IT/Prabhupada 0165 - Le Azioni Purifcate Sono Chiamate Bhakti

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Le Azioni Purifcate Sono Chiamate Bhakti
- Prabhupāda 0165


Lecture on BG Introduction — New York, February 19-20, 1966

Il supremo cosciente, questo sarà spiegato nella Bhagavad-gita nel capitolo dove si fa la distinzione tra jiva e Isvara, questo verrà spiegato. Ksetra-ksetra-JNA. Questo ksetra-JNA è stato spiegato che il Signore è anche ksetra-JNA, o consapevole, e le jive, o gli esseri viventi, loro sono anche cosciente. Ma la differenza è che la coscienza dell'essere vivente è limitata al proprio corpo. Ma il Signore è cosciente di tutti i corpi. Isvarah sarva-bhutanam HRD-Dese 'rjuna tiṣṭhati (BG 18.61). Il Signore è presente nel cuore di tutti gli esseri viventi. Perciò egli è consapevole dei movimenti psichici, e in particolare delle attività del jiva-anima- Non dobbiamo dimenticarlo. È anche spiegato che il Paramatma, Dio la Persona Suprema, egli vive nel cuore di tutti come Isvara, come controllore e dirige. Egli dirige. Sarvasya caham HRDI sanniviṣṭhaḥ (BG 15.15). Egli è situato nell cuore di tutti, e dirige le loro azioni, li accompagna nei loro desideri.

L'entità vivente dimentica che cosa fare. Prima di tutto egli gli da la determinazione come agire in un certo modo, ma, l'essere si impiglia nelle azioni e nelle reazioni del proprio karma. Ma dopo aver lasciato un tipo di corpo, per poi entrare in un altro tipo di corpo... Proprio come abbandoniamo un tipo di vestito, per un altro tipo di vestito. Allo stesso modo, questo viene spiegato nella Bhagavad-gita che vāsāṁsi jīrṇāni Yatha vihāya (BG 2.22). Come cambiate un abito diverso, allo stesso modo gli esseri viventi, essi stanno anche cambiando diversi corpi, la trasmigrazione dell'anima, incatenato nelle azioni e reazioni delle sue attività passate. Quindi, queste attività possono essere modificate quando l'essere vivente si situa sotto l'influsso della virtù. Quando sviluppa il buon senso capisce che tipo di attività dovrebbe adottare, se egli fa così, allora tutte le azioni e le reazioni delle sue attività passate possono essere cambiati. Percui, il karma non è eterno. Altre cose, oltre a queste quattro, cinque cose - Isvara, Jiva, prakrti, Kala e Karma - queste quattro cose sono eterni, mentre il karma, l'azione conosciuto come karma, non è eterna. Ora la coscienza dell'Isvara, il supremo cosciente- isvara-controllore- e la differenza fra l'Isvara supremo cosciente, o il Signore, e l'essere vivente è, nelle attuali circostanze, è così. La coscienza, la coscienza di, sia del Signore che dell'entità vivente, essi sono, questa coscienza è trascendentale. Non è che questa coscienza viene generata da questa materia. Questa è un'idea sbagliata. La teoria che la coscienza si sviluppa in determinate circostanze dovuto alla combinazione di elementi materiali, non è accettato nella Bhagavad-gita. Essi non possono. La coscienza può essere riflessa in modo distorto dovuto a una copertura, o circostanze materiali, proprio come la luce riflessa attraverso un vetro colorato può sembrare che asssume quel colore. Allo stesso modo, la coscienza del Signore, non è materialmente influenzata. Il Signore Supremo, proprio come Kṛṣṇa, Egli dice che mayādhyakṣeṇa prakrtih (BG 9.10). Quando Egli discende in questo mondo materiale, la sua coscienza non viene materialmente influenzata. Se la sua coscienza fosse stata materialmente influenzata, egli sarebbe incapace di parlare a riguardo del soggetto trascendentale riportato nella Bhagavad-gita. Nessuno può dire nulla a riguardo del mondo trascendentale senza prima essersi liberati dalla coscienza materiale contaminata. Così, il Signore non può essere materialmente contaminato. Ma la nostra coscienza, al momento attuale, è materialmente contaminata. Così, nel suo complesso, come la Bhagavad-gita insegna, dobbiamo purificare questa coscienza materialmente contaminata, e in quel stato di coscienza pura, l'azione sarà compiuta. Quello ci renderà felici. Non possiamo smettere. Non possiamo smettere di agire. Le azioni devono essere purificate. E queste attività purificatorie sono chiamate bhakti. Bhakti significa che sono, appaiono anche come attività ordinarie, ma non sono attività contaminate. Esse sono attività purificatorie. Quindi, una persona ignorante crede che un devoto agisce come un uomo comune, ma una persona con scarsa conoscenza, non sa che le attività di un devoto o le attività del Signore, non sono contaminate da una coscienza materiale impura. Impurità dei tre guna, le influence della natura, ma dalla coscienza trascendentale. Quindi, la nostra coscienza è materialmente contaminata, dovremmo saperlo.