IT/Prabhupada 0420 - Non Pensare di Essere Una Servitice di Questo Mondo

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Non Pensare di Essere Una Servitice di Questo Mondo
- Prabhupāda 0420


Lecture & Initiation -- Seattle, October 20, 1968

Prabhupāda canta il maha-mantra per l'accensione del fuoco del sacrificio e i devoti rispondono. Grazie. Ora datemi i japa. Qualcuno... Prabhupāda canta sui grani del japa e anche i devoti cantano. Come ti chiami?

devoto: Bill.

Prabhupāda: Quidi il tuo nome spirituale è Vilāsa-vigraha. V-i-l-a-s v-i-g-r-a-h-a. Vilāsa-vigraha. Cominci da qui, dal grano più grande:

Hare Kṛṣṇa Hare Kṛṣṇa Kṛṣṇa Kṛṣṇa Hare Hare
Hare Rāma Hare Rāma Rāma Rāma Hare Hare

Questo dito non deve toccare. Procedi allo stesso. In questo modo arrivi a questo lato e ricominci da qui, da questa parte. I tuoi confratelli ti insegneranno. E ci sono dieci tipi di offese che dovrai evitare. Poi le spiegherò. Hai il foglio con i dieci tipi di offese? Inchinati. (Parola per parola con Vilāsa-vigraha che ripete)

nama oṁ viṣṇu-pādāya kṛṣṇa-preṣṭhāya bhū-tale
śrīmate bhaktivedānta svāmin iti nāmine

Canta Hare Krishna e sii felice. Grazie. Hare Krishna. (Devoti cantano il japa) Il tuo nome?

devoto: Rob.

Prabhupāda: Rob. Il tuo nome spirituale è Revatīnandana. R-e-v-a-t-i, Revatī, nandana, n-a-n-d-a-n. Revatīnandana significa figlio di Revatī. Revatī era una delle mogli di Vasudeva, matrigna di Krishna. E Balarāma era suo figlio. Quindi Revatīnandana significa Balarāma. Revatīnandana dāsa brahmacārī, il tuo nome. Canta cominciando da qui e poi così via.

Hare Kṛṣṇa Hare Kṛṣṇa Kṛṣṇa Kṛṣṇa Hare Hare
Hare Rāma Hare Rāma Rāma Rāma Hare Hare

Poi prosegui. In questo modo, si arriva qua, di nuovo inizi da qui. I tuoi confratelli ti insegneranno. Inchinati. (Parola per parola con Revatīnandana che ripete)

nama oṁ viṣṇu-pādāya kṛṣṇa-preṣṭhāya bhū-tale
śrīmate bhaktivedānta svāmin iti nāmine

Ora prendi il tuo japa. Inizia. Cantate. (Devoti cantano sul japa) Di cos'è fatto questo? Metallo? Perché è così pesante questo?

Giovane: E' un seme, Swamiji.

Prabhupāda: Oh, è un seme? Che seme è?

Giovane: Non lo so. Un seme grande.

Prabhupāda: E' molto pesante. Proprio come un proiettile. Un proiettile di Krishna. (Devoti cantano il japa) Quindi, il tuo nome spirituale è Śrīmatī dāsī. Śrīmatī. S-r-i-m-a-t-i. Śrīmatī dāsī. Śrīmatī intende Rādhārāṇī.

Śrīmatī: Cosa significa?

Prabhupāda: Śrīmatī vuol dire Rādhārāṇī. Quindi Rādhārāṇī dāsī, significa che sei la servitrice di Rādhārāṇī. Non pensare di essere una servitrice di questo mondo. E' una gran fortuna diventare servitrice di Rādhārāṇī. Sì. Quindi Śrīmatī dāsī è il tuo nome. Canterai a partire da qui,

Hare Kṛṣṇa Hare Kṛṣṇa Kṛṣṇa Kṛṣṇa Hare Hare
Hare Rāma Hare Rāma Rāma Rāma Hare Hare

Poi prosegui. In questo modo arrivi da questa parte e inizi di nuovo. Sedici giri come minimo. (Parola per parola mentre Śrīmatī ripete)

nama oṁ viṣṇu-pādāya kṛṣṇa-preṣṭhāya bhū-tale
śrīmate bhaktivedānta svāmin iti nāmine

Bene. Prendi. Sii felice.

Śrīmatī: Hare Krishna.

Prabhupāda: Allora, dov'è il foglio, i dieci tipi di offese? Dov'è il foglio? Ci sono tre fasi nel canto. Quali sono?

ragazzo: E' un disegno che lei ha fatto.

Prabhupāda: Oh, hai disegnato tu questo? Bene. Davvero bello. Grazie molte.

Jāhnavā: Con la tua benedizione, daresti questo a Sharon? Vorresti dare questo a Sharon con la tua benedizione? Śrīmatī dāsī.

Prabhupāda: Oh. È una presentazione.

Śrīmatī: Grazie.