IT/Prabhupada 0094 - Il Nostro Lavoro è Ripetere le Parole di Krishna

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Il Nostro Lavoro è Ripetere le Parole di Krishna
- Prabhupāda 0094


Lecture on BG 1.20 -- London, July 17, 1973

Una vita empia non permette di cercare e capire Dio. Abbiamo più volte ripetuto questo verso:

yeṣāṁ tv anta-gataṁ pāpaṁ
janānāṁ puṇya-karmaṇām
te dvandva-moha-nirmuktā
bhajante māṁ dṛḍha-vratāḥ
(BG 7.28)

Papis, i peccatori, non possono comprendere. Al massimo possono arrivare a pensare: "Kṛṣṇa è Bhagavan, quindi anch'io sono Bhagavan. Lui è un uomo ordinario, potente e molto famoso da un punto di vista storico. Ma dopo tutto è un uomo. E anch'io sono un uomo. Allora perché non dovrei essere Dio? " Questa è la conclusione degli abhakta, non-devoti e peccatori.

Quindi chi si dichiara Dio, dovrebbe immediatamente riconoscerlo come il più grande peccatore. E se analizzate la sua vita privata, vedrete che lui è il primo tra i peccatori. Questa è la prova. Altrimenti nessuno dirà di essere Dio. Questa è una falsa identificazione. Nessuno. Nessun uomo pio lo farà. Egli lo sa: "Chi sono io? Un ordinario essere umano. Come posso pretendere di assumere la posizione di Dio?" E loro diventano famosi tra i mascalzoni.

Com'è affermato nello Srimad-Bhagavatam: śva-viḍ-varāhoṣṭra kharaiḥ (SB 2.3.19). Cosa significa questo verso? Ustra-kharaiḥ, saṁstutaḥ purusah paśuḥ. Loro... In questo mondo vediamo che ci sono molte grandi personalità, cosiddetti grandi uomini, molto adulati dalla gente. Così il Bhagavatam dice chi non è un devoto, chi non canta mai il mantra Hare Kṛṣṇa, potrà anche essere considerato un grande uomo dai mascalzoni, ma non è altro che un animale. Un animale. Quindi, sva-vid-varâha-ustra-kharaiḥ. "Come si può parlare così di un tale uomo? Stai dicendo che è un animale." Il nostro è un compito ingrato. Noi diciamo che chi non è un devoto, è un mascalzone. Lo diciamo generalmente. È una parola molto dura, ma dobbiamo usarla. Non appena vediamo che non è un devoto di Kṛṣṇa, sappiamo che è un mascalzone. Perché lo diciamo? Lui non è un mio nemico, ma lo dobbiamo dire perché lo afferma Kṛṣṇa. Se siamo veramente coscienti di Kṛṣṇa, la nostra attività sarà quella di ripetere le parole di Kṛṣṇa. Tutto qui. Qual è la differenza tra un rappresentante di Kṛṣṇa e un Suo non rappresentante? Il rappresentante di Kṛṣṇa ripeterà semplicemente ciò che dice Kṛṣṇa. Tutto qui. Egli diventa Suo rappresentante. Non sono richieste molte qualifiche. Basta che lo ripetiate con ferma convinzione. Proprio come dice Kṛṣṇa, sarva-dharman parityajya mam ekam saranam vraja (BG 18.66). Quindi chi ha accettato questo fatto: "Se mi sottometto a Kṛṣṇa, la mia vita avrà successo" è il rappresentante di Kṛṣṇa. Tutto qui. Non avete bisogno di essere molto eruditi o avanzati. Se semplicemente accettate quello che dice Kṛṣṇa. Proprio come disse Arjuna: sarvam etam rtam manye yad vadasi kesava: (BG 10.14) "Mio caro Kṛṣṇa, Kesava, accetto tutto ciò che mi hai detto senza alcun cambiamento." Questo è il bhakta. Perciò Arjuna è definito bhakto 'si. Questo è il compito del bhakta. Perché dovrei pensare che Kṛṣṇa è come me, un uomo ordinario? Questa è la differenza tra un bhakta e un non bhakta. Un bhakta lo sa: "Sono insignificante, una piccola scintilla di Kṛṣṇa. Kṛṣṇa è un individuo. Come lo sono anch'io. Ma se consideriamo il Suo potere e il mio potere, al confronto io sono così insignificante." Questa è comprensione di Kṛṣṇa. Non vi è alcuna difficoltà. Bisogna semplicemente essere sinceri, non peccaminosi. Ma un peccatore non può capirLo. Egli pensa: "Oh, Kṛṣṇa è un uomo, come lo sono anch'io. Perché io non sono Dio? Egli è l'unico Dio? No, lo sono anch'io. Tu sei Dio, voi siete Dio, tutti lo sono." Proprio come Vivekananda disse: "Perché state cercando Dio? Non vedete così tanti Dio che vagabondano per la strada?" Vedete? Questa è la sua realizzazione di Dio. Questa è la sua percezione. E divenne un grande uomo: "Oh, vede che tutti sono Dio." Questa follia, questa mascalzonaggine, si sta diffondendo in tutto il mondo. Non si conosce Dio, la potenza di Dio, che cosa si intende per Dio. Stanno accettando qualche mascalzone come Dio. Come sta accadendo al giorno d'oggi. Un altro mascalzone è arrivato. Anch'egli si dichiara Dio. Così è diventata una cosa a buon mercato. Non hanno intelligenza sufficiente per pensare: "Sto affermando di essere Dio, ma quali poteri ho?" E questo è il mistero. Senza diventare devoto, il mistero della comprensione di Dio non può essere svelato. E Kṛṣṇa ha detto nella Bhagavad-gita come Lo si può conoscere. Bhaktya mam abhijānāti yavan yas cāsmi tattvataḥ (BG 18.55). Solamente attraverso la devozione. Avrebbe potuto dire: "Attraverso la più alta conoscenza" o "Con il metodo dello yoga" o "Diventando un grandissimo karmi, un lavoratore, Mi si può comprendere." No, non l'ha mai detto. Così i karmi, i jnani, gli yogi, sono tutti farabutti. Non possono comprendere Kṛṣṇa. Sono tutti mascalzoni. I karmi sono mascalzoni di terza categoria, i jnanis sono mascalzoni di seconda classe, e gli yogi sono mascalzoni di prima classe. Tutto qui.