IT/Prabhupada 0161 - Diventare Vaisnava e Provare Sofferenza per 'Umanità

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Diventare Vaisnava e Provare Sofferenza per L'umanità
- Prabhupāda 0161


His Divine Grace Srila Bhaktisiddhanta Sarasvati Gosvami Prabhupada's Disappearance Day, Lecture -- Los Angeles, December 9, 1968

Se rigorosamente cerchiamo di servire il maestro spirituale, e seguiamo i suoi ordini, allora Kṛṣṇa ci darà tutte le facilità. Questo è il segreto. Benchè non c'era nessuna possibilità, non ho mai pensato, ma l'ho preso un poco sul serio, studiando il commento di Visvanath Cakravarti Thakura sulla Bhagavad-gita. Nella Bhagavad-gita il versetto vyavasāyātmikā-buddhir ekeha kuru-nandana (BG 2.41), in relazione a questo versetto, Visvanath Cakravarti Thakura dà il suo commento che dovremmo prendere le parole del maestro spirituale come la nostra vita e l'anima. Dovremmo cercare di seguire l'istruzione, l'istruzione specifica del maestro spirituale, molto rigidamente, senza preoccuparsi del nostro beneficio personale o perdita. Così ho provato un pò in questo spirito. Così lui mi ha dato tutti i vantaggi per servirlo. Le cose sono giunte a questa fase, che in età avanzata sono venuto nel vostro paese, e voi state prendendo anche questo movimento sul serio, cercando di capirlo. Abbiamo alcuni libri adesso. Quindi, questo movimento è un piccolo punto d'appoggio. Quindi, in questa occasione della scomparsa del mio maestro spirituale, come io sto cercando di eseguire i suoi ordini. Allo stesso modo, lo richiedo anche a voi di eseguire lo stesso ordine attraverso la mia volontà. Io sono vecchio, posso anche morire in qualsiasi momento. Questa è la legge della natura. Nessuno può fermarla. Quindi, questo non è molto sorprendente, ma vi supplico in questo giorno di buon auspicio, cioè, la scomparsa del mio Guru Maharaja, che almeno in una certa misura avete capito l'essenza del movimento per la coscienza di Kṛṣṇa. Dovreste cercare di diffonderlo. La gente soffre per mancanza di questa coscienza. Come noi preghiamo ogni giorno i devoti,

vāñchā-kalpatarubhyaś ca
kṛpā-sindhubhya eva ca
patitānāṁ pāvanebhyo
vaiṣṇavebhyo namo namaḥ

Un vaisnava, il devoto del Signore, dedica la sua vita per aiutare la gente. Voi sapete - la maggior parte di voi appartengono alla comunità cristiana - come il Signore Gesù Cristo, egli ha detto che dovuto alle vostre attività peccaminose lui stesso si è sacrificato. Questa è la determinazione del devoto del Signore. A loro non importa del proprio benessere. Perché amano Kṛṣṇa o Dio, quindi amano tutti gli esseri viventi, perché tutti gli esseri viventi hanno una relazione con Krsna. Quindi, allo stesso modo voi dovreste imparare. Questo movimento per la coscienza di Kṛṣṇa significa diventare Vaisnava, avere compassione per l'umanità sofferente. Quindi, avere compassione per l'umanità sofferente, naturalmente ci sono diversi punti di vista. Qualcuno pensa alla sofferenza dell'umanità da un punto di vista corporeo della vita. Qualcuno sta cercando di aprire ospedali per dare sollievo dovuto a una condizione malata. Qualcuno sta cercando di distribuire cibo nei paesi poveri. Queste cose sono certamente molto belle, ma la sofferenza attuale dell'umanità è dovuta alla mancanza di coscienza di Kṛṣṇa. Queste sofferenze corporee, sono temporanee, né possono essere controllate dalle leggi della natura. Supponiamo che se voi distribuite cibo nei paesi poveri, ciò non significa che questo tipo di aiuto risolve la soluzione di tutto il problema. Il vero lavoro di beneficenza è quello di indurre tutte le persone a diventare coscienti di Kṛṣṇa.