IT/Prabhupada 0373 - Spiegazione di "Bhajahu Re Mana"

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Spiegazione di "Bhajahu Re Mana"
- Prabhupāda 0373


Purport to Bhajahu Re Mana -- The Cooperation of Our Mind

bhajahū re mana śrī-nanda-nandana-abhaya caraṇāravinda re. Questa è una canzone cantata dal poeta Govinda dāsa. Si sta rivolgendo alla sua mente, perché, dopo tutto, dobbiamo lavorare con la collaborazione della nostra mente. Se la nostra mente è disturbata, se la mente ci trascina a scegliere qualcos'altro, allora diventa molto difficile concentrarsi su una specifica attività. È una cosa pratica. Pertanto, il metodo yoga si propone di controllare la mente. È un processo meccanico di controllo della mente. Perché senza il controllo della mente, senza che la mente non sia disturbata, nessuno può fare alcun progresso spirituale. Ma il nostro metodo vaiṣṇava è quello di coinvolgere la mente direttamente nel servizio di devozione così che non possa uscire dall'applicazione del servizio di devozione. Questo è il nostro metodo. Ed è pratico. Se concentriamo la nostra mente sui piedi di loto di Krishna: arcanam śravaṇaṁ kīrtanaṁ viṣṇoḥ, smaraṇaṁ pāda-sevanam (SB 7.5.23). pāda-sevanam, allora la mente automaticamente viene controllata. Gli yogi cercano artificialmente di controllare la mente, ma non riescono. Ci sono molti casi di grandi, grandi yogi che falliscono. Quindi qualsiasi cosa fatta artificialmente non è possibile farla perfettamente. Pertanto il metodo di controllo della mente intende che tu dia alla mente un impegno migliore; allora la mente non sarà attratta da un'energia inferiore. Questa è la scienza o il segreto del successo. Quindi Govinda dāsa sta cercando di fissare la mente sui piedi di loto di Krishna, riconosciuti come abhaya-caraṇa. abhaya significa 'dove non c'è la paura'. Proprio come depositiamo i nostri soldi in una banca affidabile, perché pensiamo che non c'è paura di perderli. Ciò è definito abhaya, 'senza alcuna paura'; e caraṇa significa 'piedi di loto'.

