IT/Prabhupada 0100 - Siamo Eternamente in Relazione con Krishna

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

nostra


Siamo Eternamente in Relazione con Krishna
- Prabhupāda 0100


Lecture on SB 6.1.8 -- New York, July 22, 1971

Quindi abbiamo eternamente una relazione con Kṛṣṇa. Al momento attuale è stata semplicemente dimenticata, cancellata. Pertanto pensiamo di non avere nessuna relazione con Krsna. Ma di fatto non è così. Poichè siamo parti integranti di Kṛṣṇa, la nostra relazione con Lui è eterna. Dobbiamo semplicemente risvegliarla. Questa è coscienza di Kṛṣṇa. Coscienza di Kṛṣṇa significa... Al momento siamo in uno stato diverso di coscienza. Io sto pensando di essere indiano. Qualcun'altro sta pensando: "Io sono americano." Qualcun'altro sta pensando: "Io sono questo, io sono quello." Ma il giusto modo di pensare, dovrebbe essere: "Io appartengo a Krsna." Questa è coscienza di Kṛṣṇa. "Io sono di Krsna." E nella relazione in coscienza di Kṛṣṇa, poiché Kṛṣṇa ha una relazione con tutti, anch'io divento di tutti. Cercate di comprendere. In India, il sistema prevede che quando una ragazza è sposata con un ragazzo, e, anche nel vostro paese, ovunque, c'è lo stesso sistema. Il nipote del ragazzo chiama sua moglie "zia." Ora, come ha fatto lei a diventare zia? Grazie alla relazione con suo marito. Prima del matrimonio, lei non era zia, ma dovuto alla relazione col marito, il nipote del marito diventa suo nipote. Provate a capire l'esempio. Allo stesso modo, se noi ristabiliamo la nostra relazione, la nostra relazione originale con Kṛṣṇa, poichè Kṛṣṇa è per tutti, anche noi diventiamo per tutti. Questo è il vero amore universale. Il cosiddetto amore universale non può essere stabilito se non avete stabilito il vostro rapporto con il punto centrale. Proprio come voi siete americani. Perché? Perché siete nati in questa terra. Quindi un altro americano è un membro del vostro paese, ma se diventate qualcos'altro, allora non avete più rapporto con altri americani. Quindi dobbiamo ristabilire la nostra relazione con Kṛṣṇa. Allora i problemi come la fratellanza universale, la giustizia, la pace e la prosperità verranno risolti. Altrimenti, non è possibile risolverli. Senza il punto centrale. Come ci possono essere giustizia e pace? Non è possibile. Perciò nella Bhagavad-Gita, viene data la formula della pace. La formula della pace consiste nel capire che Kṛṣṇa è l'unico beneficiario. Proprio come in questo tempio, il nostro punto centrale è Kṛṣṇa. Se stiamo cucinando, lo facciamo per Kṛṣṇa, non cuciniamo per la nostra soddisfazione. In ultima analisi, sebbene mangeremo il prasadam, ma quando stiamo cucinando, non pensiamo di cucinare per noi stessi. Stiamo cucinando per Kṛṣṇa. Quando uscite per raccogliere i fondi necessari, non è che le persone che fanno parte del gruppo del kirtana, hanno un interesse egoistico. No. Raccolgono fondi, o distribuiscono letteratura, per amore di Kṛṣṇa, per rendere le persone coscienti di Kṛṣṇa. E i fondi raccolti, sono spesi per Kṛṣṇa. In questo modo, quando siamo allenati a questo sistema di vita, tutto per Kṛṣṇa, questa è la coscienza di Kṛṣṇa. Lo stesso vale per quello che stiamo facendo, dobbiamo farlo. Semplicemente dobbiamo cambiare la coscienza: "sto facendo per Kṛṣṇa e non per la mia soddisfazione egoistica." In questo modo, se sviluppiamo la coscienza di Kṛṣṇa, giungiamo alla nostra coscienza originale. Allora diventiamo felici. A meno che non si arrivi alla nostra coscienza originale, si tratta sempre di una qualche forma di pazzia a diversi livelli. Chiunque non è cosciente di Kṛṣṇa, si suppone sia pazzo perché sta parlando su una piattaforma temporanea, transitoria. Sarà finito. Ma noi, come esseri viventi, siamo eterni. Le attività temporanee non sono le nostre vere attività. Le nostre azioni devono essere eterne perché siamo eterni. E questa occupazione eterna consiste nel come servire Kṛṣṇa. Proprio come questo dito è una parte integrante del mio corpo, Il "compito eterno" del dito è quello di servire il corpo, tutto qui. Non ha altre funzioni. E questo è il suo stato di salute. Se non può servire il corpo nel suo insieme, si trova in una condizione di malattia. Similmente, Kṛṣṇa è eterno; noi siamo eterni. Nityo nityanam cetanas cetanānām (Katha Upanisad 2.2.13). Queste sono le ingiunzioni vediche. Il supremo eterno è Sri Kṛṣṇa, e anche noi siamo eterni. Noi non siamo supremi; siamo subordinati. Nityo nityanam cetanas cetanānām. Egli è l'essere vivente supremo, e noi siamo esseri viventi subordinati. Eko bahūnāṁ yo vidadhāti kaman. Quell'essere vivente, il supremo eterno, sta fornendo tutte le necessità vitali agli "eterni plurali." Eko bahūnām, un numero illimitato di esseri viventi. Non si possono contare. Bahūnām. Questo è il nostro rapporto. Quindi, come parte integrante, dobbiamo servire Kṛṣṇa, ed esserGli subordinati. Egli sta fornendo le nostre necessità. Egli è il Padre Supremo. Questa vita è la vita normale e la vita liberata. Qualsiasi altra vita, al di là di questa concezione della coscienza di Kṛṣṇa, è peccaminosa.