IT/Prabhupada 0406 - Chiunque Conosca la Scienza di Krishna Può Essere Maestro Spirituale

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Chiunque Conosca la Scienza di Krishna Può Essere Maestro Spirituale
- Prabhupāda 0406


Discourse on Lord Caitanya Play Between Srila Prabhupada and Hayagriva -- April 5-6, 1967, San Francisco

Prabhupāda: La prima scena sarà la visita del tempio Vijaya Nṛsiṁha Garh.

Hayagrīva: Vijaya...

Prabhupāda: Vijaya Nṛsiṁha Garh.

Hayagrīva: Prenderò l'ortografia di questo da te più tardi.

Prabhupāda: Te lo dico io, V-i-j-a-y N-r-i-s-i-n-g-a G-a-r-h. Tempio di Vijaya Nṛsiṁha Garh. E' vicino al cantiere navale moderno di Visakhapatnam, C'è un grande cantiere navale indiano a Visakhapatnam. prima non era Visakhapatnam. Lì vicino, a cinque miglia di distanza da quella stazione, c'è quel bel tempio sulla collina. Quindi penso che lo scenario del tempio possa essere lì, con Caitanya Mahāprabhu che visita quel tempio, e dopo il tempio arriva sulla riva del fiume Godavari. Proprio come il fiume Gange è un fiume molto sacro, allo stesso modo ce ne sono altri, altri quattro fiumi. Yamuna, Godavari, Krishna, Narmada. Ganga, Yamuna, Godavari, Narmada, e Krishna. Questi cinque fiumi sono considerati molto sacri. Quindi Egli è arrivato sulla riva della Godavari e ha fatto il bagno e si è seduto in un bel posto sotto un albero, e canta Hare Krishna Hare Krsna. Nel frattempo vide che una grande processione stava arrivando, e questo dovrebbe essere lo scenario di quella processione. Un tempo i re e i governatori andavano a fare il bagno nel Gange con il loro seguito, la banda, molti brāhmaṇa e ogni genere di cose per fare beneficenza. Usavano andare a fare il bagno in questo modo. Così Sri Caitanya ha visto che qualcuno che arrivava con quella grande processione e Gli era stato detto di Rāmānanda Rāya, il governatore della provincia di Madras. Sārvabhauma Bhaṭṭācārya Gli aveva richiesto: "Vai nell'India del sud. Devi incontrare Rāmānanda Rāya, lui è un grande devoto". Così, quando Si sedette sulla sponda del Kaveri e Rāmānanda Rāya stava arrivando in processione Lui capì che era Rāmānanda Rāya. Ma poiché era sannyāsī non Si rivolse a lui. Ma Rāmānanda Rāya era un grande devoto e vide un buon sannyāsī, un giovane sannyāsī che stava seduto e cantava Hare Krishna. In generale i sannyāsī non cantano Hare Krishna. Loro semplicemente vibrano "Om, Om...", non Hare Krishna.

Hayagrīva: Cosa vuol dire che non Si sarebbe rivolto a lui poiché era un sannyāsī?

Prabhupāda: sannyāsīn. La restrizione è che il sannyāsī non deve elemosinare da uomini danarosi o incontrarli. Questa è una restrizione: donne e uomini facoltosi.

Hayagrīva: Ma ho pensato, Rāmānanda Rāya era un devoto...

Prabhupāda: Era devoto senza dubbio, ma esteriormente era un governatore. Esteriormente. Caitanya Mahāprabhu non andò, ma lui capì: "Ecco un buon sannyāsī!". Venne, offrì i suoi rispetti e si sedette davanti a Lui. E si riconobbero, e il Signore Caitanya disse: "Bhaṭṭācārya Mi ha già informato su di te. Tu sei un grande devoto, e così sono venuto per vederti". Allora replicò: "Quale devoto? Io sono un capitalista, un politico. Ma Bhaṭṭācārya è così gentile con me che ha chiesto Tua Santità di vedermi. Quindi, se sei venuto, Ti prego gentilmente di liberarmi da questa māyā materiale". Quindi prese appuntamento con Rāmānanda Rāya; s'incontrarono entrambi di nuovo la sera e discussero del progresso spirituale della vita. Sri Caitanya faceva domande e Rāmānanda Rāya ripondeva. Naturalmente questa è una lunga storia, come Egli interrogava e come lui rispondeva.

Hayagrīva: Rāmānanda Rāya.

Prabhupāda: Sì.

Hayagrīva: E' importante? Questa è la scena in merito all'incontro.

Prabhupāda: Ti piacerebe dare la conversazione dell'incontro?

Hayagrīva: Beh, se deve essere interpretata in scena è importante. Vuoi che presenti la discussione?

Prabhupāda: Importante è la scena in cui incontra Rāmānanda Rāya che arriva in processione; quello era un bello scenario. Queste cose sono già completate. Ora per quanto riguarda i colloqui, la sintesi del discorso era...

Hayagrīva: Dammi solo un breve riassunto.

Prabhupāda: Una breve sintesi. In questa scena Caitanya Mahāprabhu è diventato l'allievo. Non esattamente l'allievo, ma Egli domanda e Rāmānanda Rāya risponde. L'importanza della scena è che Caitanya Mahāprabhu non segue la formalità, solo i sannyāsī dovrebbero essere maestro spirituale. Chiunque conosca la scienza di Krishna può essere maestro spirituale. E per mostrare questo esempio praticamente, sebbene fosse sannyāsī e brāhmaṇa e Rāmānanda Rāya fosse un śūdra e gṛhastha, un capofamiglia, tuttavia divenne come uno studente e poneva domande a Rāmānanda Rāya. Rāmānanda Rāya si sentiva un po', voglio dire, esitante: "Come posso prendere la posizione di insegnante di un sannyāsī?" Allora Caitanya Mahāprabhu rispose: "No, no. Non esitare". Egli dichiarò che uno può essere un sannyāsī o può essere un capofamiglia, può essere un brāhmaṇa o un śūdra, non importa. Chiunque conosca la scienza di Krsna può prendere il posto di insegnante. Quindi questo fu il Suo regalo. Perché nella società indiana viene ammesso che solamente i brāhmaṇa e i sannyāsī possono essere maestro spirituale. Ma Caitanya Mahāprabhu disse: "No. Chiunque può diventare maestro spirituale, a condizione che abbia dimestichezza con la scienza". E la sintesi della discussione fu come elevare se stessi nella più alta perfezione dell'amore per Dio. E quell'amore per Dio è stato descritto come esistente in maniera più che eccellente in Rādhārāṇī, nel bhāva, nella personalità di Rādhārāṇī. E con Rāmānanda Rāya nella personalità di Lalitā-sakhī, l'amica di Rādhārāṇī, entrambi si abbracciarono e cominciarono a danzare in estasi. Questa sarà la fine della scena, con entrambi che hanno cominciato a ballare in estasi.

Hayagrīva: Rāmānanda Rāya.

Prabhupāda: E Caitanya Mahāprabhu.

Hayagrīva: Va bene.