IT/Prabhupada 0977 - Questo corpo materiale è tagliato secondo al nostro corpo spirituale

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Questo corpo materiale è tagliato secondo al nostro corpo spirituale
- Prabhupāda 0977


730408 - Lecture BG 04.13 - New York

Ora Kṛṣṇa dice: catur varṇyaṁ mayā sṛṣṭaṁ guṇa-karma-vibhāgaśaḥ (BG 4.13). Ora la ... Quando siamo animali ... Dobbiamo passare attraverso corpi animali. Con l'evoluzione, siamo giunti a questa forma umana corporea. Ora c'é l'opportunità per uscire da questo ciclo di nascita e morte. Questo è il nostro vero problema. Ma la gente, perché non hanno istruzione, scarsa conoscenza ... Non vi è alcuna istituzione educativa, che insegna come avviene la trasmigrazione dell'anima. Loro non sanno. Grandi, grandi maestri, professori. Ma loro non sanno che cos'è la posizione reale dell'essere vivente. Ma questo è il vero problema. Loro non sanno il vero problema.

Il vero problema è ... si afferma nella Bhagavad-gītā janma-mṛtyu-jarā-vyādhi (BG 13.9), la nascita, la morte, la vecchiaia e la malattia. Questo è il problema reale. Nessuno vuole prendere nascita. Almeno nessuno vuole morire. Nascita e morte. Ovunque c'è la nascita, ci deve essere la morte. Tutto ciò che è nato deve morire. Così janma-mṛtyu. E la vecchiaia. Così a lungo si vive, è necessario cambiare posizione. Quindi una posizione è questa la vecchiaia. Proprio come siamo diventati vecchi. Ci sono così tante lamentele. Jarā. E vyādhi. E quando diventiamo malati. Tutti dovrebbero ammalarsi. Tutti dovrebbero diventare vecchi. Tutti devono morire. Questo è il problema. Janma-mṛtyu-jarā-vyādhi duḥkha-doṣānudarśanam.

Stiamo cercando di ridurre tutte le nostre condizioni di vita miserabili. Questa è la lotta per l'esistenza. Siamo scienziati. Stiamo scoprendo molti processi per neutralizzare, per uscire dalla condizione di afflizione. Ma la posizione difficile, janma-mṛtyu-jarā-vyādhi, stiamo cercando di evitare. Perché non possiamo fare nulla. Non possiamo nemmeno ... La cosiddetta scienza, non possono risolvere il problema. Anche se a volte falsamente diventano orgogliosi del fatto che dalla scienza dovremmo diventare immortale e così via. Queste cose sono state provate prima, anche da uomini atei come Rāvaṇa, Hiraṇyakaśipu. Ma non è possibile avere successo fermando la nascita, la morte, la vecchiaia e la malattia. Questo non è possibile. Se c'è qualche possibile processo, questo è la coscienza di Kṛṣṇa Questa è la coscienza di Kṛṣṇa.

Se diventi cosciente di Kṛṣṇa allora puoi ottenere un corpo. Non ottenere ... Hai già ottenuto il corpo, il corpo spirituale. E sopra quel corpo spirituale, questo corpo materiale si è sviluppato. Proprio come un abito. Il cappotto è tagliato in base al tuo corpo. Similmente, questo corpo, materialmente viene tagliato a secondo del nostro corpo spirituale. Così abbiamo ottenuto il nostro corpo spirituale. Questo corpo materiale é coperto. Vāsāṁsi jirṇāni.

Proprio come un abito. La tua camicia e cappotto è la copertura del tuo vero corpo. Similmente, questo corpo, corpo grossolano e corpo sottile, è fatto di elementi materiali ... Il corpo grossolano è fatto di terra, acqua, aria, fuoco. E il corpo sottile è fatto di mente, l'intelligenza e l'ego. Questa è la camicia e cappotto. All'interno di questa camicia e cappotto, c'è l'anima. Così l'anima è ora ingabbiata in questo corpo materiale. E il nostro business nella forma umana del corpo ... In forma di animale, non possiamo fare questo. Ma nella forma corporea umana possiamo capire che "Io non sono questo corpo." Il corpo, questo corpo materiale, è una gabbia esterna, e, perché ho avuto questo corpo, sono sottoposto a nascita, morte, vecchiaia e malattia.

Ora, nella forma umana del corpo capisco. Quindi, se prendo il processo, come uscire da questo ciclo di nascita e morte, allora la nostra vita umana avrà successo. Questo è il movimento per la coscienza di Kṛṣṇa. Come stiamo aiutando le persone ad uscire da questo corpo materiale, e far rivivere il proprio corpo spirituale e, in quel corpo spirituale, torni a casa, da Dio. Questo è il processo.