IT/Prabhupada 0052 - Differenza Tra Bhakta e Karmi

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Differenza Tra Bhakta e Karmi
- Prabhupāda 0052


Lecture on SB 1.2.9-10 -- Delhi, November 14, 1973

Questa è la differenza tra bhakti e karma: karma è soddisfare i sensi, e bhakti è soddisfare il Signore. La stessa cosa. Perciò la gente non può capire qual è la differenza tra un bhakta e un karmī. il karmī soddisfa i propri sensi, il bhakta soddisfa i sensi di Kṛṣṇa. Ci deve essere un piacere dei sensi. Ma quando soddisfate Kṛṣṇa, ciò si chiama bhakti. hṛṣīkeṇa hṛṣīkeśa-sevanaṁ bhaktir ucyate (CC Madhya 19.170). Hṛṣīka significa sensi, sensi purificati. L'ho spiegato l'altro giorno.

sarvopādhi-vinirmuktaṁ
tat-paratvena nirmalam
hṛṣīkeṇa hṛṣīkeśa-
sevanaṁ bhaktir ucyate
(CC Madhya 19.170)

bhakti non significa interrompere il proprio lavoro. Bhakti non significa fanatismo sentimentale. Questa non è bhakti. Bhakti significa impegnare tutti i sensi per la soddisfazione del proprietario dei sensi. Ciò si chiama bhakti. Per questo il nome di Kṛṣṇa è Hṛṣīkeśa. Hṛṣīka significa sensi. E hṛṣīka īśa: il controllore dei sensi. In realtà, i nostri sensi non agiscono in modo indipendente. Possiamo capirlo. Kṛṣṇa è il regista. sarvasya cāhaṁ hṛdi sanniviṣṭo mattaḥ smṛtir jñānam apohanaṁ ca (BG 15.15). mattaḥ smṛtir jñānam apohanaṁ ca Uno scienziato sta lavorando perché Krsna lo sta aiutando, non è che egli lavori in modo indipendente. Questo non è possibile. Ma lui vuole in quel modo. Perciò Kṛṣṇa gli dà facilitazioni. Ma in realtà è Kṛṣṇa che opera. Questo è spiegato nelle Upaniṣad. Senza il lavoro di Kṛṣṇa, senza che Kṛṣṇa veda, non si può vedere. Proprio come la luce del sole, è spiegato nella Brahma-saṁhitā. yac-cakṣur eṣa savitā sakala-grahāṇāṁ Il sole è uno degli occhi di Kṛṣṇa.

yac-cakṣur eṣa savitā sakala-grahāṇāṁ
rājā samasta-sura-mūrtir aśeṣa-tejāḥ
yasyājñayā bhramati sambhṛta-kāla-cakro
govindam ādi-puruṣaṁ tam ahaṁ bhajāmi

Pertanto, essendo il sole uno degli occhi di Kṛṣṇa, poiché il sole sorge, e siccome il sole vede, allora voi vedete. Non è possibile vedere in modo indipendente. Siete molto orgogliosi dei vostri occhi, ma qual è il valore dei vostri occhi se non c'è la luce dal sole? Non potete vedere. Anche l'elettricità, viene derivata dal sole. Quindi, in realtà, quando Kṛṣṇa vede, voi potete vedere. Questa è la disposizione. E così i nostri sensi. Nella Bhagavad-gītā è detto, sarvataḥ pāṇi-pādaṁ tat sarvataḥ pāṇi-pāda: ovunque sono le mani e le gambe di Kṛṣṇa. Che cosa sarebbe ciò? Le mie mani, la tue mani, la tue gambe, tutto è Krsna. Proprio come se qualcuno avesse filiali in tutto il mondo. Così quelle filiali lavorano sotto la gestione della Persona Suprema. Anche Kṛṣṇa allo stesso modo. Percio Kṛṣṇa è chiamato Hṛṣīkeśa. Così l'impegno è...bhakti significa che quando impegniamo i nostri hṛṣīka, i nostri indriya, i nostri sensi, al servizio del padrone dei sensi. Questa è vita perfetta. Questo è il nostro ideale. Ma non appena desideriamo usare i nostri sensi per la gratificazione dei sensi, ciò è chiamato karma, si chiama vita materiale, perciò, per il bhakta, non c'è nulla di materiale. Questo è īśāvāsyam idaṁ sarvam (ISO 1), il bhakta vede che tutto appartiene a Kṛṣṇa. īśāvāsyam idaṁ sarvam yat kiñca jagatyāṁ jagat tena tyaktena bhuñjīthā Tutto appartiene a Kṛṣṇa. Quindi qualunque cosa Kṛṣṇa ci dia... proprio come un padrone. Il padrone assegna qualcosa al servo, "Puoi godere di questo." E questo è prasādam. prasāde sarva-duḥkhānāṁ hānir asyopajā. Questa è la vita. Se diventate coscienti di Kṛṣṇa, se capite che tutto appartiene a Kṛṣṇa, anche le mie mani e le gambe appartengono a Kṛṣṇa, tutte le parti del mio corpo, appartengono a Kṛṣṇa, allora dovrebbero essere utilizzate per Kṛṣṇa, questa si chiama bhakti.

anyābhilāṣitā-śūnyaṁ
jñāna-karmādy-anāvṛtam
ānukūlyena kṛṣṇānu-
śīlanaṁ bhaktir uttamā
(Brs. 1.1.11)

quello che Arjuna ha fatto. Voleva soddisfare i suoi sensi evitando di combattere. Ma fu d'accordo dopo avere ascoltato la Bhagavad-gita.: "Sì, Kṛṣṇa è la Persona Suprema."

ahaṁ sarvasya prabhavo
mattaḥ sarvaṁ pravartate
iti matvā bhajante māṁ
budhā bhāva-samanvitāḥ
(BG 10.8)

Queste cose sono molto ben spiegate nella Bhagavad-Gita, che è lo studio preliminare della vita spirituale, e se siamo effettivamente convinti degli insegnamenti della Bhagavad-gītā, allora ci arrendiamo a Kṛṣṇa. Kṛṣṇa lo desidera. sarva-dharmān parityajya mām ekaṁ śaraṇaṁ vraja (BG 18.66). Questo è ciò che Lui vuole. Quando effettivamente adottiamo questo procedimento, ciò è detto śraddhā. śraddhā. Ed è stato spiegato da Kavirāja Gosvāmī, qual è il significato di śraddhā -fede-.