IT/Prabhupada 0360 - Non Ci Avvciniamo a Krishna DIrettamente. Iniziamo Servendo il Servitore di Krishna

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Non Ci Avvciniamo a Krishna DIrettamente. Iniziamo Servendo il Servitore di Krishna
- Prabhupāda 0360


Lecture on SB 7.9.42 -- Mayapur, March 22, 1976

ko nu atra te akhila-guro bhagavan prayāsa Tutti chiedono qualche sforzo in più che ci favorisca, ma Krsna non lo richiede. Questo è Krishna. Può fare qualsiasi cosa Gli piaccia. Egli non dipende da altri. Gli altri dipendono dall'autorizzazione di Krishna, ma Krishna non necessita dell'autorizzazione di nessuno. Perciò Prahlāda Mahārājaha ha detto: bhagavan prayāsa. 'prayāsa' è un consiglio a 'non accettare'. soprattutto per i devoti. Non si dovrebbe accettare un'attività che richiede uno sforzo eccessivo. No. Dovremmo accettare solo cose semplici che siano attuabili. Naturalmente, un devoto si assume dei rischi. Proprio come Hanumān. Era un servitore del Signore Rāmacandra, e Rāmacandra voleva notizie di Sītādevi. Quindi non considerò: "Come andrò dall'altra parte del mare, a Laṅka?" Lui, semplicemente credendo nel Signore Rāmacandra, "Jaya Rāma", saltò al di là. Rāmacandra dovette costruire un ponte. Naturalmente, quel ponte è meraviglioso anche perché queste scimmie stavano portando delle pietre, e le gettavano in mare, ma le pietre galleggiavano. Allora, dove è la vostra legge di gravitazione? Eh? Pietre che galleggiano sull'acqua. Non può essere fatto dagli scienziati. Ma fu desiderio del Signore Rāmacandra; la pietra divenne galleggiante. In caso contrario, quante pietre dovremmo gettare in mare perché arrivino al livello di formare un ponte? Non era possibile. Ma fu possibile, ogni cosa divenne possibile; Rāmacandra, il Signore Rāmacandra, lo volle, "Che sia facile! Lasciate che portino la pietra e quella galleggerà. Dopodiché andremo". Lui sarebbe andato senza necessità di pietre, ma voleva un servizio dalle scimmie. C'erano molte scimmie: baro baro badare baro baro peṭ laṅka diṅgake mata kare het C'erano molte altre scimmie, ma non propriamente capaci come Hanumān. Perciò anche a loro fu data una qualche possibilità: "Portate delle pietre. Voi non potete saltare oltre il mare come Hanumān, quindi portate delle pietre, e Io chiederò alle pietre di galleggiare".

