IT/Prabhupada 0075 - Dovete Andare da un Guru

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Dovete Andare da un Guru
- Prabhupāda 0075


Lecture on SB 1.8.25 -- Mayapur, October 5, 1974

Quando una persona indaga, fa domande di alto livello. brahma-jijñāsā, e poi c'è bisogno di un guru. tasmād gurum prapadyeta: "Ora sei curioso di capire la conoscenza di alto livello, quindi devi andare da un guru." tasmād guruṁ prapadyeta. Chi?: jijñāsuḥ śreya uttamam, uttamam; uttamam significa oltre l'oscurità, tutto questo mondo è buio. Quindi è colui che vuole andare oltre le tenebre. tamasi mā jyotir gama. L'ingiunzione vedica è di non rimanere nelle tenebre, ma di andare verso la luce, e quella luce è il Brahman, brahma-jijñāsā. Quindi colui che fa domande, uttama. udgata-tama yasmāt, udgata-tama. tama significa ignoranza. Nel mondo spirituale, non c'è ignoranza. jñāna. I filosofi māyāvādī dicono semplicemente jñāna, jñānavān. Ma jñāna -conoscenza- non è stereotipata. C'è varietà di jñāna. Proprio come a Vṛndāvana, c'è jñāna, ma c'è varietà. Qualcuno vuole amare Kṛṣṇa come un servitore. Qualcuno vuole amare Kṛṣṇa come amico. Qualcuno vuole apprezzare l'opulenza di Kṛṣṇa. Qualcuno vuole amare Kṛṣṇa come padre o madre. Qualcuno vuole amare Kṛṣṇa come amante coniugale, come amante, non importa. Qualcuno vuole amare Kṛṣṇa come nemico. Proprio come Kaṁsa. Anche questa è vṛndāvana-līlā. Lui pensava sempre a Kṛṣṇa in modo diverso, come uccidere Kṛṣṇa. Pūtanā, anche lei apparentemente è venuta per amore di Kṛṣṇa, per offrire il proprio seno da succhiare; ma il suo motivo interiore era quello di uccidere Kṛṣṇa. Ma anche questo viene accettato come amore indiretto. Amore indiretto. anvayāt.

E così Kṛṣṇa è jagad-guru -guru del mondo-. Egli è il maestro originale. Quell'insegnante sta insegnando personalmente la Bhagavad-gītā; e noi, mascalzoni, non vogliamo andare a lezione. Basta vedere. Quindi siamo mūḍha-mascalzoni-. Chiunque sia incapace di prendere lezioni dal jagad-guru è un mūḍha. Quindi la nostra prova è che se uno non conosce Kṛṣṇa, se uno non sa come seguire la Bhagavad-gītā, lo prendiamo immediatamente per mascalzone. Non importa chi sia, può essere il Primo Ministro, può essere un giudice dell'Alta Corte. No. "No, lui è il Primo Ministro! È il giudice dell'Alta Corte! È comunque mūḍhaḥ?" Sì. Perché? māyayāpahṛta-jñānāḥ (BG 7.15): egli non ha conoscenza di Kṛṣṇa, è coperto da māyā. māyayāpahṛta-jñānā āsuraṁ bhāvam āśritāḥ. Per cui lui è un mūḍha. Quindi predicate francamente. Naturalmente potete dire tutte queste cose in un linguaggio morbido, giusto per non mettere in agitazione, ma chi non accetta Kṛṣṇa come il jagad-guru e non prende lezioni da Lui, è un mascalzone. Proprio come questo mūḍha di Jagannātha Purī, dice: "Nella prossima vita, poi tu potrai." Quello è mūḍha, prendetelo per mascalzone. Perché? Kṛṣṇa è jagad-guru, ma anche lui dice di essere jagad-guru. Ma lui non è jagad-guru. Non ha nemmeno visto che cos'è jagat. Lui è una rana, e sostiene di essere jagad-guru. E quindi è mūḍha. Lo dice Kṛṣṇa. Lui è un mudha perché non accetta le istruzioni date da Kṛṣṇa.