IT/Prabhupada 0076 - Vedere Krishna Dappertutto

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Vedere Krishna Dappertutto
- Prabhupāda 0076


Ratha-yatra -- San Francisco, June 27, 1971

Quando i nostri occhi sono unti d'amore per Dio, possiamo vederLo ovunque. Questa è l'ingiunzione degli śāstras -Scritture-. Dobbiamo sviluppare la nostra capacità di vedere sviluppando amore per Dio. premāñjana-cchurita bhakti-vilocanena (Bs. 5.38) Quando si è sufficientemente progrediti nella coscienza di Kṛṣṇa, si può vedere il Signore ad ogni istante nel proprio cuore e dappertutto, ovunque si vada. Quindi questo movimento per la coscienza di Kṛṣṇa si forza di insegnare alle persone come vedere Dio, come vedere Kṛṣṇa. Kṛṣṇa può essere visto se si pratica. Proprio come dice Kṛṣṇa: raso 'ham apsu kaunteya (BG 7.8) "Io sono il sapore dell'acqua." Tutti noi beviamo acqua, tutti i giorni, e non solo uno volta, due o tre; molte di più. Quindi, non appena beviamo l'acqua, se pensiamo che il sapore dell'acqua è Kṛṣṇa, immediatamente diventiamo coscienti di Kṛṣṇa. Diventare coscienti di Kṛṣṇa non è un lavoro molto difficile, dobbiamo semplicemente metterlo in pratica. Proprio come questo esempio da mettere in pratica per diventare coscienti di Kṛṣṇa. Ogni volta che beviamo dell'acqua, non appena siamo sazi, e la sete si placa, immediatamente pensate che questo è il potere dissetante di Kṛṣṇa. prabhāsmi sasi sūryayoḥ. Kṛṣṇa dice: "Io sono lo splendore del sole. Sono il chiarore della luna." Durante il giorno tutti noi vediamo lo splendore del sole, non appena vediamo il sole, immediatamente possiamo ricordarci Kṛṣṇa, ecco Kṛṣṇa. Non appena di notte vediamo il chiarore della luna, subito possiamo ricordare: "Qui c'è Kṛṣṇa." Se praticate in questo modo, ci sono molti altri esempi, molti esempi riportati nella Bhagavad-gītā, nel Settimo Capitolo, da leggere con attenzione, di come praticare la coscienza di Kṛṣṇa. Poi, da quel momento, quando l'amore per Kṛṣṇa diventa maturo, vedrete Kṛṣṇa ovunque. Nessuno vi deve aiutare per vedere Kṛṣṇa, ma Kṛṣṇa si rivelerà a voi per la vostra devozione, per il vostro amore. sevonmukhe hi jihvādau svayam eva sphuraty adaḥ (Brs. 1.2.234) Kṛṣṇa, quando siamo in vena di fare servizio, quando si capisce che "Io sono eterno servitore di Kṛṣṇa, o Dio," allora Kṛṣṇa ci aiuta a poterLo vedere. Questo è affermato nella Bhagavad-gītā,

teṣāṁ satata-yuktānāṁ
bhajatāṁ prīti-pūrvakam
dadāmi buddhi-yogaṁ taṁ
yena mām upayānti te
(BG 10.10)