IT/Prabhupada 0967 - Per capire Krishna, Dio, abbiamo bisogno di purificare i nostri sensi

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Per capire Krishna, Dio, abbiamo bisogno di purificare i nostri sensi
- Prabhupāda 0967


720527 - Lecture BG The Yoga System - Los Angeles

È detto che un puro devoto vede Kṛṣṇa in ogni momento. Santaḥ sadaiva (Bs 5.38). Sadaiva significa in ogni momento. Lui sta vedendo, ma questo significa che è una persona diversa. I suoi sensi sono purificati. Elettrificati. Santificati. Perciò egli sta vedendo. E i suoi occhi, se non sono santificati, purificati, non può vedere. Ci sono molti esempi. Proprio come una macchina. Un bambino vede, ma non riesce a vedere bene. Egli vede un pezzo di metallo. Ma un ingegnere, quando vede, ha immediatamente capito che questa macchina è fatta da tale e tale, si sta lavorando per questo, buona macchina, cattiva macchina, bella. Riesce a vedere in modo diverso perché ha avuto gli occhi per vedere. Similmente, per comprendere Kṛṣṇa, Dio, abbiamo bisogno di purificare i nostri sensi. Questo è definito dal Narada Pancharatra. Sarvopādhi-vinirmuktaṁ (CC Madhya 19.170). Essere liberato da tutti i tipi di designazioni. Proprio come stiamo vedendo la coscienza di Kṛṣṇa, accettando la Coscienza di Kṛṣṇa in una visione. E qualcun altro, un uomo ordinario ... Supponiamo che qualcuno è cristiano. Egli vede la Coscienza di Kṛṣṇa come un movimento induista. Ma in realtà non lo è. Per questo, egli deve diventare libero dalla designazione di diventare un americano. Sarvopādhi-vinirmuktaṁ. Uno dovrebbe essere libero dalla designazione. Questo corpo è una designazione. In realtà non c'è differenza tra un corpo americano o un corpo indiano. La stessa costruzione fisiologica. C'è sangue, c'è carne, c'è osso. Se si vede all'interno del corpo, non c'è differenza. Ma ancora, abbiamo designato, "Io sono americano, tu sei indiano, tu sei nero, io sono bianco ..." Queste sono tutte designazioni. False.

Quindi, uno deve diventare libero dalle designazioni. Questo è definito, che quando ci siamo liberati dalla designazione. Sarvopādhi-vinirmuktaṁ. Uno dovrebbe essere libero dalla designazione. In realtà, la designazione non ha alcun valore. La persona è importante. Non la designazione. Quindi, vedere Kṛṣṇa significa, il primo business è quello di diventare libero dalle designazioni. Sarvopādhi-vinirmuktam tat-paratvena nirmalam (CC Madhya 19.170). Qui si dice mat-parah, e Narada dice tat-parah. Tat-parah significa diventare Kṛṣṇa-izzato, e mat-parah significa ... Kṛṣṇa dice tu diventi mat-parah. Intensamente assorto in Me. E il devoto dice intensamente assorto in Kṛṣṇa. Questa è l'idea, ma in realtà lo scopo è lo stesso. Quindi, uno deve diventare libero dalla designazione, e intensamente in Kṛṣṇa. Sarvopādhi-vinirmuktam, mat-paratvena ... Poi sarà nirmal. Nirmal significa purificato, senza alcuna contaminazione materiale. Sto pensando in termini del mio concetto della vita sul corpo, questo è materiale, perché il corpo è materiale. Finché sto pensando, " sono americano, sono Indiano, sono bramino, sono uno kshatriya, io sono questo, io sono quello," sono tutte designazioni. Questo non è nirmalam, condizione purificata. Condizione purificata è quando si capisce che sono un'anima spirituale, Kṛṣṇa è l'anima suprema, e io sono parte integrante di Kṛṣṇa. Siamo uno in qualità. Potremmo essere diversi in quanto individui. Kṛṣṇa è un grande individuo. Io sono un piccolo individuo. Proprio come anche in questo mondo materiale, un uomo è molto potente. Un altro uomo è meno potente. Ma entrambi sono uomini. Non sono animali. Similmente, Kṛṣṇa, Dio, è qualitativamente uno con me. Quantitativamente Lui è molto, molto potente.