IT/Prabhupada 0278 - Discepolo Indica chi Accetta la Disciplina

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Discepolo Indica chi Accetta la Disciplina-
Prabhupāda 0278


Lecture on BG 7.2 -- San Francisco, September 11, 1968

Questa conoscenza può essere compresa da una persona che si è relazionata a Krishna ed è un'anima arresa. Senza essersi arresi, è molto difficile comprendere il Controllore e le energie, come Egli controlli tutto. tubhyāṁ prapannāya aśeṣataḥ samagreṇa upadekṣyāmi. Questa è la condizione. Troverete nei capitoli successivi che Krishna dice: nāhaṁ prakāśaḥ sarvasya (BG 7.25). Proprio come se si entra in una qualsiasi istituzione scolastica, se non vi arrendete ai regolamenti dell'Istituto, come è possibile ottenere il vantaggio della conoscenza impartita dall'istituzione? Ovunque, ogni qual volta si desidera ricevere qualcosa, si deve essere controllati, o ci si deve essere arrendere ai regolamenti. Proprio come nelle nostre lezioni dove viene insegnata la Bhagavad-gītā, e se non si seguono le regole di questa lezione non è possibile ricevere la conoscenza. Analogamente, la piena conoscenza del controllore e del processo di controllo può essere capita quando si è arresi, come Arjuna con Krishna; se uno non è un'anima arresa ciò non è possibile. Ricordate sempre che Arjuna si arrese a Krishna, śiṣyas te 'haṁ śādhi māṁ prapannam (BG 2.7). E perciò, dunque, Krishna gli ha parlato.

In effetti, queste discussioni dalle Scritture, non dovrebbero essere fatte a meno che non vi sia una relazione tra chi parla e il pubblico. Il pubblico significa i discepoli; discepolo significa che accetta la disciplina. śiṣya. La parola sanscrita esatta è śiṣya. śiṣya significa...C'è un verbo, un verbo in Sanscrito, che si chiama śās. śās significa controllo. Da śās deriva 'śāstra', śāstra significa controllare sui libri. E da śas, śastra. śastra significa armi. Quando l'argomentazione fallisce, la ragione fallisce... Proprio come i controlli del Governo. Prima di tutto ti danno le leggi; e se si infrangono le leggi, se non si seguono i libri di regole, cioè śāstra, allora il passo successivo è śastra. śastra significa armi. Se non si segue la regolamentazione del Governo, tenere la destra, allora ci sono i manganelli della polizia, śastra. Quindi si è controllati. Se sei un gentiluomo, allora sarai controllato sotto la guida degli śāstra. E se si sta sfidando, allora c'è il tridente di Durgādevī. Avete visto Durgādevī, l'immagine, il tridente, le triplici miserie. Non è possibile, intendo dire, violare norme e regole, come per lo Stato, così per lo Stato supremo, Krishna. Non è possibile. Basta prendere come esempio che ci sono alcune regole salutarie: se mangiamo troppo, allora saremo controllati da qualche malattia. Avrete indigestione e il medico vi consiglierà di non mangiare per tre giorni. Quindi c'è un controllo della natura, e natura significa la legge di Dio, che agisce automaticamente. Gli sciocchi non vedono la legge di Dio, ma la legge di Dio c'è. Il sole sorge esattamente in tempo, la luna sorge esattamente in tempo. Il primo dell'anno, il primo di gennaio, è arrivato esattamente in tempo. Quindi c'è controllo. Ma gli stolti non lo vedono. Tutto è controllato. Quindi, conoscere Dio e come le cose funzionano e come si è controllati, queste cose devono essere sapute. Non dobbiamo essere semplicemente sentimentali. Il sentimento religioso è un bene per le persone che seguono ciecamente, ma al giorno d'oggi, le persone sono progredite nella cosiddetta educazione. Così, la Bhagavad-gītā fornisce informazioni complete, in modo che possiate accogliere Dio con la ragione, con la discussione, con la vostra conoscenza; non è un seguire ciecamente, coscienza di Krishna non è sentimentalismo, è sostenuta dalla conoscenza e dalla conoscenza pratica. vijñānam. jñānaṁ vijñāna sahitam. Così, senza vijnana sahitam ... e la procedura è quella di capire questa conoscenza e di essere un'anima arresa, quindi: discepolo, discepolo è colui che accetta la disciplina. Senza accettare la disciplina, non possiamo fare alcun progresso. Non è possibile. In ogni campo del sapere, ogni campo di attività, se si vuole essere a conoscenza, scientificamente e di fatto, allora si dovrebbe accettare il principio del controllo. samagreṇa vakṣ ya svarūpaṁ sarvokaraṁ yatra dhiyaṁ tad ubhaya-viṣayakaṁ jñānaṁ vyaktum.