IT/Prabhupada 0138 - Dio è Molto Gentile. Quello Che Desideri Lo Soddisferà

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Dio è Molto Gentile. Quello Che Desideri Lo Soddisferà
- Prabhupāda 0138


Ratha-yatra -- Philadelphia, July 12, 1975

Signore e signori, prima di tutto desidero ringraziarvi, gli abitanti di questa grande città, Philadelphia. Siete così gentili, entusiasti, di avere preso parte in questo movimento. Quindi vi sono molto obbligato. Sono particolarmente grato ai ragazzi americani e le ragazze che mi stanno aiutando tanto nella diffusione di questo movimento per la coscienza di Kṛṣṇa nei paesi occidentali. Mi è stato ordinato dal mio maestro spirituale di predicare questa coscienza di Kṛṣṇa nei paesi occidentali. Così nel 1965 sono arrivato a New York. Poi, nel 1966, questa società è stata regolarmente registrata a New York, é dal 1967 che questo movimento sta regolarmente andando avanti in America, in Europa, in Canada, e nel sud del Pacifico, Australia e in tutto il mondo.

Quindi vorrei darvi delle informarzioni pressapoco a rigurdo di questo movimento, la coscienza di Kṛṣṇa. Kṛṣṇa, questa parola, significa infinitamente affascinante. Kṛṣṇa attrae tutte le entità viventi, non solo gli esseri umani, ma anche gli animali, uccelli, api, alberi, fiori, frutta, acqua. Questa è l'immagine di Vrindavana. Questo è il mondo materiale. Non abbiamo nessuna esperienza del mondo spirituale. Ma siamo in grado di avere un'idea di intravedere, ciò che è spirito e ciò che è materia.

Basta provare a capire la differenza tra un uomo vivo e un corpo morto. Corpo morto significa che non appena la forza vivente all'interno del corpo lascia, è solo materia morta, inutile. Il corpo é solo importante fino a quando la forza vivente é ancora presente. Così come abbiamo esperienza di questo corpo, c'è, qualcosa come materia morta, é qualcosa come la forza vivente. Allo stesso modo, ci sono due mondi: il mondo materiale e il mondo spirituale. Noi esseri viventi, ognuno di noi, apparteniamo al mondo spirituale. Noi non apparteniamo al mondo materiale. In un modo o nell'altro, siamo ora entrati in contatto con questo mondo materiale e il corpo materiale, e l'affare è che, benché siamo forza vivente eterna, dovuto al fatto che siamo venuti in contatto con questo corpo materiale, dobbiamo subire quattro tribolazioni: la nascita, la malattia la vecchiaia e la morte, dobbiamo subire questo. In questo mondo materiale abbiamo ottenuto un certo tipo di corpo, e terminerà dopo aver raggiunto un certo stadio. Proprio come qualsiasi cosa materiale. Prendete, per esempio, il vostro vestito. Siete vestiti con un certo tipo di indumento, ma quando si è consumato, non é più utilizzabile, allora si butta, si ottiene un altro vestito. Quindi questo corpo materiale è l'abito della forza spirituale vivente. Ma perché siamo attaccati a questo mondo materiale, vogliamo godere di questo mondo materiale, otteniamo diversi tipi di corpi. È spiegato nella Bhagavad-gita, come una macchina. In realtà, questo corpo é una macchina. Nella Bhagavad-gita è detto,

īśvaraḥ sarva-bhūtānāṁ
hṛd-deśe 'rjuna tiṣṭhati
bhrāmāyān sarva-bhūtāni
yantrārūḍhāni māyayā
(BG 18.61)

Così noi esseri viventi, desideriamo. "L'uomo propone, Dio dispone." Dio è molto gentile. Qualunque cosa tu voglia, egli la soddisferà. Anche se Egli dice che "Questo tipo di desideri materiali non potranno mai soddisfarvi," ma vogliamo. Perciò Dio Kṛṣṇa, fornisce diversi tipi di corpi per soddisfare i nostri desideri. Questo è chiamato materiale, vita condizionata. Questo corpo, cambiamo il corpo in conformità ai nostri desideri, è chiamato processo evolutivo. Con l'evoluzione si arriva alla forma umana attraversando molti altri milioni di corpi. Jalaja nava-lakṣāṇi sthāvarā Laksa-viṁśati attraversiamo 900.000 specie di forme acquatiche. Allo stesso modo, due milioni di forme, come le piante,e gli alberi. In questo modo, per legge della natura, la natura ci da questa forma di vita umana. Per sviluppare o risvegliare la nostra coscienza. La natura ci dà la possibilità. "Adesso che cosa vuoi fare? Ora avete la coscienza sviluppata. Ora di nuovo volete andare attraverso il processo evolutivo, o desiderate andare nel sistema planetario superiore, o se si vuole andare da Dio, Kṛṣṇa, o si vuole rimanere qui?" Queste opzioni sono lì. È affermato nella Bhagavad-gita,

yānti deva-vratā devān
pitṛn yānti pitṛ-vratāḥ
bhūtejyā yānti bhūtāni
mad-yājīno 'pi yānti mām
(BG 9.25)

Ora fate la vostra scelta. Se desiderate andare nel sistema planetario superiore, si può andare. Se desiderate rimanere qui, nel sistema planetario intermedio, potete fare così. E se si desidera andare nel sistema planetario più basso, questo si può fare. E se desiderate andare da Dio, Kṛṣṇa, si può anche fare. Fate la vostra sceltta. Quindi, qual è la differenza tra questo mondo materiale, forse nel sistema planetario superiore o nel sistema planetario inferiore, che cos'é il mondo spirituale? Mondo spirituale significa che non c'è consumo materiale. Tutto è spirito, come vi ho detto. Gli alberi, i fiori, i frutti, l'acqua, gli animali - tutto è spirituale. Quindi non c'è annientamento. È eterno. Quindi, se si vuole andare nel mondo spirituale, allora si può avere questa opportunità ora in questa forma di vita umana, e se si vuole rimanere in questo mondo materiale, è possibile farlo.