IT/Prabhupada 0160 - Krishna Protesta

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Krishna Protesta
- Prabhupāda 0160


Conversation at Airport -- October 26, 1973, Bombay

Quindi, il nostro movimento per la coscienza di Kṛṣṇa ha lo scopo di educare la gente per capire il valore della vita. Il sistema educativo moderno, e la civiltà sono così degradati al punto che le persone hanno dimenticato il valore della vita. In generale, in questo mondo materiale tutti hanno dimenticato il valore della vita, ma nellla forma di vita umana c'è la possibilità di risvegliarsi, capire l'importanza della vita. Nello Srimad-Bhagavatam è affermato, parābhavas tāvad abodha-Jato Yavan na jijñāsata Atma-tattvam. Finché non si prende coscienza per quanto riguarda la realizzazione spirituale. L'essere vivente sciocco, qualsiasi cosa fa, sarà solo una sconfitta. Questo sta succedendo nelle specie inferiori di vita, perché loro non riescono a capire qual'è il valore della vita. La loro coscienza non è sviluppata. Ma anche nella forma di vita umana, questa sconfitta continua, questa non è una civiltà progredita. Questa è quasi una civiltà animale. Ahara-Nidra-bhaya-maithunaṁ ca Samanya etat paśubhir narāṇām. Se le persone sono semplicemente impegnati in questi quattro bisogni fisici - mangiare, dormire, accoppiarsi e difendersi - questo si nota anche nella vita animale, quindi, questa non è una civiltà molto avanzata. Quindi, lo scopo del movimento per la coscienza di Kṛṣṇa è quello di educare la gente a risvegliarsi, fare loro capire qual'è la responsabilità della vita umana. Questa è la nostra civiltà vedica. Il problema della vita non è del tutto quello che viviamo adesso, questa è solo una breve durata della vita che dura solo pochi anni. Il vero problema della vita è come risolvere, come uscire da questo ciclo, di nascita, malattia, vecchiaia, e morte ripetuta.

Questo è l'insegnamento dato nella Bhagavad-gita. Janma-mrtyu-Jara-vyadhi-duhkha-doṣānudarśanam (BG 13.9). Le persone sono imbarazzate dovuto al fatto che ci sono tanti problemi nella vita, ma il vero problema della vita è come uscire da questo cilco, la nascita, la vecchiaia, la malattia e la morte. Quindi, le persone sono insensibili. Sono diventati così ottusi, loro non capiscono qual'è il vero problema della vita. Tanto, tanto tempo fa, quando Visvamitra Muni vide Maharaja Dasaratha, così Maharaja Dasaratha chiese a Visvamitra Muni, aihistaṁ yat TAM punar janma jayaya: «Mio caro signore, stai cercando di sconfiggere la morte, com'è andato il tuo tentativo, bene? Sei stato interrotto? Quindi, questa è la civiltà vedica, come sconifiggere, superare la nascita, la vecchiaia, la malattia e la morte. Ma nella società moderna non esiste un istruzione del genere, nessuno è interessato. Anche grandi, grandi professori, non sanno cosa c'è dopo la vita. Non credono nemmeno che c'è un'altra vita dopo la morte. Quindi, questa è una civiltà cieca. Questo è quello che sta accadendo. Noi stiamo cercando di fare la nostra parte, educarli, che lo scopo della vita, e soprattutto nella forma di vita umana, è diversa dalle necessità del corpo della vita: mangiare, dormire, accoppiarsi e difendersi. Nella Bhagavad-gita è anche detto, manuṣyāṇāṁ sahasreṣu kaścid yatati siddhaye: (BG 7.3) fra molti milioni di persone, forse solo una persona cercherà di avere successo nella vita." Siddhaye, siddhi. Questo è il siddhi, come andare oltre la nascita, la vecchiaia, la malattia e la morte. E manuṣyāṇāṁ sahasreṣu kaścid yatati siddhaye. L'uomo civilizzato moderno è così ottuso, non sa che cos'è siddhi. Pensano che "Se ho un po di denaro e un bungalow e una vettura, ciò è siddhi." Questo non è siddhi. -potere- È possibile ottenere per pochi anni un bel bungalow, una macchina, una bella famiglia. Ma in qualsiasi momento queste cose possono finire, e si deve accettare un altro corpo. Questo loro non lo sanno. E non sono neanche interessati a saperlo. Quindi, sono diventati così ottusi, anche se sono molto orgogliosi di avere ottenuto una buona educazione, il progresso della civiltà. Ma noi stiamo protestando. Stiamo protestando. Noi non stiamo protestando. Kṛṣṇa protesta.

na māṁ duṣkṛtino mūḍhāḥ
prapadyante narādhamāḥ
māyayāpahṛta-jñānā
āsuraṁ bhāvam āśritāḥ
(BG 7.15)

Questi mascalzoni, sono i più bassi dell'umanità, sono sempre impegnati in attività peccaminose, queste persone non accettano la coscienza di Kṛṣṇa. "No. Ci sono così tante persone che hanno il MA, PhD di." Kṛṣṇa dice," māyayāpahṛta-jñānāḥ."A quanto pare sono molto educati, ma la loro vera conoscenza viene rubata da Maya -illusione- Āsuraṁ bhavam āśritāḥ. Questa civiltà atea è molto pericolosa. Le persone stanno soffrendo per questo motivo. Ma non sono molto serie. Quindi, vengono chiamati da Kṛṣṇa mūḍhāḥ, mascalzoni. Na mam duṣkṛtino mūḍhāḥ. Quindi, noi stiamo cercando di aiutarli per quato possiamo, questi mudha, la civiltà dei mudha, di risvegliarsi alla vita spirituale. Questo è il nostro umile tentativo. Ma è già stato detto, manuṣyāṇāṁ sahasreṣu: (BG 7.3) fra molti milioni di persone, solo pochi sono interessati ad essa. Manuṣyāṇāṁ sahasreṣu kaścid yatati siddhaye. Ma questo non significa che ci fermeremo. Proprio come nella nostra scuola, durante il periodo d'istruzione. Sir Asutosh Mukherjee ha iniziato a studiare alla scuola superiore, post-laurea presso l'università. c'erano solo uno o due studenti, ma comunque, le lezioni costavano molte migliaia di rupie, ma non consideravano il fatto che c'erano solo uno studente o due studenti. Allo stesso modo questo movimento per la coscienza di Kṛṣṇa deve andare avanti. Non importa, la gente sciocca, loro non capiscono, e neache si uniscono ad essa. Dobbiamo fare propaganda. Grazie mille.