IT/Prabhupada 0273 - Arya-samana Significa Persona Cosciente d Krishna

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Arya-samana Significa Persona Cosciente d Krishna - Prabhupada 0273


Lecture on BG 2.10 -- London, August 16, 1973

Questo è essere brāhmaṇa, essere generoso; e anche tad viditvā prayāti sa brāhmaṇaḥ, uno che sa. Perciò Prahlāda Mahārāja dice: durlabhaṁ manuṣyaṁ janma adhruvam arthadam (SB 7.6.1) Egli predicava tra i suoi compagni di classe. Era nato in una famiglia demoniaca, da Hiraṇyakaśipu. E i suoi compagni di classe, erano anche loro della stessa categoria. Così Prahlāda Mahārāja li consigliava: "Miei cari fratelli, coltiviamo la coscienza di Krishna", ma gli altri ragazzi che ne sapevano di cosciena di Krishna? Prahlāda Mahārāja è liberato fin dalla nascita. E così loro dicevano: "Che cosa è questa coscienza di Krishna?" Essi non potevano capire. E quindi li stava convincendo: durlabhaṁ manuṣyaṁ janma tad apy adhruvam arthadam. Questo corpo umano è durlabhaṁ. labdhvā sudurlabhaṁ idam bahu sambhavānte (SB 11.9.29) Questa corpo dalla forma umana è una grande concessione data dalla natura materiale. Le persone sono così miscredenti e sciocche, non capiscono quale sia il valore di questa forma di vita umana. Impiegano questo corpo per la gratificazione dei sensi come i cani e i gatti. Gli śāstra dicono quindi: "No, questo corpo umano non è da sprecare come i maiali e cani". nāyaṁ deho deha-bhājāṁ nṛ-loke. Ognuno ha un corpo, un corpo materiale. Ma nṛ-loke, nella società umana, questo corpo non è fatto per essere sprecato. nāyaṁ deho deha-bhājāṁ nṛ-loke kaṣṭān kāmān arhati viḍ-bhujāṁ ye (SB 5.5.1) Questa forma di vita umana, usata semplicemente per lavorare duro inutilmente, giorno e notte, per il piacere dei sensi, che è l'occupazione di maiali e il cani, loro stanno facendo la stessa cosa, tutto il giorno e la notte, lavorano sodo solo per il piacere dei sensi; così dunque nella società umana ci deve essere un sistema di divisione, che si chiama varṇāśrama-dharma. Questa è la civiltà Vedica, è chiamata in realtà Ārya-samāja. Ārya-samāja non significa diventare uno stupido furfante e negare l'esistenza di Dio. No. Ciò è anārya. Proprio come Krishna quando rimprovera Arjuna: anārya-juṣṭa. "Parli come un anārya". Uno che non è cosciente di Krsna, è un anārya. anārya. Ārya significa che è progredito nella coscienza di Krishna. Quindi, in realtà, Ārya-samāna indica una persona cosciente di Krishna; in caso contrario, è un falso Ārya-samāna. Perciò qui, nella Bhagavad-gītā, Krishna rimprovera Arjuna: perché si rifiuta di combattere, perché non sa qualè il suo dovere, di nuovo qui Arjuna ammette: kārpaṇya-doṣopahata-svabhāvaḥ (BG 2.7) "Sì, sono un anārya. Sono diventato anārya perché ho dimenticato il mio dovere".

Quindi in realtà āryan samāja significa società cosciente di Krishna. Associazione Internazionale per la Cosciena di Krishna. Questa è Ārya. Non è fasulla. Quindi qui Arjuna definisce se stesso: "Sì, kārpaṇya-doṣo, siccome ho dimenticato il mio dovere, dunque upahata-svabhāvaḥ, sono confuso a proposito delle mie propensioni naturali". Uno kṣatriya dovrebbe essere sempre attivo, ogni volta che c'è una guerra, c'è lotta, deve essere molto entusiasta. Uno kṣatriya, se un altro kṣatriya dice: "Voglio combatterti", lui non può rifiutare. "Sì, andiamo a combattere, prendi la spada, subito, andiamo". Questo è kṣatriya. Ora si rifiuta di combattere. Pertanto, si può capire...sta da parte, non davanti. Sta dimenticando il suo dovere, il dovere di kṣatriya . Pertanto ammette: "Sì, kārpaṇya-dosa". kārpaṇya-doṣopahata-svabhāvaḥ (BG 2.7). "Ho imenticato Il mio dovere naturale, perciò sono diventato un avaro. Perui...". Diventare avari è una condizione di malattia. Qual è il tuo dovere? Vai da una persona che può... Proprio come quando ci si ammala, si va da un medico e gli si chiede: "Che faccio, signore? Sto soffrendo di questa malattia". Questo è il vostro dovere. Allo stesso modo, quando siamo perplessi nei nostri doveri, o abbiamo dimentichiamo i nostri doveri, è cosa buona andare da una persona superiore e chiedergli cosa fare. Quindi, chi può essere una persona superiore a Krishna? Perciò Arjuna dice pṛcchāmi tvām: "Lo chiedo a Te, Perché è mio dovere. Sono caduto dal mio dovere, sono colpevole, ciò non è buono, quindi devo chiedere a qualcuno che è superiore a me". Questo è il dovere. tad vijñānārthaṁ sa gurum eva abhigacchet (MU 1.2.12) Questo è il dovere vedico. Tutti sono perplessi. Ognuno sta soffrendo in questo mondo materiale, ed è perplesso. Ma non cerca un guru autentico. No. Ciò è kārpaṇya-dosa. Questo è kārpaṇya-dosa. Qui Arjuna esprime il kārpaṇya-dosa. Come? Ora sta chiedendo a Krishna: pṛcchāmi tvām. "Caro Krishna, Tu sei la persona più superiore, questo lo so. Sei Krishna. E così io sono perplesso, veramente, ho dimenticato il mio dovere. Pertanto, chiedo a Te".