IT/Prabhupada 0305 - Diciamo Che Dio è Morto - Liberiamo i Nostri Occhi da Questa Illusione

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Diciamo Che Dio è Morto - Liberiamo i Nostri Occhi da Questa Illusione
- Prabhupāda 0305


Lecture -- Seattle, October 2, 1968

Prabhupāda: Vai avanti.

Tamāla Krishna: "L'essere vivente è come una parte molecolare del sole, mentre Krishna è comparato al cocente sole che splende. Sri Caitanya paragona gli esseri viventi alle scintille ardenti del fuoco e il Signore Supremo al fuoco ardente del sole. Il Signore cita a questo proposito un verso dal Viṣṇu Purāṇa, in cui si afferma che tutto ciò che si manifesta in questo mondo cosmico, non è che una energia del Signore Supremo. Ad esempio, come il fuoco che emana da un luogo la sua illuminazione e calore tutto intorno, così il Signore, anche se situato in un posto nel mondo spirituale, manifesta la Sue diverse energie ovunque".

Prabhupāda: Ora, questo è molto semplice. Cercate di capire. Proprio come questo fuoco, questa lampada, si trova in un certo luogo ma l'illuminazione è distribuita in tutta la stanza, allo stesso modo tutto ciò che vedete in questa manifestazione cosmica, sono manifestazioni dell'energia del Signore Supremo. Il Signore Supremo è situato in un unico luogo. Ciò lo citiamo nella nostra Brahma-saṁhitā: govindam ādi-puruṣaṁ tam ahaṁ bhajāmi. Egli è una persona. Proprio come il vostro Presidente, il signor Johnson, lui è seduto nella sua stanza a Washington, ma la sua potenza, la sua energia, agisce in tutto lo Stato. Se ciò è possibile materialmente, analogamente Krishna, Dio, la Persona Suprema, Egli Si trova nella Sua dimora, Vaikuṇṭha, il regno di Dio, ma la Sua energia sta agendo. Un altro esempio è il sole. Si può vedere che il sole si trova in un certo luogo, ma vedete che la luce del sole è diffusa nell'intero universo. La luce del sole è all'interno della vostra stanza. Così allo stesso modo, qualsiasi cosa si stia utilizzando, e anche voi stessi, siamo tutti manifestazioni dell'energia del Signore Supremo. Noi non siamo diversi da lui. Ma quando la nuvola di māyā, o l'illusione, copre i miei occhi, non si può vedere il sole. Allo stesso modo, quando il concetto materiale della vita mi copre, non si può capire cosa è Dio. Diciamo che Dio è morto. Quindi dobbiamo scoprire i nostri occhi da questa illusione. Allora vedrete direttamente Dio: "Ecco Dio". Sì. Nella Brahma-saṁhitā è detto:

premāñjana-cchurita-bhakti-vilocanena
santah sadaiva hrdayesu vilokayanti
yaṁ śyāmasundaram acintya-guna-svarūpaṁ
govindam ādi-purusaṁ tam ahaṁ bhajāmi
(Bs. 5.38)

Quella Persona Suprema è Śyāmasundara. Śyāmasundara. Śyāma significa nerastro, ma molto, molto bello. Quella bella persona, Persona Suprema, Krishna, è stata osservata e vista da persone sante, sempre. premāñjana-cchurita-bhakti-vilocanena. Perché la vedono? Perché i loro occhi sono stati puliti dall'unguento dell'amore per Dio. Proprio come se i tuoi occhi sono malati, vi si applica un unguento, qualche lozione da parte del medico, e la tua vista diventa chiara e luminosa, è possibile vedere le cose molto bene. Allo stesso modo, quando questi tuoi occhi materiali saranno unti col balsamo dell'amore per Dio, allora vedrai Dio, "Qui c'è Dio". Non dirai che Dio è morto. E quella copertura deve essere rimossa, e per rimuovere quella copertura devi accettare questo Movimento per la Coscienza di Krishna.

Grazie mille.