IT/Prabhupada 0277 - Coscienza di Krishna Significa Avere Tutti i Tipi di Conoscenza

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Coscienza di Krishna Significa Avere Tutti i Tipi di Conoscenza
- Prabhupāda 0277


Lecture on BG 7.2 -- San Francisco, September 11, 1968

jñānaṁ te 'haṁ sa-vijñānam
idaṁ vakṣyāmy aśeṣataḥ
yaj jñātvā neha bhūyo 'nyaj
jñātavyam avaśiṣyate
(BG 7.2)

Abbiamo discusso questo versetto, su che cosa è la conoscenza. Conoscenza significa come questo universo sta funzionando, qual è la forza attiva, che cosa è l'energia. Proprio come gli scienziati, che stanno cercando le diverse energie. Proprio come questa Terra che fluttua con leggerezza. Un tale enorme massa di corpo materiale con tante montagne, tanti mari, oceani, grattacieli, città, paesi, nazioni. Fluttua come un batuffolo di cotone nell'aria. Quindi, se si comprende come fluttui, ciò è conoscenza. Così coscienza di Krishna significa avere tutti i tipi di conoscenza. Non è che noi persone coscienti di Krishna ci lasciamo trasportare dai sentimenti. No. Abbiamo la filosofia, la scienza, la teologia, l'etica, la morale, ogni cosa, tutto ciò che è necessario conoscere nella vita umana. Così Krishna dice: "Parlerò a tutti voi della conoscenza". Quindi questa è coscienza di Krishna. Uno cosciente di Krishna, una persona cosciente di Krishna non dovrebbe essere stupida. Se gli si chiede di spiegare come questi pianeti universali siano fluttuaanti, come questo corpo è in rotazione, quante specie di vita, il modo in cui si evolvono... Queste sono tutte conoscenze scientifiche. Fisica, botanica, chimica, astronomia, tutto. Perciò Krishna dice, yaj jñātvā, se capite questa conoscenza, la coscienza di Krsna, allora non avrete più niente da sapere, e ciò significa che avrete conoscenza completa. Siamo bramosi di conoscenza, ma se conosciamo la coscienza di Krishna, se conosciamo Krishna, allora tutta la conoscenza è inclusa.

Quindi tac-chakti viṣaya vivikta-svarūpa viṣayakaṁ jñānam: avrete piena conoscenza circa la posizione costituzionale di voi stessi, di questo mondo materiale, del mondo spirituale, Dio, la nostra interrelazione, il tempo, lo spazio, tutto. Ci sono molte cose da conoscere, ma le principali sono: Dio, le entità viventi , il tempo, l'attività, e questa energia materiale. Queste cinque cose sono da conoscere. Non si può negare dicendo: "Dio non esiste", Dio è il controllore, il controllore supremo. Non si può dire di non essere controllati. C'è un controllore. Proprio come nello Stato, non puoi dire che non vi sia alcun controllore. Un controllore c'è. In ogni strada, in ogni casa, c'è controllo, il controllo del Governo. Supponiamo questo negozio, anche qui il governo controlla. Costruisci un negozio come questo, ma non puoi viverci; se è una casa residenziale, la disciplina antincendio sarà invece allora così. C'è il controllo. Anche se cammini per strada, se guidi l'auto, c'è controllo. Tenere la destra. Non si può attraversare se c'è scritto 'Stop'. Devi fermarti. Quindi, in ogni modo, si è sotto controllo. Quindi vi è un controllore. E il controllore supremo è Krishna. C'è un controllore oltre un altro controllore. Se si va a cercare chi è l'ultimo controllore, allora troverete Krishna. sarva-kāraṇa-kāraṇam (Bs. 5.1). La Brahma-saṁhitā afferma: īśvaraḥ paramaḥ, il controllore supremo è Krishna. Īśvaraḥ paramaḥ kṛṣṇaḥ (Bs. 5.1). Īśvaraḥ significa controllore. Quindi dobbiamo avere conoscenza di questo controllore, come Egli controlli. (disturbo) Quindi jñānaṁ vijñānaṁ te sahitam: non solo conoscere il controllore, ma sapere come controlla, quante energie ha il controllore, e come Egli sia un controllore. Ciò è vijñānam. jñānaṁ vijñānaṁ te nate tubhyāṁ prapannāya aśeṣataḥ.