IT/Prabhupada 0282 - Dobbiamo Seguire Le Orme degli Acarya

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Dobbiamo Seguire Le Orme degli Acarya
- Prabhupāda 0282


Lecture on BG 7.2 -- San Francisco, September 11, 1968

manuṣyāṇāṁ sahasreṣu
kaścid yatati siddhaye
yatatām api siddhānāṁ
kaścin vetti māṁ tattvataḥ
(BG 7.3)

Qui si dice: manuṣyas tesam śāstra 'dhikara yajñānāṁ sahasra-madhye. Chi sono io, chi è Dio, che cosa è questo mondo materiale, come funziona, queste cose sono interessi di un uomo colto. Un uomo sciocco non le considera. Pertanto: śāstra adhikāra. śāstra indica uno che ha una certa conoscenza degli śāstra, dei libri di conoscenza. Se cerchiamo qualcuno che abbia ottenuto conoscenza dai libri, o śāstra, la quantità sarà minima. In questo quartiere, se cercate quante persone non istruite ci sono, ne troverete molte; e non appena si vuole scoprire quanti diplomati ci sono, subito il numero si riduce. Allo stesso modo, ci sono molti uomini, ma se si vuole trovare un uomo che stia cercando di rendere perfetta la sua vita, subito il numero si riduce. E come ci sono tanti spiritualisti, swami, yogi, se si conta tra di loro chi vuole capire Dio, chi ha ottenuto la conoscenza di Dio, immediatamente il numero si riduce ancora. Perciò Krishna dice che tra molte, molte migliaia di persone, solo qualcuno è interessato a rendere la sua vita perfetta. E tra molte, molte migliaia di uomini che cercano realmente la perfezione della vita, troverete qualcuno, o lo si può non trovare, che conosca Dio, o Krishna. Ma Krishna è così gentile che Egli stesso viene per farSi conoscere da tutti. Ed è anche così gentile che, prima della Sua partenza da questo mondo materiale, Egli ha lasciato dietro di Se questa Bhagavad-gītā, in modo da poter sapere dai Suoi colloqui personali ciò che è Dio. Quindi, se leggete la Bhagavad-gītā correttamente, come viene enunciata da Krishna, non interpretando stupidamente, assurdamente, ma così come è, così come è... Diciamo le cose come stanno, se Krishna dice: "Io sono il Signore Supremo", non interpretare questa versione con la vostra stupida interpretazione, ma accettate Krishna come la Persona Suprema, per le Sue azioni, per la Sua conoscenza degli śāstra, la saggezza. Tutti l'hanno accettato in precedenza, tutti gli ācārya.

Quindi dobbiamo seguire le orme degli ācārya. mahājano yena gataḥ sa panthāḥ (CC Madhya 17.186) Non possiamo capire le cose più elevate se non si seguono le impronte delle grandi personalità. Proprio come anche nel mondo scientifico. La legge di gravità. Tu non sai niente della legge di gravità, ma Sir Isaac Newton, ha detto che c'è la legge di gravità. Va accettato. Tutto qua. Ciò significa che si segue una grande personalità. Allo stesso modo, Krishna dovrebbe essere accettato come la Persona Suprema, non a capriccio, ma piuttosto come Egli è stato accettato da personalità come Sri Caitanya, Rāmānujācārya, Śaṅkarācārya, grandi personalità che guidano il destino al mondo spirituale. Pertanto va accettato in quel modo.