Quindi Govinda dāsa sta raccomandando alla sua mente: "hū re mana, Mia cara mente"; 'hū re' è riferito alla mente. bhaja hū re mana. 'bhaja'. bhaja significa: essere impegnato nel servizio devozionale. bhaja hū ri mana śrī-nanda-nandana: nel servizio a Krishna, il figlio di Nanda. Ci sono molti, molti Krishna, ma noi siamo interessati a un particolare Krsna che è apparso come figlio di Nanda Mahārāja e figlio di Vasudeva. Perciò lo nomina specificamente. Proprio come identificando una persona col suo nome e il nome di suo padre, allora è perfettamente identificata. E così egli dice: śrī nanda-nandana; bhajahū re mana śrī-nanda-nandana abhaya-caraṇāravinda re, "I Suoi piedi di loto sono sicuri per prendere rifugio". Ci sono molti śloka nel Bhāgavatam a riguardo: samāśritā ye pada-pallava-plavam mahat-padaṁ puṇya-yaśo murāreḥ mahat-padam: sotto i piedi di loto di Krishna riposa l'intera creazione materiale. Quindi, se una tale gigantesca creazione può riposarvi, allora, se io sono un insignificante piccolo essere vivente, se prendo rifugio ai piedi di loto di Krishna, che sono senza paura, la mia sicurezza è garantita. bhajahū re mana śrī-nanda-nandana, abhaya caraṇā-ravinda re durlabha mānava-janama sat-saṅge, taroho e bhava-sindhu re. durlabha: molto raramente si ottiene questa forma di vita umana. durlabha mānava-janama. Quindi, al fine di fissare la nostra mente ai piedi di loto di Krishna, è necessario che si debba vivere in compagnia dei devoti. durlabha mānava-janama sat-saṅge. sat-saṅge significa: in compagnia dei devoti. Se non viviamo in compagnia dei devoti, se cerchiamo di fissare la nostra mente sui piedi di loto di Krishna in modo indipendente, sarà impossibile. Sarà un fallimento. Perciò dice: sat-saṅge, in compagnia dei devoti. taroho e bhava-sindhu re: il vero scopo della vita è attraversare l'oceano dell'ignoranza. Quindi, se fissiamo la nostra mente sui piedi di loto di Krishna in compagnia dei devoti, allora possiamo molto facilmente attraversare l'oceano dell'ignoranza, l'esistenza materiale. E quindi, qual è la mia attività ora? La mia attività adesso è: śīta ātapa bāta bariṣaṇa e dina jāminī jāgi re. Il mio impegno materiale è che "Non mi curo del freddo rigido, e non mi importa del caldo torrido. Non mi interessa di dormire la notte; lavoro duramente giorno e notte". śīta ātapa bāta bariṣaṇa e dina jāminī jāgi re. E per che cosa? kṛpaṇa, bhipale sevinu kṛpaṇa durajana: per il servizio a kṛpaṇa dura-jana. kṛpaṇa dura-jana significa estranei. La cosiddetta società materialista, l'amicizia, l'amore, ecc, sono in realtà estranei. Non mi possono dare effettivo progresso spirituale nella vita. Ma siamo impegnati al servizio della società, dell'amicizia, o l'amore, il nazionalismo, il socialismo...molte cose. I nostri impegni sono molteplici, ma ciò è 'biphale'. biphale significa: senza alcun risultato. Il risultato sarà che genero un certo tipo di mentalità, al fine di proteggere il cosiddetto paese, la società, la famiglia, e al momento della morte dovrò accettare un corpo secondo la mia mentalità. Quindi le persone stanno accettando così tanti mezzi abominevoli per portare avanti questi interessi della cosiddetta società, dell'amicizia e dell'amore. Il risultato è che si sta sviluppando un certo tipo di mentalità che non è umana, e la conseguenza sarà che la prossima vita si sarà costretti ad accettare un corpo in accordo a quella mentalità. Pertanto: Kṛpaṇa durajana. kṛpaṇa significa 'avaro'. Non mi daranno alcuna intelligenza, nessuna chiarimento della mia reale necessità di vita, ma tuttavia siamo impegnati al servizio di tali durajana, 'estranei'. biphale sevinu kṛpaṇa durajana capala sukha-laba lāgi' re. E c'è un poco di felicità. Altrimenti, come potrebbe un uomo lavorare così duramente giorno e notte? La felicità è il piacere del sesso, capala, 'fievole'. Vidyapati canta: tatala saikate vari bindu-sama, "Quella felicità è come una goccia d'acqua nel deserto". Il deserto richiede acqua, ma se si prende poca acqua e la si spruzza su di esso: "Ora prendi l'acqua", qual è il valore di tale acqua? Allo stesso modo, noi stiamo bramando la felicità eterna; cosa ci daranno questa società, amicizia e amore? Quindi stiamo semplicemente perdendo il nostro tempo per ottenere felicità da questo cosiddetto modo materialistico di vivere; mantenendo la società, l'amicizia e così via, semplicemente sprechiamo. biphale. biphale significa: senza alcun buon risultato. biphale sevinu kṛpaṇa durajana, capala sukha-laba lāgi' re. "Non importa, godrò personalmente. Ho la mia giovinezza, e posso guadagnare soldi, e non mi interessa della mia famiglia ". Questo è ciò che in realtà sta accadendo ora in questo momento. Nessuno si preoccupa per la famiglia, ma ci si impegna solo per mantenere se stessi, utilizzare la propria giovinezza, e tante altre cose. Percui il poeta Govinda Dāsa, sta raccomandando: "Mia cara mente, accetto che tu ora puoi godere di una vita giovane"; per questo parli di: 'dhana yaubana putra parijana, ithe ki āche paratīti re', di questo accumulo di ricchezza, di guadagnare denaro, e di questa vita giovane, di divertimento. 'e dhana yaubana putra parijana', e di società, amicizia e amore. Pensi ci sia qualche felicità reale, o felicità trascendentale? ithe ki āche paratīti re. E' qualcosa di simile all'acqua sulla foglia del loto: kamala-dala-jala, jīvana ṭalamala. Questa condizione dell'acqua è precaria, può rovesciarsi in qualsiasi momento. Effettivamente questo nostro godimento giovanile, e il fare proficui affari, può finire in qualsiasi momento. Quindi in realtà non puoi credere, o vincolare la tua fede in quel tipo di felicità. Non è un bene, perché può finire da un momento all'altro. Queste persone sono impegnate a edificare grattacieli, avere conti in banca e belle automobili, e tante cose di cui tentano di godere, ma dimenticano che può finire in ogni momento. Qualsiasi momento. Quindi è proprio come kamala-dala-jala, 'contenere dell'acqua su una foglia del loto". Non regge, si rovescia, può cadere da un momento all'altro. L'esempio è molto bello. Perciò consiglia: śravaṇa kīrtana. Istruendo la mente: "Non fare questo, non fare quest'altro", tante cose negative, la domanda successiva sarebbe, la mente potrebbe chiedere a Govinda Dasa: "In realtà che cosa vuoi fare? Stai negando tutti questi impegni materiale, d'accordo; allora qual è la tua proposta positiva?" Egli dice: "Sì, la mia proposta positiva è questa: śravaṇa kīrtana smaraṇa vandana pāda-sevana dāsya re pūjana sakhī-jana ātma-nivedana govinda dāsa-abhilāṣa re". "Mia cara mente, il mio desiderio è che tu gentilmente mi aiuti, ascoltando a riguardo di questo abhaya-caraṇāravinda, Krishna, -śravaṇa-. E lasciami cantare le Sue glorie, śravaṇa kīrtana. Permettimi di ricordare, permettimi di servire i Suoi piedi di loto, permettimi di fare amicizia con Lui. E offrire. Vorrei offrire tutto quello che ho a Lui. Questi sono i miei desideri. Se gentilmente collabori con me, allora potrò fare questo". Quindi questa è una canzone molto istruttiva, la sintesi della missione della vita umana, e chiunque vorrà seguire questo principio sarà davvero felice trascendentalmente.