IT/Prabhupada 0318 - Porsi Alla Luce

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Porsi Alla Luce
- Prabhupāda 0318


Lecture on BG 4.22 -- Bombay, April 11, 1974

Un vaiṣṇava non è mai matsaraḥ. Il significato di matsaraḥ è descritto da Śrīdhara Svāmī: matsaratā parā utkarṣaṇam asahanam. Il mondo materiale è tale che, anche se il proprio fratello prospera, si sarà invidiosi: "Oh, mio ​​fratello è diventato così prosperoso, e io non posso". Questo è naturale, qui. Gelosia. Perché la nostra gelosia comincia con Krishna: "Perché Krishna è il fruitore? Anche io voglio godere". Così questa gelosia ha avuto inizio. Pertanto tutta la vita materiale è piena di gelosia. Sono geloso di te, tu sei geloso di me. Questa è l'attività del mondo materiale. Qui si dice: vimatsaraḥ, nessuna gelosia. Come si può essere senza gelosia a meno che non si sia un devoto di Krishna? Si è gelosi. Ciò è naturale.

Perciò lo Śrīmad Bhāgavatam dice: dharmaḥ projjhita-kaitavo 'tra paramo nirmatsarāṇām vāstavaṁ vastu vedyam atra (SB 1.1.2). dharma. Ci sono molti sistemi religiosi. C'è gelosia. Cosiddetti sistemi religios tagliano la gola agli animali. Perché? Se siete di così larghe vedute da vedere ovunque Nārāyaṇa, perché tagliate la gola alle capre, alle mucche o ad altri animali? Si dovrebbe essere misericordiosi anche verso di loro. Ma tale misericordia non può essere espressa senza essere un devoto. vimatsaraḥ. nirmatsaraḥ.

Pertanto, i cosiddetti sistemi religiosi che sono pieni di matsaratā, gelosia, sono definiti kaitava-dharma: truffe in nome della religione. Quindi questa coscienza di Dio non è una religione ingannevole. E' veramente di larghe vedute. titikṣavaḥ kāruṇikāḥ suhṛdaḥ sarva-bhūtānām (SB 3.25.21). Questo Movimento per la Coscienza di Krishna fa che tutti vogliano diventare amici di tutti. In caso contrario, se una persona cosciente di Krishna non si sentisse così, perché dovrebbe assumersi problemi nel predicare la coscienza di Krishna in tutto il mondo? vimatsaraḥ. Uno dovrebbe capire che la coscienza di Krishna è così bella che tutti dovrebbero assaporarla, tutti dovrebbero farne parte.

Coscienza di Krishna significa coscienza di Dio. Perché le persone stanno soffrendo a causa della mancanza di coscienza di Dio. Questa è la causa della sofferenza.

kṛṣṇa-bahirmukha hañā bhoga vāñchā kare
nikaṭa-stha māyā tāre jāpaṭiyā dhare
(Prema-vivarta)

Questa è la formula. Appena dimentichiamo Krishna, immediatamente c'è māyā. Proprio come il sole e l'ombra, esistono fianco a fianco. Se non si rimane al sole, allora si è nell'ombra, nell'oscurità. E se non si rimane nelle tenebre, si è nella luce del sole. Allo stesso modo, se non accettiamo la coscienza di Krishna, allora dobbiamo accettare la coscienza di māyā. E se non accettiamo la coscienza di māyā, allora dobbiamo accettare la coscienza di Krishna. Stanno accanto.

Quindi coscienza di Krsna significa non rimanere nella coscienza buia. tamasi mā jyotir gama. Questo è l'insegnamento vedico: "Non rimanere nell'oscurità". E cos'è questa oscurità? L'oscurità è il concetto corporeo di vita.