IT/Prabhupada 0066 - Dovremmo Accettare i Desideri di Krishna

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Dovremmo Accettare i Desideri di Krishna
- Prabhupāda 0066


Lecture on BG 16.4 -- Hawaii, January 30, 1975

Adesso è nostra scelta se vogliamo diventare un devoto oppure se vogliamo rimanere demoni. È una nostra scelta. Kṛṣṇa dice: "Abbandona questa tendenza demoniaca e arrenditi a Me". Questo è il desiderio di Kṛṣṇa. Ma se non si è d'accordo col desiderio di Kṛṣṇa, se si vuole godere dei propri desideri, anche così, Kṛṣṇa sarà contento, Lui ci fornirà le necessità. Ma ciò non è molto buono, dovremmo accettare i desideri di Kṛṣṇa. Non dobbiamo permettere ai nostri desideri, ai desideri demoniaci, di crescere, ciò si chiama tapasya. Dovremmo sacrificare i nostri desideri, questo è ciò che si chiama sacrificio. Dovremmo solo accettare il desiderio di Kṛṣṇa. Questo è l'insegnamento della Bhagavad-gītā. Il desiderio di Arjuna era quello di non combattere, ma il desiderio di Kṛṣṇa era quello di combattere, proprio il contrario. Arjuna infine ha accettato il desiderio di Kṛṣṇa: "Sì," kariṣye vacanaṁ tava (BG 18.73) "Sì, agirò in accordo al tuo desiderio." Questa è bhakti. Questa è la differenza tra bhakti e karma. karma significa soddisfare i miei desideri, e bhakti significa soddisfare i desideri di Kṛṣṇa. Questa è la differenza. Ora fate la vostra scelta, se volete soddisfare i vostri desideri, o se si vuole che sia soddisfatto il desiderio di Kṛṣṇa. Se decidete di soddisfare il desiderio di Kṛṣṇa, allora la vostra vita avrà successo. Questa è la nostra vita in coscienza di Kṛṣṇa. "Kṛṣṇa lo vuole, devo farlo. Io non farò nulla per me stesso." Questa è Vṛndāvana. Tutti gli abitanti di Vṛndāvana tentano di soddisfare il desiderio di Kṛṣṇa; i ragazzi pastori, i vitelli, le mucche, gli alberi, i fiori, l'acqua, le gopī, gli abitanti anziani, Madre Yaśodā, Nanda, sono tutti impegnati a soddisfare il desiderio di Kṛṣṇa. Questa è Vṛndāvana. Così si può trasformare questo mondo materiale in Vṛndāvana, a condizione che si accetti di soddisfare i desideri di Kṛṣṇa. Questa è Vṛndāvana. E se si vuole soddisfare i propri desideri, ciò è materiale. Questa è la differenza tra materiale e spirituale.