IT/Prabhupada 0389 - Spiegazione di "Hari Hari Biphale"

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Spiegazione di "Hari Hari Biphale"
- Prabhupāda 0389


Purport to Hari Hari Biphale -- Hamburg, September 10, 1969

hari hari! biphale janama goṅāinu. Questa è una canzone cantata da Narottama dāsa Ṭhākura, un leale ācārya nella linea di successione di maestri, la sampradāya di Caitanya Mahāprabhu. Ha cantato molte canzoni, canzoni importanti, e le sue canzoni sono accettate come conclusioni vediche; canzoni molto autorevoli. Così egli dice, pregando Sri Krishna: "Mio caro Signore", hari hari, "ho solamente rovinato la mia vita". hari hari biphale janama goṅāinu. Perché hai rovinato la tua vita? Egli dice: manuṣya-janama pāiyā, "Ho ottenuto questa forma di vita umana", rādhā-kṛṣṇa nā bhajiyā, "ma non mi sono interessato di adorare Rādhā-Krishna; percui ho rovinato la mia vita". E come può essere? "E' esattamente come prendere del veleno consapevolmente". Se qualcuno prende del veleno senza saperlo è giustificato, ma se qualcuno prende veleno consapevolmente è un suicida. Così egli dice: "Ho commesso suicidio semplicemente per non aver adorato Rādhā e Krishna in questa forma di vita umana".

Poi dice: golokera prema-dhana, hari-nāma-saṅkīrtana: "Questo Movimento per la coscienza di Krishna, questo Movimento del saṅkīrtana , non è per nulla materiale. Proviene direttamente dal regno spirituale conosciuto come Goloka Vṛndāvana". golokera prema-dhana. Non è una canzone ordinaria; è proprio il tesoro dell'amore per Dio. "Ma non ho attrazione per questo": rati nā janmilo kene tāy. "Non ho alcuna attrazione per esso. Al contrario", visaya-biṣānale, dibā-niśi hiyā jwale, "Siccome non lo adotto, allora il fuoco ardente del veleno dell'esistenza materiale mi brucia costantemente". dibā-niśi hiyā jwale: "Giorno e notte il mio cuore è in fiamme, a causa di questo effetto velenoso dell'esistenza materiale". taribare nā koinu upāy: "Ma non cerco alcun rimedio a ciò". In altre parole, il rimedio per questo fuoco ardente dell'esistenza materiale è questo Movimento del saṅkīrtana proveniente dal regno spirituale. E chi l'ha portato?

brajendra-nandana jei, śaci-suta hoilo sei. brajendra-nandana: "Il figlio del re di Braja, che è Krishna". Krishna è conosciuto come figlio di Nanda Mahārāja, il re di Brajabhūmi. brajendra-nandana jei: "La stessa persona che è stata in precedenza il figlio di Nanda Mahārāja ora è apparsa come il figlio di Madre Śacī", śaci-suta hoilo sei. balarāma hoilo nitāi: "E Balarāma è diventato Nityānanda". Quindi questi due fratelli sono arrivati per liberare tutti i generi di anime cadute. pāpī-tāpī jata chilo: "La molttudine di anime cadute che c'erano in questo mondo furono liberate da Loro semplicemente con questo metodo del canto", hari-nāme uddhārilo, "Semplicemente con questo canto". Come è possibile ciò? Allora dice: tāra sākṣī jagāi and mādhāi, "L'esempio vivente sono i due fratelli Jagāi e Mādhāi". A questi due fratelli, Jagāi e Mādhāi, accadde di nascere in una famiglia di brāhmaṇa, ma si rivelarono essere dei dissoluti numero uno. Naturalmente, oggigiorno, in questa epoca, le loro qualità non vengono considerate dissolutezza. La loro dissolutezza era dovuta al fatto che erano ubriaconi e cacciatori di donne. Perciò furono definiti dissoluti. Ed erano anche consumatori di carne. Ma in seguito furono liberati da Caitanya e Nityānanda. Grandi devoti.

Quindi Narottama dāsa Ṭhākura spiega che in questa Era, anche se le persone sono degli ubriachi, cacciatori di donne, consumatori di carne, giocatori d'azzardo, ogni genere di attività peccaminose, tuttavia, se aderiscono a questo Movimento per la coscienza di Krishna e cantano Hare Krishna, essi saranno liberati, senza dubbio. Questa è la benedizione del Signore Caitanya. Quindi Narottama dāsa Ṭhākura prega: hā hā prabhu nanda-suta, vṛṣabhānu-sutā-juta, "Mio caro Signore Krishna, Tu sei il figlio del re Nanda, e la Tuo consorte Rādhārāṇī è la figlia del Re Vṛṣabhānu. Siete qui insieme". narottama dāsa kahe, nā ṭheliho rāṅgā pāy: "Ora mi arrendo a Voi; Vi prego non cacciatemi via, non allontanatemi con i Vostri piedi di loto, perché non ho altro rifugio. Posso solo prendere rifugio ai Vostri piedi di loto perché non ho altri mezzi. Vi prego quindi di accettarmi e liberami". Questa è l'essenza, la sostanza di questa canzone.