IT/Prabhupada 0269 - Dalle Interpretazioni Canaglia Non Potete Comprendere la Bhagavad-gita

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Dalle Interpretazioni Canaglia Non Potete Comprendere la Bhagavad-gita - Prabhupada 0269


Lecture on BG 2.10 -- London, August 16, 1973

Quindi cercate di capire Krishna come Hṛṣīkeśa. Così Hṛṣīkeśa, Krishna, cominciò a ridere: "Lui è Mio amico, un compagno costante, e ha tale debolezza, Lui prima era così entusiasta da chiederMi di portare il suo carro, 'senayor ubhayor madhye', e ora 'viṣīdantan', ora si lamenta". Quindi, siamo tutti stupidi così. Arjuna non è stupido. Arjuna è stato descritto come Guḍākeśa. Come può essere sciocco? Ma lui sta recitando la parte dello stupido. Se non giocasse la parte di uno sciocco, come questa Bhagavad-gītā uscirebbe dalla bocca di Śrī Krishna? E siccome è un devoto, gioca perfettamente il ruolo, in modo tale che Krishna dia istruzioni. Quindi perfetto maestro e discepolo perfetto, Arjuna. Dobbiamo imparare da loro la nostra posizione. Arjuna rappresenta un uomo comune come noi, e Krishna è Hṛṣīkeśa, da la sua consulenza, consigli perfetti. Se accettiamo, se leggiamo la Bhagavad-gītā in uno spirito di comprensione, come Arjuna, il discepolo perfetto, e se accettiamo i consigli e le istruzioni di Krishna, il maestro perfetto, allora dovremmo sapere che abbiamo compreso la Bhagavad-gītā. Con la propria speculazione mentale, con l'interpretazione canaglia, mostrando la propria erudizione, non si può capire la Bhagavad-gītā. Questo non è possibile. Sottomissione. Pertanto, nella Bhagavad-gītā è detto: tad viddhi praṇipātena paripraśnena sevayā (BG 4.34) Quindi dobbiamo arrenderci come si arrese Arjuna. śiṣyas te 'haṁ śādhi māṁ prapannam (BG 2.7) "Mi arrendo a Te. Divento Tuo discepolo". Diventare discepolo significa arrendersi, accettare volontariamente l'istruzione, il consiglio, l'ordine del maestro spirituale. Cosa che Arjuna ha già accettato. Anche se dice 'na yotsye', "Krishna, io non combatterò". Ma quando poi il maestro spiega tutto, lui combatterà. L'ordine del Maestro. Non combattere, sarebbe la propria gratificazione dei sensi. E combattere, nonostante non avesse alcun desiderio di combattere, è la soddisfazione del maestro. Questa è la somma e la sostanza della Bhagavad-gītā.

Così Krishna, sta vedendo Arjuna 'viṣīdantam', molto turbato e che si lamenta, che non è disposto a fare il suo dovere. Pertanto, nel verso successivo comincia con: aśocyān anvaśocas tvaṁ prajña-vādāṁś ca bhāṣase (BG 2.11) "Mio caro Arjuna, tu sei Mio amico. Non importa, māyā è molto forte, nonostante tu sia Mio intimo amico, sei troppo sopraffatto dalla falsa compassione. Quindi, semplicemente, ascoltaMi". Perciò Egli ha detto 'aśocyān', "Ti lamenti senza ragione". aśocyā. śocyā significa lamento, e aśocyā significa che non ci si dovrebbe lamentare. aśocyā. Quindi aśocyān anvaśocas tvaṁ prajña-vādāṁś ca bhāṣase: "Stai parlando come uno studioso molto preparato", perché lui ha parlato, dicendo cose giuste. E poi Arjuna ha detto, varṇa-saṅkara, quando le donne si corrompono, la popolazione è varṇa-saṅkara; ciò è un fatto. Qualunque cosa Arjuna abbia detto a Krishna per evitare i combattimenti, erano cose corrette. Ma sul piano spirituale, che siano corrette o scorrette, ma sul piano spirituale, non sono da considerarsi molto serie. Pertanto aśocyān anvaśocas tvam, perché il suo lamento era basato sul concetto corporeo della vita. Quel concetto corporeo della vita, fin dall'inizio delle istruzioni di Krishna, viene condannato. aśocyān anvaśocas tvam (BG 2.11): "Ti lamenti con concezione corporea della vita" Perché chi è nel concetto corporeo della vita, non è meglio di un animale.