IT/Prabhupada 0272 - La Bhakti è Trascendentale

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

La Bhakti è Trascendentale - Prabhupada 0272


Lecture on BG 2.10 -- London, August 16, 1973

Queste sono attività, attività sciocche, ma quando si è nella virtù, si è sobri, si può capire qual è il valore della vita, come si deve vivere, qual è l'intento nella vita, qual è lo scopo della vita. Quello scopo di vita è comprendere il Brahman, brahma jānātīti brāhmaṇaḥ, pertanto, con 'buone qualità' s'intende il brāhmaṇa, e allo stesso modo lo kṣatriya; quindi essi sono guṇa-karma-vibhāgaśaḥ. guṇa. Deve essere preso in considerazione il guṇa. Śrī Krishna perciò ha detto: catur vārṇyaṁ mayā sṛṣṭaṁ guṇa-karma-vibhāgaśaḥ (BG 4.13) Ci siamo impossessati di un qualche tipo di guṇa, e c'è una certa difficoltà, ma possiamo superare immediatamente tutti guṇa. Immediatamente. Come? Col metodo del bhakti yoga. sa guṇān samatītyaitān brahma-bhūyāya kalpate (BG 14.26) Se si pratica il metodo del bhakti-yoga, allora non si è più influenzati da una qualsiasi di queste tre qualità, la virtù, la passione, e l'ignoranza. Ciò è affermato anche nella Bhagavad-gītā: māṁ ca avyabhicāriṇī bhakti-yogena sevate Chiunque sia impegnato nel servizio devozionale a Krishna, avyabhicāriṇī, senza alcuna deviazione, convinto e con devota attenzione, tale persona, māṁ ca avyabhicāreṇa yogena bhajate māṁ sa guṇān samatītyaitān (BG 14.26) immediatamente, diventa trascendentale a tutte le qualità. Il servizio di devozione non è contenuto in queste qualità materiali. E' trascendentale. La bhakti è trascendentale, pertanto non si può capire Krishna o Dio senza bhakti. bhaktyā māṁ abhijānāti (BG 18.55). Solamente bhaktyā māṁ abhijānāti. Altrimenti non è possibile. bhaktyā māṁ abhijānāti yāvan yas cāsmi tattvataḥ In realtà, se si vuole capire chi è Dio, allora si deve adottare questo metodo della bhakti, il servizio devozionale. Allora si può transcendere. Perciò, nello Śrīmad Bhāgavatam, Nārada dice: tyaktvā sva-dharmaṁ caraṇāmbujaṁ harer (SB 1.5.17) Se qualcuno, magari sentimentalmente, abbandona il dovere professionale in accordo al proprio guṇa ciò si chiama svadharma. svadharma indica il proprio dovere in base alla qualità che si ha acquisito. Ciò è chiama to svadharma. brāhmaṇa, kṣatriya, vaiśya e śūdra, sono divisi, guṇa-karma-vibhāgaśaḥ (BG 4.13), separati dal guṇa e dal karma.

Pertanto qui Arjuna dice: kārpaṇya-doṣopahataḥ-svabhāvaḥ (BG 2.7). "Io sono uno kṣatriya". Lui capisce: "Io sto facendo male, rifiutando di combattere". Pertanto, ciò è kārpaṇya-doṣa, avarizia. Avarizia significa che ho avuto qualche opportunità per spendere, ma se io non spendo, questa è avarizia, kṛpaṇatā. Quindi kṛpaṇatā. Ci sono due categorie di uomini, brāhmaṇa and śūdra. brāhmaṇa significa che non è avaro. Ha avuto l'opportunità, la grande risorsa, di questo corpo con forma umana. Vale molti milioni di dollari questo corpo, ma non lo si usa correttamente, lo si guarda semplicemente: "Quanto sono bello", e solamente questo. Semplicemente spendi la tua bellezza o utilizza la tua risorsa, la forma umana, questo è brahmana, essere generoso.