IT/Prabhupada 0008 - Krishna Afferma: Io Sono il Padre di Tutti

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Krishna Afferma: Io Sono il Padre di Tutti
- Prabhupāda 0008


Janmastami Lord Sri Krsna's Appearance Day Lecture -- London, August 21, 1973

Cosi, almeno in India, tutte le grandi personalità, persone sante, saggi e acarya, hanno coltivato pienamente questa conoscenza spirituale molto bene, e noi non siamo in grado di approfittarne di questo . Non è che le direttive date dagli sastras sono destinati per gli indiani e per gli indù o per i brahmana. No. Sono destinate a tutti. Perchè, Kṛṣṇa afferma:

sarva-yoniṣu kaunteya
sambhavanti mūrtayaḥ yaḥ
tāsāṁ mahad brahma yonir
ahaṁ bīja-pradaḥ pitā
(BG 14.4)

Kṛṣṇa afferma che, "Io sono il padre di tutti." Perciò, Egli è molto ansioso di renderci pacifici, e felici. Proprio come il padre che vuole vedere suo figlio ben posizionato e felice. Allo stesso modo, anche Kṛṣṇa vuole vedere che ognuno di noi sia felice e ben situato. Perciò, Egli discende alcune volte (BG 4.7) Yadā yadā hi dharmasya glānir bhavati. Questo è lo scopo per cui Kṛṣṇa discende. Quindi, coloro che sono servitori di Kṛṣṇa, devoti di Kṛṣṇa, essi dovrebbero adottare la missione di Kṛṣṇa. Essi dovrebbero adottare la missione di Kṛṣṇa. Questa è la descrizione di Caitanya Mahaprabhu.

āmāra ajñāya guru hañā tāra ei deśa
yare dekha, tare kaha, 'kṛṣṇa'-upadeśa
(CC Madhya 7.128)

Kṛṣṇa-upadeśa. cercare di predicare ciò che Kṛṣṇa ha rivelato nella Bhagavad-gita. Questo è il dovere di ogni indiano. Caitanya Mahaprabhu disse:

bhārata-bhūmite manuṣya janma haila yāra
janma sārthaka kari para-upakāra.
(CC Adi 9.41)

Così gli indiani, gli indiani sono destinati per 'para-upakāra'. gli Indiani non sono fatti per sfruttare gli altri. Quello non è il loro affare. La storia indiana è da sempre, per i para-upakāra. E nel passato, usavano venire in India da tutte le parti del mondo, per imparare la vita spirituale. Anche Gesù Cristo è andato lì. E dalla Cina e da altri paesi. Questa è la storia. E noi ci stiamo dimenticando del nostro patrimonio. Quanto siamo insensibili. Cosi questo grande movimento, la coscienza di Kṛṣṇa, si sta diffondendo in tutto il mondo, ma i nostri indiani sono insensibili, il nostro governo è insensibile. Essi non lo accettano. Questa è la nostra sfortuna. Ma questa è la missione di Caitanya Mahaprabhu. Egli disse che ogni indiano, bhārata bhūmite manuṣya janma, se lui è un essere umano, egli deve rendere la sua vita perfetta, approfittare di questa letteratura vedica e distribuire la conoscenza in tutto il mondo. Questo è para-upakāra. Così, l'India può farlo. In realtà loro apprezzano questi giovani uomini europei, americani; loro stanno apprezzando la grandezza. Io ricevo giornalmente dozzine di lettere, spiegando quanto beneficio loro stanno ottenendo da questo movimento. In realtà, questo è un dato di fatto. Sta ridando la vita all'uomo morto. Quindi, io richiedo specialmente agli indiani, specialmente a Sua Eccellenza, gentilmente, collaborate con questo movimento, e cercate di rendere la vostra vita e quella degli altri un successo. Questa è la missione di Kṛṣṇa, dell'avvento di Kṛṣṇa. Grazie mille.