IT/Prabhupada 0050 - Non Conoscono La Prossima Vita

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Non Conoscono La Prossima Vita
- Prabhupāda 0050


Lecture on BG 16.5 -- Calcutta, February 23, 1972

Per ordine di Kṛṣṇa la natura ci dà la possibilità di uscire dall'incatenamento di nascita e morte. janma-mṛtyu-jarā-vyādhi duḥkha-doṣānudarśanam (BG 13.9) Uno dovrebbe essere intelligente e vedere i problemi di queste quattro incidenze della vita: janma-mṛtyu-jarā-vyādhi. Così è l'intero sistema Vedico: come uscire da questo incatenamento, ci viene data la possibilità di regolare la vita:"Tu fai questo, Tu fa quello, Tu fai quello..." così che alla fine si può uscirne fuori.

perciò Bhagavān ha detto: daivī sampad vimokṣāya (BG 16.5) Se si sviluppano daivī sampat, le qualità: ahiṁsā, sattva-saṁśuddhiḥ, ahiṁsā, molte altre cose, allora ne uscirete fuori, vimokṣāya. Sfortunatamente, la civiltà moderna, non sa cos'è vimokṣāya. Sono così ciechi. Non sanno che c'è una posizione chiamata vimokṣāya. Non lo sanno. Non sanno che cos'è la vita successiva. Non esiste un sistema educativo, sto viaggiando in tutto il mondo, non c'è una sola istituzione destinata a dare informazioni riguardo la trasmigrazione dell'anima, in che modo si può ottenere una vita migliore. Ma loro non ci credono. Non hanno conoscenza. Questa è āsurī sampat. Verrà descritto qui: pravṛttiṁ ca nivṛttiṁ ca janā na vidur āsurāḥ pravṛttim. pravṛttim significa attrazione, o attaccamento. A quale genere di attività dovremmo essere legati, e da quale attività dovremmo distaccarci non lo sanno, loro, gli asura. pravṛttiṁ ca nivṛttiṁ ca. pravṛttiṁ ca nivṛttiṁ ca janā na vidur āsuraḥ na śaucaṁ nāpi cācāro na satyaṁ teṣu vidyate

pravṛttiṁ ca nivṛttiṁ ca
janā na vidur āsuraḥ
na śaucaṁ nāpi cācāro
na satyaṁ teṣu vidyate
(BG 16.7)

Questi sono gli asura. Loro non sanno come le loro vite dovrebbero esse condotte, verso quale direzione. Ciò si chiama pravṛtti. E da che genere di vita dovrebbero distaccarsi, abbandonare, nivṛtti. pravṛttis tu jīvātmana, e poi quest'altra, bhunam. nivṛttis tu mahāphalām tutti gli śāstra, tutto l'orientamento vedico è per pravṛtti-nirvṛtti. Gradualmente ci preparano. Proprio come loke vyavāyāmiṣa-madya-sevā nityā sujantoḥ: l'essere vivente ha un'inclinazione naturale per vyavāya, la vita sessuale; e madya sevāḥ, l'intossicazione; e āmiṣa sevāḥ, mangiare carne. È un istinto naturale. Ma gli asura, non cercano di smettere, loro vogliono incrementare. Questa è la vita degli asura. Se ho una qualche malattia, se voglio curarla, il medico mi prescrive qualcosa ma non la prendo, come a un malato diabetico, gli viene vietato di prendere zucchero, di prendere amido nivṛtti. Allo stesso modo anche gli śāstra ci danno istruzione di accettare alcune cose, e di evitarne altre. śāstra. Proprio come nella nostra comunità, abbiamo raccolto il più essenziale nivṛtti e pravṛtti. pravṛtti. Stiamo istruendo i nostri studenti: "No vita sessuale illecita, no consumo di carne, no āmiṣa-sevā." āmiṣa-sevā nityā sujantoḥ. Ma gli śāstra dicono che se potete rinunciare, nivṛttis tu mahāphalām, allora la vostra vita sarà un successo. Ma noi non siamo preparati. Se non siete disposti ad accettare i pravṛtti e di non accettare i nivṛtti, allora si deve sapere che si è asura. Kṛṣṇa dice qui: pravṛttiṁ ca nivṛttiṁ ca janā na vidur āsurāḥ (BG 16.7) dicono: "Oh, ma cosa sono queste cose?" E anche i grandi, grandi swamī diranno: "Oh, ma che cosa c'è di sbagliato? Si può mangiare di tutto. Non ha importanza. Si può fare qualsiasi cosa. semplicemente pagami, e io ti dò un mantra speciale." Questo è ciò che accade.