IT/Prabhupada 0421 - Le Dieci Offese da Evitare Durante il Canto del Maha Mantra - da 1 a 5

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Le Dieci Offese da Evitare Durante il Canto del Maha Mantra - da 1 a 5
- Prabhupāda 0421


Lecture & Initiation -- Seattle, October 20, 1968

Madhudviṣa: Śrīla Prabhupāda? Devo leggere le dieci offese?

Prabhupāda: Sì.

Madhudviṣa: Le abbiamo qui.

Prabhupāda: Valle a leggere. Sì, leggi.

Madhudviṣa: Le dieci offese da evitare mentre si canta il maha-mantra. 1) Ingiuriare i devoti del Signore.

Prabhupāda: Ora cercate di capire. Ogni devoto del Signore non dovrebbe essere offeso. Non importa di quale Nazione sia. Proprio come il Signore Gesù Cristo, egli è un grande devoto. E anche Muhammad è un devoto. Non è che noi siamo devoti e loro non sono devoti. Non pensate in quel modo. Chiunque predichi le glorie di Dio è un devoto. Non dovrebbe essere ingiuriato. Si dovrebbe fare attenzione.

Madhudviṣa: 2) Considerare il Signore e gli altri esseri celesti allo stesso livello, o considerare che ci siano molti dèi.

Prabhupāda: Sì. Proprio come ci sono molte sciocchezze, dicono che gli esseri celesti... Naturalmente non avete a che fare con i deva. Nella religione Vedica ci sono centinaia e migliaia di deva. Soprattutto si sostiene che sia che voi adoriate Krishna o Śiva o Kali, sia la stessa cosa. Questa è una sciocchezza. Non li si deve porre sullo stesso piano del Signore Supremo. Nessuno è più grande del Signore, nessuno è uguale al Signore. Quindi questa uguaglianza deve essere evitata. Poi?

Madhudviṣa: 3) Trascurare gli ordini del maestro spirituale.

Prabhupāda: Sì. L'ordine del maestro spirituale dovrebbe essere come la vostra vita e anima. Allora tutto sarà chiaro. Poi?

Madhudviṣa: 4) Minimizzare l'autorità dei Veda.

Prabhupāda: Sì. Nessuno dovrebbe minimizzare le Scritture autorizzate. Anche questo è offensivo. Poi?

Madhudviṣa: 5) Interpretare i santi Nomi di Dio.

Prabhupāda: Sì. Proprio come ora stiamo cantando Hare Krishna. Proprio come disse l'altro giorno un ragazzo: "E' simbolico". Non è simbolico. Noi cantiamo "Krishna" rivolgendoci a Krishna. Hare significa rivolgersi all'energia di Krishna, e noi preghiamo: "Ti prego, impegnami nel Tuo servizio". Questo è Hare Krishna. Non c'è altra interpretazione. Hare Krishna, Hare Krishna, Krishna Krishna, Hare Hare, Hare Rama, Hare Rama, Rama Rama, Hare Hare. L'unica preghiera è: "O energia del Signore! O Signore Krishna, Signore Rāma! Vi prego, impegnatemi nel vostro servizio". Questo è tutto. Non c'è un'altra seconda interpretazione.