IT/Prabhupada 0068 - Tutti Devono Lavorare

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Tutti Devono Lavorare
- Prabhupāda 0068


Lecture on SB 6.1.45 -- Laguna Beach, July 26, 1975

Nitai: "Nella vita, ogni persona, in base al proprio tipo di occupazione, sia religiosa o irreligiosa, otterrà anche nella vita successiva, nella stessa misura, nella stessa varietà, l'azione risultante del suo karma, per goderne o soffrirne."

Prabhupāda:

yena yāvān yathādharmo
dharmo veha samīhitaḥ
sa eva tat-phalaṁ bhuṅkte
tathā tāvad amutra vai
(SB 6.1.45)

Nel verso precedente ne abbiamo discusso, dehavān na hy akarma-kṛt. Chiunque abbia ottenuto questo corpo materiale, deve lavorare. Ognuno deve lavorare. Anche nel corpo spirituale si deve lavorare. Nel corpo materiale anche si deve lavorare. Perché il principio di funzionamento è l'anima, l'anima è forza viva, quindi è attiva. Corpo vivente significa che c'è movimento. C'è lavoro. Egli non può stare a guardare. Nella Bhagavad-gītā è detto: "Nemmeno per un attimo si può rimanere inattivi." Questo è il sintomo dell'entità vivente. Quindi questo lavorare procede in accordo allo specifico corpo. Anche un cane corre, e anche un uomo corre. Ma un uomo pensa di essere molto civilizzato perché corre con una macchina. Entrambi corrono, ma un uomo ha avuto un particolare tipo di corpo col quale può guidare un veicolo o una bicicletta, e può correrci su. Egli pensa: "Io corro con una maggiore velocità rispetto al cane, dunque sono civilizzato. Questa è la mentalità moderna. Lui non sa qual è la differenza tra correre a 50 miglia orarie di velocità o 5 miglia orarie o 5 milioni di miglia orarie. Lo spazio è illimitato. Qualunque sia la velocità che si scopre di poter fare, è ancora insufficiente. Ancora insufficiente. Quindi vita non significa:

"Poiché posso correre più velocemente rispetto al cane, dunque sono civilizzato,"

panthās tu koṭi-śata-vatsara-sampragamyo
vāyor athāpi manaso muni-puṅgavānāṁ
so 'py asti yat-prapada-sīmny avicintya-tattve
govindam ādi-puruṣaṁ tam ahaṁ bhajāmi
(Bs. 5.34)

La nostra velocità. Velocità per che cosa? Perché noi vogliamo raggiungere una certa destinazione, questa è velocità. La destinazione reale è Govinda, Viṣṇu. te viduḥ svārtha-gatiṁ hi viṣṇu Vanno a velocità diverse, ma non sanno qual è la destinazione. Un nostro grande poeta del nostro Paese, Rabindranath Tagore, scrisse un articolo. L'ho letto quando ero a Londra. Nel vostro paese, nei paesi occidentali, le automobili corrono a gran velocità. Rabindranath Tagore, era poeta, aveva dedotto: "Questa terra degli Inglesi è così piccola, e loro vanno così forte, cadranno nel mare." Anche lui l'ha osservato. Perché corrono così in fretta? Allo stesso modo, corriamo in modo veloce per andare all'inferno. Questa è la nostra posizione, perché non sappiamo quale sia la destinazione. Se io non so qual è la destinazione e provo a guidare la mia auto a tutta velocità, quale sarà il risultato? Il risultato sarà il disastro. Dobbiamo sapere perché stiamo correndo. Proprio come la corrente del fiume, scorre ma la destinazione è il mare. Quando il fiume arriva al mare, allora la sua destinazione è raggiunta. Così, allo stesso modo, dobbiamo sapere qual è la destinazione. La destinazione è Visnu, Dio. Noi siamo parte integrante di Dio. Noi siamo, in un modo o nell'altro, siamo caduti in questo mondo materiale. Pertanto la nostra destinazione sarà di tornare a casa, da Dio. Questa è la nostra meta. Non c'è altra destinazione. Così il nostro Movimento per la Coscienza di Kṛṣṇa insegna: "Fissate il vostro scopo della vita." E qual è la meta della vita? Tornare a casa, tornare da Dio. Ma si sta andando sul lato opposto, verso l'inferno. Quella non è la vostra destinazione. Si va da questa parte, da Dio. Questa è la nostra propaganda.