IT/Prabhupada 0400 - Spiegazione di "Sri Sri Siksastakam"

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Spiegazione di "Sri Sri Siksastakam"
- Prabhupāda 0400


Purport to Sri Sri Siksastakam, CDV 15

ceto-darpaṇa-mārjanam bhava-mahā-dāvāgni-nirvāpaṇaṁ
śreyaḥ-kairava-candrikā-vitaraṇaṁ vidyā-vadhū-jīvanam
ānandāmbudhi-vardhanaṁ prati-padaṁ pūrṇāmṛtāsvādanaṁ
sarvātma-snapanaṁ paraṁ vijayate śrī-kṛṣṇa-saṅkīrtanam

Il Signore Caitanya ci ha dato, in otto strofe, la Sua missione, quello che voleva fare. Viene spiegato nelle otto strofe conosciute come Śikṣāṣṭaka. śikṣa significa istruzione, e aṣṭaka significa otto. Quindi, in otto strofe, ha definito il Suo insegnamento, e Suoi discepoli successivi, i sei Gosvāmī, li hanno spiegati in volumi di libri.

Sri Caitanya dice che il soggetto è paraṁ vijayate śrī-kṛṣṇa-saṇkīrtanam: "Tutte le glorie al canto del mantra Hare Krishna, o al movimento del saṇkīrtan di Krishna". Tutte le glorie. Piena vittoria. Quale vittoria, piena vittoria? Egli lo spiega: ceto-darpana-mārjanam. Se cantate questo mantra Hare Krishna, le cose sporche che si sono accumulate nel vostro cuore a causa della contaminazione dalla materia, saranno spazzate via. Fa l'esempio che il cuore è proprio come uno specchio. Se sullo specchio si accumula della polvere allora uno non può vedere il vero volto nel riflesso. Pertanto deve essere pulito. Nella nostra attuale vita condizionata il nostro cuore è sovraccarico di così tanta polvere, accumulatasi a causa del nostro contatto con la materia da tempo immemorabile. Quindi se cantiamo questo mantra Hare Krishna allora la polvere verrà rimossa. Anche se non immediatamente, inizierà a essere rimossa. E non appena lo specchio del cuore è pulito di tutta la polvere, immediatamente uno può vedere il volto, quello che è. Quel volto significa la reale identificazione. Cantando il mantra Hare Krishna uno capirà che non è questo corpo. Questa è la nostra idea sbagliata. La polvere indica questo equivoco, l'accettare questo corpo o la mente come il sé. In realtà noi non siamo questo corpo, o la mente. Siamo anima spirituale. Così, non appena si capisce che non siamo questi corpi, subito: bhava-maha-dāvāgni-nirvāpaṇam, il fuoco ardente dei condizionamenti materiali, o il fuoco ardente delle sofferenze materiali, immediatamente si estingue. Niente più infelicità. aham brahmāsmi; come affermato nella Bhagavad-gita: brahma-bhūtaḥ prasannātmā, appena uno capisce la propria vera identificazione come anima spirituale diventa gioioso. Noi non siamo gioiosi. A causa del nostro contatto con la materia siamo sempre pieni di ansie. Cantando il mantra Hare Krishna arriveremo immediatamente allo stadio gioioso della vita. bhava-mahā-dāvāgni-nirvāpaṇam. E ciò si chiama liberazione. Quando uno diventa gioioso, libero da tutte le ansie, quella fase è la liberazione reale; perché in ogni essere vivente l'anima spirituale è per sua natura gioiosa. L'intera lotta per l'esistenza è che si è alla ricerca di quella fase gioiosa della vita, ma si sta mancando l'obiettivo. Pertanto, in ogni sforzo per la vita gioiosa, veniamo sconfitti. Questa costante sconfitta può essere superata immediatamente cantando questo mantra Hare Krishna. Questo è l'effetto di questa vibrazione trascendentale. E dopo la liberazione, dopo essere divenuti gioiosi, le gioie materiali diminuiscono. Qualunque sia la gioia di cui si vuole godere, diminuirà. Prendiamo per esempio il mangiare. Se vogliamo mangiare qualche buona pietanza, dopo averne mangiato un paio di bocconi non ne vogliamo prendere più. Ciò significa che qui, nel mondo materiale, qualunque gioia accettiamo si riduce. Ma la gioia spirituale, dice Sri Caitanya, è ānandāmbudhi-vardhanam, la gioia spirituale è proprio come l'oceano. Qui, nel mondo materiale, noi abbiamo esperienza che questo oceano non aumenta. L'oceano rimane entro i suoi limiti. Ma l'oceano della gioia spirituale aumenta. ānandāmbudhi-vardhanam. śreyaḥ-kairava-candrikā-vitaraṇam. Come aumenta? Lui dà l'esempio della luna, la luna crescente. Come la luna crescente. Come la luna che nella notte di luna nuova il primo giorno è proprio come una piccola linea ricurva, ma il secondo giorno, poi il terzo giorno, aumenta; cresce gradualmente. Allo stesso modo la vita spirituale, la vita gioiosa spirituale aumenta come il chiarore dei raggi di luna giorno dopo giorno, giorno dopo giorno, fino a raggiungere la notte di luna piena, sì. Così ceto-darpaṇa-mārjanam bhava-mahā-dāvāgni-nirvāpaṇam, śreyaḥ-kairava-candrikā-vitaraṇam vidyā-vadhū-jīvanam. E la vita diventa allora pieno di conoscenza, perché vita spirituale significa vita eterna, piena di beatitudine e piena di conoscenza. Quindi aumentiamo il nostro volume di gioia perché in proporzione aumentiamo il volume della nostra conoscenza. śreyaḥ-kairava-candrikā-vitaraṇam vidyā-vadhū-jīvanam, ānandāmbudhi-vardhanaṁ. E' proprio come un oceano, ma che tuttavia aumenta. ānandāmbudhi-vardhanaṁ, sarvātma-snapanaṁ. E' così bello che una volta situati in questo stato di vita uno pensa: "Sono pienamente soddisfatto!" sarvātma-snapanaṁ. Proprio come se si fa il bagno immersi in acqua ci si sente rinfrescati immediatamente. Allo stesso modo, in questa vita spirituale, aumentando le gioie giorno dopo giorno, si avrà la sensazione di essere pienamente soddisfatti.