IT/Prabhupada 0049 - Siamo Legati Dalle Leggi Della Natura

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Siamo Legati Dalle Leggi Della Natura<br-/>- Prabhupāda 0049


Arrival Talk -- Aligarh, October 9, 1976

Questo saṅkīrtana è glorioso, questa è la benedizione di Śrī Caitanya Mahāprabhu paraṁ vijayate śrī-kṛṣṇa-saṅkīrtanam Questa è la Sua benedizione: semplicemente saṅkīrtana in questa Era. È confermato nella letteratura Vedica, nel Vedānta-sūtra. Śabdād anāvṛtti. anāvṛtti, liberazione. La nostra posizione attuale è di schiavitù. Siamo incatenati dalle leggi della natura. Possiamo stupidamente dichiarare indipendenza, questa e la nostra stupidità, ma in realtà siamo incatenati dalle leggi della natura.

prakṛteḥ kriyamāṇāni
guṇaiḥ karmāṇi sarvaśaḥ
ahaṅkāra vimudhātmā
kartāham...
(BG 3.27)

Siamo vincolati dalle leggi della natura, ma coloro che sono sciocchi, vimudhātmā, sotto la concezione del falso prestigio, tali persone pensano di essere indipendenti. No. Non è così. Quindi questo è un malinteso. Quindi questo equivoco deve essere chiarito, questo è lo scopo della vita per cui Śrī Caitanya Mahāprabhu raccomanda: se cantate il mahā-mantra Hare Kṛṣṇa il primo beneficio sarà ceto-darpaṇa-mārjanam (CC Antya 20.12) Perché l'inconprensione è all'interno del cuore, se il cuore è pulito, la coscienza è chiara, allora non c'è equivoco. Quindi la coscienza deve essere purificata, e questo è il primo risultato che si ottiene cantando Hare Kṛṣṇa kīrtanād eva kṛṣṇasya mukta-saṅga paraṁ vrajet (SB 12.3.51) Semplicemente cantando, kṛṣṇasya, il santo nome di Kṛṣṇa, Hare Kṛṣṇa. Hare Kṛṣṇa, Hare Rāma, la stessa cosa. Rāma e Kṛṣṇa non c'è differenza. rāmādi-mūrtiṣu kalā-niyamena tiṣṭhan (Bs. 5.39) Lo si richiede, la posizione attuale manca della comprensione: "sono un prodotto della natura materiale," "Io sono questo corpo," "Io sono indiano," "Io sono americano," "Io sono brāhmaṇa," "Io sono kṣatriya," e così via, così via... Così tante designazioni, ma non siamo nessuna di queste. Questa è la pulizia. ceto-darpaṇa. Quando si capisce chiaramente: "Io non sono indiano, non sono americano, Io non sono brāhmaṇa, io non sono kṣatriya," il che significa: "Io non sono questo corpo," allora la coscienza sarà: ahaṁ brahmāsmi. brahmā-bhūtaḥ prasannātmā na śocati na kāṅkṣati (BG 18.54) Questo è richiesto. Questo è il successo della vita.