IT/Prabhupada 0963 - Solo un devoto di Krishna, che è intimamente connesso con lui può capire BG

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Solo un devoto di Krishna, che è intimamente connesso con lui può capire BG
- Prabhupāda 0963


720000 - Lecture BG Introduction - Los Angeles

Quindi, abbiamo dato la nostra introduzione della Bhagavad-gītā, che uno deve capire la Bhagavad-gītā così com'è diretto nella Bhagavad-Gita. C'è una guida. Come leggere la Bhagavad-gītā. Le persone stanno leggendo la Bhagavad-gītā senza prendere la guida. Questo abbiamo spiegato nel modo che se tu prendi qualche medicina, vi è una certa guida sulla bottiglia, questa è la dose. Tu prendi così tante gocce così tante volte. Questa è la guida. Similmente, per comprendere la Bhagavad-gītā in realtà, devi accettare la guida come indicato dall'autore stesso, Kṛṣṇa. Lui dice che, tanto tempo fa, circa quaranta milioni di anni fa, Fu per prima parlata, questa Bhagavad-gītā al dio Sole. E il Dio-Sole trasmise la conoscenza a suo figlio, Manu. E Manu trasmise la conoscenza a suo figlio, Ikshvaku.

imaṁ vivasvate yogaṁ
proktavān aham avyayam
vivasvān manave prāha
manur ikṣvākave 'bravīt
(BG 4.1)

Così, i raja-rsi, sono tutti i re. Manu è re, Maharaja Iskvaku è anche il re, e il Dio-Sole Vivasvan, egli è anche il re. Lui è il re del pianeta sole. E suo nipote Iskvaku divenne il re di questo pianeta, Maharaja Iskvaku. E in questa dinastia, che è conosciuta come Raghu-vamsa, apparve Lord Ramachandra. Questa è una famiglia monarchica molto antica. Iskvaku vamsa, Raghu vamsa. Vamsa significa famiglia. Così in passato, i re, il capo dell'esecutivo amministrativo, hanno usato per imparare la tesi o l'ingiunzione data da Dio. Quindi, secondo la Bhagavad-gītā, solo un devoto di Kṛṣṇa, una persona che è intimamente connessa con Kṛṣṇa, può capire che cos'è la Bhagavad-gītā. Kṛṣṇa... Arjuna, dopo aver sentito la Bhagavad-gītā da Kṛṣṇa egli si rivolse a lui come:

paraṁ brahma paraṁ dhāma
pavitraṁ paramaṁ bhavān
puruṣaṁ śāśvataṁ divyam
ādi-devam ajaṁ vibhum
(BG 10.12)

Ha capito Kṛṣṇa come Parambrahman. Parambrahman significa la Verità Suprema. Verità Assoluta, Parambrahman. Brahman, gli esseri viventi, loro sono anche chiamati brahman, ma gli esseri viventi non sono Parambrahman. Parambrahman significa Supremo. Così Arjuna si rivolse a lui come Parambrahman e Paramdhāman. Paramdhāman significa l'ultima dimora di tutto. Tutto è appoggiato sull'energia del Signore Supremo. Per questo egli è chiamato Paramdhāman. Proprio come tutti questi pianeti sono appoggiato sul sole. Il sole è l'energia del globo solare Allo stesso modo, questa energia materiale è l'energia di Kṛṣṇa. E tutto è, materiale o spirituale, appoggiato sull'energia di Kṛṣṇa. I'ultima dimora è l'energia di Kṛṣṇa. In un altro luogo, Kṛṣṇa dice:

mayā tatam idaṁ sarvaṁ
jagad avyakta-mūrtinā
mat-sthāni sarva-bhūtāni
na cāhaṁ teṣv avasthitaḥ
(BG 9.4)

Kṛṣṇa dice che: "Nel mio aspetto impersonale, mi espando ovunque." Tutto pervade. Dio pervade tutto dal suo aspetto impersonale, vale a dire la sua energia. L'esempio è dato, proprio come il calore è l'energia del fuoco. Il fuoco si propaga dal suo calore e luce. Il fuoco è in un luogo, ma il calore e la luce si diffonde. Similmente, Kṛṣṇa nella sua dimora, che si chiama Goloka Vrndavana. C'è un pianeta nel mondo spirituale, il pianeta più elevato.