, perfetto nella forza, perfetto in età, tutto. Abbiamo bisogno di così tante cose. Quindi questa perfezione della vita, il processo di come rendere la vita perfetta, scende da Kṛṣṇa. Kṛṣṇa, Egli è l'origine di tutto. Pertanto, la conoscenza della perfezione viene anche da Lui, e periodicamente-periodicamente significa dopo milioni e milioni di anni-Kṛṣṇa arriva. Viene una volta in un giorno di Brahmā. Così i giorni di Brahmā, anche di un solo giorno, la durata di un giorno, è molto difficile da calcolare. Sahasra-yuga-paryantam arhad Yad brāhmaṇo viduḥ (BG 8.17). Un giorno di Brahmā significa circa 433 milioni di anni. Quindi, in ogni giorno di Brahmā ,Kṛṣṇa arriva, una volta in un giorno. Ciò significa che dopo un periodo di 433 milioni di anni, lui viene. Perché? Per dare la perfetta conoscenza della vita, come un essere umano dovrebbe vivere per rendere la sua vita perfetta. Così la Bhagavad-gītā è lì, parlata da Kṛṣṇa in questo millennio, in questo giorno. Un giorno di Brahmā, noi stiamo passando attraverso il ventottesimo millennio. No, ventottesimo ... In un giorno di Brahmā ci sono settantuno Manus, e un Manu vive per ... Questi sono anche molti milioni di anni, settantadue millenni.

Quindi ora non ci interessa di calcolare la perfetta conoscenza. Questa perfetta conoscenza viene da Dio, o Kṛṣṇa, ed è distribuito dal sistema paramparā, dalla successione di maestri. L'esempio è proprio lì, un albero di mango. Sulla cima dell'albero del mango c'è un frutto molto maturo, e questo frutto deve essere gustato. Quindi, se lascio cadere il frutto dalla cima, andrà perso. Pertanto è tramandato, dopo uno, dopo uno, dopo ... Poi scende. Quindi, tutto il processo di conoscenza vedica viene preso dalle autorità. E scende attraverso la successione dei maestri. Proprio come ho già spiegato, Kṛṣṇa dà la conoscenza, la conoscenza perfetta, a Brahmā, e Brahmā da la conoscenza a Nārada. Nārada da la conoscenza a Vyāsa. Vyāsa da la conoscenza a Madhvācārya. Madhvācārya dà la conoscenza per la sua successione di maestri, più tardi, a Mādhavendra Purī. Mādhavendra Purī dà questa conoscenza a Īśvara Purī. Īśvara Purī dà questa conoscenza a Caitanya Mahāprabhu, Sri Caitanya. Lui distribuisce questa conoscenza ai suoi discepoli immediati, i sei Gosvāmīs. I sei Gosvāmīs distribuiscono la conoscenza a Śrīnivāsa Ācārya, Jīva Gosvāmī. Poi Kavirāja Gosvāmī, poi Viśvanātha Cakravartī, quindi Jagannātha dāsa Bābājī, poi Bhaktivinoda Ṭhākura quindi Gaura Kiśora dāsa Bābājī Mahārāja, poi al mio maestro spirituale, Bhaktisiddhānta Sarasvatī. Poi noi stiamo distribuendo la stessa conoscenza.

I devoti: Jaya Prabhupāda! Haribol!

Prabhupāda: Noi non produciamo la conoscenza, perché come possiamo produrre? Conoscenza perfetta significa che devo essere perfetto. Ma io non sono perfetto. Ognuno di noi, quando parlavo, perché ... Non siamo perfetti, perché nella nostra vita condizionata abbiamo quattro difetti. Il primo difetto è che commettiamo errori. Ognuno di noi che è seduoi qui, nessuno può garantire che nella vita non ha commesso alcun errore. No, questo è naturale. "Errare è umano."