IT/Prabhupada 1026 - Se Capiamo che Non Siamo Noi il Fruitore ma è Krishna, Quello è il Mondo Spirituale

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Se Capiamo che Non Siamo Noi il Fruitore ma è Krishna, Quello è il Mondo Spirituale
- Prabhupāda 1026


731129 - Lecture SB 01.15.01 - New York

Abbiamo tante idee di come essere felici. Ognuno ha la propria idea, "Questa è la..." Ma i mascalzoni non sanno qual è il procedimento vero e proprio per ottenere la felicità, che è Krishna. Questo non lo sanno. Na te viduḥ svārtha-gatiṁ hi viṣṇuṁ durāśayā ye bahir-artha-māninaḥ (SB 7.5.31). Si può vedere nel vostro Paese che stanno cercando in tante modi. Tanti grattacieli, tante automobili, tante grandi, grandi città, ma non c'è felicità. Perché non sanno quello che manca. Noi stiamo dando quel punto mancante. Ecco, "Prendi Krishna e sarai felice." Questa è la nostra coscienza di Krishna. Krishna e l'entità vivente sono intimamente connessi, come padre e figlio, o un amico con l'amico, o padrone e servitore, in questo modo. Siamo molto intimamente connessi, ma poiché abbiamo dimenticato il nostro rapporto intimo con Krishna e cerchiamo di diventare felici in questo mondo materiale, allora dobbiamo subire così tante tribolazioni. Questa è la condizione. Kṛṣṇa bhuliya jīva bhoga vañcha kare. (Prema-vivarta 6.2)

Noi esseri viventi stiamo cercando di diventare felici in questo mondo. Perché siete nel mondo materiale? Perché non nel mondo spirituale? Nel mondo spirituale nessuno può diventare il fruitore, bhokta; solo il Supremo, bhoktāraṁ yajña-tapasāṁ sarva (BG 5.29). Non vi è alcuna incomprensione. Ci sono anche entità viventi, ma sanno perfettamente che il vero beneficiario, il proprietario, è Krishna. Questo è il regno spirituale. Allo stesso modo, anche in questo mondo materiale, se comprendiamo perfettamente che non siamo noi il fruitore, che il beneficiario è Krishna, allora questo è il mondo spirituale. Questo Movimento per a Coscienza di Krishna sta cercando di convincere tutti che non siamo noi il fruitore, il fruitore è Krishna. Proprio come per l'intero corpo. Il beneficiario è lo stomaco; le mani, le gambe, gli occhi, le orecchie, il cervello e tutto il resto, dovrebbero essere impiegati a scoprire cose gradevoli e metterle nello stomaco. Questo è naturale. Allo stesso modo, noi siamo parte integrante di Dio, o di Krishna, e non siamo noi il goditore. Ciò viene ammesso in ogni religione. Proprio come anche nella religione cristiana si dice: "Oh Dio, dacci il nostro pane quotidiano". Il pane non lo possiamo costruire, deve provenire da Dio. Questa è anche la versione vedica. Nityo nityānāṁ cetanaṣ cetanānām eko bahūnāṁ yo vidadhāti kāmān (Kaṭha Upaniṣad 2.2.13). Dio, o Krishna, dà tutto il necessario per vivere come piace a noi, ma se si accettano le cose gradevoli come piace a noi, allora si rimane intrappolati. Ma se accettate le cose per goderne voi, tena tyaktena bhuñjīthā (ISO mantra 1), come Krishna ve le offre, allora si diventa felici. Proprio come un paziente malato. Se vuole godersi la vita a proprio capriccio, continuerà con la sua malattia. Ma se accetta i modi di vita secondo le indicazioni del medico, allora egli se ne libererà. Quindi ci sono due metodi, pravṛtti e nivṛtti (Bg 18.30). Pravṛtti significa "Ho l'inclinazione a mangiare questo o a godere di questo. Perché no? Io lo farò. Io ho la mia libertà." "Ma non ne hai la libertà, signore; sei semplicemente..." Questa è māyā. Non avete la libertà. Ne abbiamo esperienza. Supponiamo che ci sia del cibo appetitoso. Se penso: "Lasciatemene mangiare il più possibile, poi il giorno dopo morirò di fame." Avrete immediatamente dissenteria o indigestione.