IT/Prabhupada 0189 - Tenere i Devoti Lontano Dai Tre Guna

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Tenere i Devoti Lontano Dai Tre Guna -
Prabhupāda 0189


Lecture on SB 6.1.46 -- San Diego, July 27, 1975

Non potete modificare la legge della natura. Lotta per l'esistenza. Stiamo cercando di conquistare oltre le leggi della natura. Questo non è possibile. daivī hy esa gunamayī mama māyā duratyayā (BG 7.14) Quindi questo soggetto è materiale di studio. Perché tutti sono infelici e felici in qualche misura? In accordo a queste qualità. Qui si dice, quindi, che "come qui vediamo in questa vita, nel corso della vita, che ci sono varietà, allo stesso modo, guna-vaicitryāt, dovuto alla varietà dei guna, guna-vaicitryāt, tathānyatrānumīyate. Anyatra significa la prossima vita o il prossimo pianeta o il prossimo qualsiasi cosa. Tutto è controllato. traigunya-viayā vedā nistraigunyo bhavārjuna. Krishna avvisa Arjuna: "L'intero mondo materiale è controllato da questi tre guna, guna-vaicitryāt. "Perciò diventa nistraigunya, dove questi tre guna non possono agire". Nistraigunyo bhavārjuna. Così, come si può fermare l'azione di questi tre guna? Ciò si spiega anche nella Bhagavad-gītā:

māṁ ca vyabhicāriṇi
bhakti-yogena yaḥ sevate
sa guṇān samatītyaitān
brahma-bhūyāya kalpate
(BG 14.26)

Se ti cimenti nel puro servizio devozionale incessantemente, senza sosta, allora rimani sempre trascendente, al di sopra questi tre guna. Così il nostro Movimento per la Coscienza di Krishna è per mantenere il devoto sopra i tre guna. Proprio come nell'oceano, se sei caduto nell'oceano, la posizione è molto pericolosa. Ma se qualcuno ti aiuta a sollevarti dall'acqua dell'oceano e ti mantiene a un pollice sopra l'acqua dell'oceano, non c'è pericolo. La tua vita viene salvata.

Così è questo che si vuole, che guna-vaicitryāt, se si vuole salvare se stessi da queste varietà di vite, la nascita, la morte, la vecchiaia e la malattia, e accettare così tante varietà di vite... Proprio come tu dicevi mentre si camminava che ci sono alberi in California; che vivono per cinquemila anni. Questo è anche un altro tipo di vita. La gente sta cercando di vivere per molti molti anni. In natura, ecco un albero, 5000 anni. Quel tipo di vita è molto proficuo? Stare in piedi 5000 anni in una foresta? Quindi, qualsiasi varietà di vita in questo mondo materiale non va bene, anche se sei un deva o albero o questo o quello. Questa è l'educazione. Questa è l'educazione. Così si dovrebbe capire che ogni varietà di vita, sia come deva oppure cane, la vita è problematica. Anche i deva; sono messi in così tanti pericoli, molte volte, tanto da rivolgersi a Dio. Quindi qui sarai sempre in pericolo. padam padam yad vipadām (SB 10.14.58) E' inutile cercare di rendere questo mondo materiale meno pericoloso. Questo non è possibile. Siccome ci sono varietà di corpi, varietà di pericoli, calamità, così uno dopo l'altro, si dovrà ... Quindi la cosa migliore è, dunque, fermare questo impegno materiale. Questa è civiltà vedica. L'intera civiltà vedica si basa su questa idea, che "Ferma queste occupazioni assurde, la ripetizione di nascita, morte, vecchiaia." Pertanto Krishna dice: janma-mrtyu-Jara-vyadhi duhkha-dosānudarśanam (BG 13.9). Questa è conoscenza. Quali conoscenze? La conoscenza tecnica, questa conoscenza? Non si può fermare queste cose. Quindi l'attività principale è come fermarle. E siccome sono persone stupide, loro pensano che "Queste cose non si possono fermare. Andiamo avanti con questa ripetizione di nascita e morte, e in ogni vita lottare per l'esistenza". Questa è la civiltà materialistica: ignoranza, nessuna conoscenza.

La conoscenza è data da Bhagavan Sri Krishna che "Ecco la soluzione: janma karma ca me divyam yo janati tattvatah tyaktvā deham punar janma naiti (BG 4.9) Il problema è punar janma, la ripetizione di nascite, e se la si vuole fermare, allora, cercate di capire Krishna. Allora si sarà in grado di fermarla. Non appena si capisce Krishna ... Capire Krishna significa: anche se tu accetti ciecamente, anche così è benefico. Krishna dice ciò che Egli è. Che Egli è il Signore Supremo. Così accettaLo. Questo è tutto. Semplicemente abbiate questa fede, che "Krishna è il Signore Supremo". Questo vi farà sufficientemente avanzare. Ma questo è molto difficile per la persona materialista. Perciò Krishna dice, bahūnām janmanām ante (BG 7.19) "Dopo avere cercato per molte, molte nascite", bahūnām janmanām ante jñānavān mam prapadyate jñānavān "Chi è veramente saggio, si arrende a Krishna" In caso contrario, na mam duskrtino mūdhāh prapadyante narādhamāh (BG 7.15) "Altrimenti rimane un mascalzone e coinvolto in attività peccaminose; il più basso del genere umano; la conoscenza tolta" na mama prapadyante: "Mai si arrende a Krishna."