IT/Prabhupada 0365 - Non Fatene Una Società di Escrementi Ma Una Società di Miele

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Non Fatene Una Società di Escrementi Ma Una Società di Miele
- Prabhupāda 0365


Lecture on SB 1.5.9-11 -- New Vrindaban, June 6, 1969

Qui Narada Muni avverte: "Tu ha spiegato dharmādayaś ca artha, hai diviso l'intero Veda in diverse letterature, in un linguaggio comprensibile, i Purāṇa". Purāṇa significa complementare ai Veda; per spiegare la conoscenza vedica in base alla caratteristca. Ogni essere umano è sotto una certa caratteristica della natura materiale. Alcuni di loro sono nelle tenebre, o ignoranza. Alcuni di loro sono in passione. E alcuni di loro sono in un isto di ignoranza e passione. E alcuni di loro sono nella luce, o in virtù. Non tutti allo stesso livello. Ci sono diverse categorie di uomini. Proprio come nella biblioteca del nostro Hayagrīva troverete tanti libri filosofici. Ma se si va da un uomo ordinario troverete qualche letteratura assurda, romanzi, psicologia del sesso, questo, quello. Secondo il gusto. Secondo gusto, gusti diversi. Perché ci sono diverse categore di uomini. Questo sarà spiegato nel verso successivo. Nārada Muni dice:

na yad vacaś citra-padaṁ harer yaśo
jagat-pavitraṁ pragṛṇīta karhicit
tad vāyasaṁ tīrtham uśanti mānasā
na yatra haṁsā niramanty uśik-kṣayāḥ
(SB 1.5.10)

Così sta confrontando tutti i libri scritti da Vyāsadeva, tra cui la filosofia Vedānta. Egli dice che questo è vāyasaṁ tīrtham. vāyasaṁ tīrtham. vāyasam significa corvi. I corvi e il luoghi che loro amano. Avete visto i corvi? In India abbiamo molti corvi. Nel vostro Paese di corvi non ce ne sono molti. Ma in India, i corvi, hanno piacere di tutte le cose disgutose. Troverete che avranno piacere in luoghi in cui vengono gettate tutte cose sporche, spazzatura. Raccolgono dalla spazzatura; cercando dove si trovano secrezioni, dove c'è pus. Proprio come le mosche che si posano sulle feci. mākṣikaṁ bhramarā icchanti. Le api, invece, cercano di produrre il miele. Losi può osservare anche negli animali. Miele. Le api non verrà mai sugli escrementi. E le mosche ordinarie, non vanno mai a raccogliere il miele. Allo stesso modo, ci sono divisioni tra gli uccelli, divisioni nelle bestie, divisioni nella società umana. Quindi non aspettatevi che la persona comune venga alla coscienza di Krishna. Vedete? Siccome sono stati addestrati a diventare mosche, gusteranno gli escrementi. Vedete? L'educazione moderna è di insegnare alle persone a diventare mosche; solo feci. Ma non qui; nella coscienza di Krishna ne farete un favo di miele. Coloro che sono alla ricerca del miele, troveranno che qui c'è qualcosa. Vedete? Non fatene una società di escrementi. Vedete? Fate una società di miele. Dare almeno una possibilità a coloro che sono alla ricerca del miele. Non igannate la gente, e loro verranno. Perciò, qui, Nārada Muni ha detto: "Hai compilato tanti libri, e questo è un bene. Conquale idea? L'idea è dharmādayaḥ. Stai insegnando principi religiosi". Ce ne sono venti, viṁśati dharma-śāstrāḥ: questa Manu-saṁhitā, le leggi di Parāśara Muni, costume sociale, questo e quello. Ce ne sono tanti. Provengono in origine da diversi saggi, ma Vyāsadeva li ha compilati per un uso corretto; la gente li può capire. Ha spiegato tutti questi libri ad uso della società umana, senza dubbio. Come diventare religioso, come sviluppare la situazione economica, come capire che cosa è la liberazione, come soddisfare, limitatamente, la gratificazione dei sensi. Troverete queste diverse cose proprio nei libri di Vyāsadeva. Proprio come per coloro che mangiano carne; vengono date indicazioni anche per questo da Vyāsadeva, nel tāmasika purāṇa, Purāṇa per le persone che sono nell'ignoranza. Non nega a nessuno. Ha realizzato libri in modo tale che qualsiasi persona li legga. Proprio come in una scuola ci sono diverse classi; e diversi libri sono raccomandati per classi diverse. Allo stesso modo, Vyāsadeva ha dato l'intera letteratura vedica in un modo piacevole nel formao dei Purāṇa; così che ogni uomo possa essere elevato alla posizione più alta, leggendo libri come questi. Prendiamo ad esempio uno che è dipendente dall'assunzione di intossicanti, dal mangiare carne, dalla vita sessuale perché questi sono gli istinti naturali. loke vyavāyāmiṣa-madya-sevā nityā hi jantor na hi tatra codanā (SB 11.5.11). Nessuno è tenuto a dare lezione, per insegnare. A nessuno deve essere insegnato come avere un rapporto sessuale. Nessuno deve essere data lezione di come ci si può intossicare. Non vedete che le persona intossicate lo sono diventate spontaneamente? Non vi è nessuna università. Non esiste un sistema educativo che dice di prendere LSD. No. Questa è una tendenza naturale. Per intossicarsi, per prendere liquori, LSD, gāñjā, pān, oh, si può imparare molto facilmente. Per praticare vita sessuale ... loke vyavāya ... Questi, sono istinti naturali. Possono essere fatti automaticamente, non si tratta di ... Percui qual è l'utilità del libro? Il libro è per limitare. Questo loro non lo sanno. Quando Vyāsadeva raccomanda che si deve avere vita sessuale con il matrimonio, ciò intende restrizione. Questo significa restrizione. Non si può avere vita sessuale qua e là senza limitazioni. Devi avere una moglie o un marito, e anche ciò è limitato: si può avere vita sessuale solo per generare bambini. E così tante cose. L'idea è di restrizione. Non che: "Siccome ho una moglie, è una macchina per la vita sessuale". No no. Non è quello il significato del matrmonio. Matrimonio non vuol dire così. È una restrizione. L'intera civiltà Vedica è per portare gli uomini alla piattaforma trascendentale, limitando tutte le sue abitudini senza senso a zero. Ma non tutto ad un tratto. Gradualmente, a seconda dei requisiti. Allo stesso modo, per coloro che sono assuefatti dal mangiare carne: "Va bene", dice la etteratura, "Va bene. Si può mangiare la carne. Ma prima sacrifica un animale davanti all Divinità, la dea Kālī, e così lo puoi mangiare". Così che l'uomo che mangia la carne non si rivoltaerà.