Krishna può fare quasiasi cosa. aṅgāni yasya sakalendriya-vṛttimanti. Lui può fare qualsiasi cosa. Noi non la possiamo fare senza il Suo favore. Per questo Prahlāda Mahārā richiese: "Se Tu, gentilmente, potessi essere misericordioso con noi, non è un grande sforzo per Te, perché Tu puoi fare quello che vuoi. Perché Tu sei la causa della creazione, del mantenimento e della distruzione; quindi non è difficile per Te". Oltre a questo, mūḍheṣu vai mahad-anugraha ārta-bandho. Generalmente, coloro che sono ārta-bandhu, amici dell'umanità sofferente, mostrano speciali favori ai mūḍha, i mascalzoni. Krishna viene a tale scopo perché ognuno di noi è un mūḍha. duṣkṛtino. na māṁ duṣkṭtino mūḍhāḥ prapadyante. Normalmente, poiché siamo peccatori, poiché siamo mūḍha, noi non ci arrendiamo a Krishna. na māṁ prapadyante. Chi non si arrende a Krishna, è classificato come duṣkṛtina, mūḍha, narādhamā, māyayāpahṛta-jnana. Non è affatto possibile diventare indipendenti dalla volontà di Krishna. Questo non è possibile. Pertanto, coloro che stanno cercando di lavorare in modo indipendente, senza il favore di Krishna, sono mūḍha, tutti mascalzoni. Essi non accettaranno ciò che dice Krishna, e cercano di stabilire delle leggi senza Krishna. "Non c'è bisogno di Dio": questo è ciò che dice la maggior parte degli scienziati. "Ora abbiamo la scienza. Possiamo fare tutto". Loro sono mūḍha. Ciò non è possibile. Non si può operare indipendentemente, senza il favore di Krishna. Quindi la cosa migliore è chiedere sempre il favore di Krishna. E c'è anche un altro punto: non si può cercare direttamente il favore di Krishna. kiṁ tena te priya-janān anusevatāṁ naḥ. Non si può saltare direttamente a Krishna senza il favore del Suo devoto. yasya prasādād bhagavat-prasādaḥ. Non si può cercare il favore di Bhagavān direttamente. Questa è un'altra follia. È necessario passare attraverso il servitore di Krishna. gopī-bhartur pada-kamalayor dāsa-dāsa-dāsānudāsaḥ. (CC Madhya 13.80) Questa è la nostra procedura. Noi non avviciniamo Krishna direttamente. Dobbiamo iniziare col servire il servitore di Krishna. E chi è servitore di Krishna? Colui che è diventato il servitore di un altro servitore di Krishna. Ciò è detto: 'dāsa-dāsānudāsa'. Nessuno può essere servitore indipendente di Krishna. Questa è un'altra follia. Krishna non accetta mai il servizio diretto di qualcuno. No. Così non è possibile. Devi arrivare attraverso il servitore del servitore. Questo si chiama metodo paramparā. Come si riceve la conoscenza dal sistema parampara? Krishna parlò a Brahmā, Brahmā parlò a Nārada,Nārada parlò a Vyāsadeva, e noi stiamo ottenendo questa conoscenza. Proprio come, nella Bhagavad-gītā, Krishna parlò ad Arjuna. Quindi, se tralasciamo il procedimento di comprensione che seguì Arjuna, allora non si sarà mai capaci di comprendere Krishna, o Dio. Non è possibile. Dovete accogliere il procedimento che accettò Arjuna. Lo disse anche Arjuna: "Io accetto Te, la Persona Suprema, perché lo accettò Vyāsadeva, lo accettò Asita , lo accettò Nārada". La medesima cosa. Dobbiamo capire Krishna, ma non possiamo capire direttamente. Pertanto, questi mascalzoni che stanno cercando di capire Krishna direttamente con l'interpretazione, sono tutti mascalzoni. Essi non possono capire Krishna. Puoi essere una cosiddetta personalità importante. Nessuno è grande personaggio. Essi sono piuttosto: śva-viḍ-varāhoṣṭra-kharaiḥ saṁstutaḥ puruṣaḥ paśuḥ (SB 2.3.19). puruṣaḥ paśuḥ. Questi grandi personaggi che sono tanto elogiati da alcuni mascalzoni, tutti questi grandi, grandi leader, che cosa sono? Siccome non sono devoti di Krishna, non possono condurre. Semplicemente indurranno in errore. Perciò li consideriamo tutti mascalzoni. Questo è il criterio. Prendetelo come criterio. Qualsiasi cosa vogliate imparare da qualcuno, prima di tutto vedete se quel qualcuno è un devoto di Krishna. In caso contrario, non prendete alcuna lezione. Non prendiamo alcuna lezione da una persona che "forse", "potrebbe essere", cose del genere. No. Non vogliamo un tale scienziato o matematico. No. Uno che conosce Krishna, uno che è devoto di Krishna, uno che è travolto dall'estasi semplicemente ascoltando Krishna; prendete lezione da lui. Altrimenti, tutti mascalzoni.

Grazie molte.